foto di libellule per sfondi


Immagini di libellule

slideshow
slideshow


(pubblicita' VI F1)



(pubblicita' VI F4)



(pubblicita' ads F2)




















(pubblicita' VI AF)


Curiosità sulle libellule

Cosa sono le libellule?

Contrariamente a quanto si pensa la libellula è un insetto innocuo e utilissimo. Si nutre di zanzare e mosche che, anche se velocissime, non riescono a superare la sua incredibile agilità. Immaginate di poter vedere dietro alle vostre spalle senza girare la testa. Non solo dietro, anche sopra e sotto di voi. La libellula può farlo con i suoi occhi composti da 30.000 faccette che consentono di coprire da soli un angolo di visuale fino a 280 gradi. Non solo: la testa ruota quasi interamente sul suo asse, quindi viene coperto l’intero arco visivo di 360 gradi. Ecco perché prenderla è quasi impossibile.

Le ali delle libellule si muovono a 90 Km all’ora. Oltre a questa potenza di volo, che la trasforma in un caccia perfetto, ha un’eccezionale capacità di manovra: può planare su qualsiasi superficie, compiere bruschi cambi di direzione e persino volare all’indietro. In questo modo riesce a catturare anche insetti molto veloci, come vespe e mosconi. Ha muscoli alari molto sviluppati e il torace è particolarmente voluminoso.

Le sei zampe di una libellula hanno la stessa disposizione “a cesto” come quelle a uncino di un uccello da preda. Anche la libellula, infatti, deve trattenere le sue prede mentre è in volo. Inoltre il paio di zampe posteriori è spostato in avanti, in modo da spingere le prede verso la bocca. Le zampe così specializzate, però, vengono impiegate solo per catturare o appoggiarsi, ma non servono per camminare.

Insieme alle farfalle, le libellule sono tra gli insetti più conosciuti e studiati al mondo, soprattutto perché sono “creature” che in migliaia di anni hanno avuto varie evoluzioni della specie. Pensate che 320 milioni di anni fa, esisteva una libellula grande quanto un gabbiano, il Meganeura che volteggiava sopra le teste dei dinosauri. Le libellule si dividono in due grandi categorie: gli Zigotteri (= con ali simili, sottili che tengono piegate sopra il dorso) e gli Anisotteri (= con ali diverse che a riposo mantengono distese a lato del corpo).



CONTENUTI SIMILI

(pubblicita' VI CP)