foto di ghiacci ghiacciai iceberg per sfondi









Curiosità su cos'è il ghiaccio e cosa sono gli iceberg

Quando l'acqua si raffredda sotto gli 0° C le sue molecole si raccolgono insieme in forma compatta e ordinata per formare un solido: il ghiaccio.

"Iceberg" è un termine inglese di origine olandese (ijsberg, ovvero montagna di ghiaccio) che indica un blocco di ghiaccio staccatosi dai ghiacciai polari terrestri affacciati sui mari artici (Groenlandia, Spitzbergen) e antartici.

Galleggiando nell'acqua, l'iceberg viene spinto verso le medie latitudini dai venti e dalle correnti.

Le correnti calde ne sciolgono la parte sommersa, per cui l'equilibrio risulta instabile e bastano urti minimi (in rapporto alle dimensioni) perché un iceberg si capovolga. Inoltre gli iceberg costituiscono un grave pericolo per la navigazione.

Poiché la densità del ghiaccio è di circa il 10% inferiore a quella dell'acqua, l'iceberg emerge per un volume pari alla stessa percentuale.

L’iceberg più grande mai avvistato è un iceberg antartico, osservato nel 1956, che misurava 335 x 97 km, con una superficie di 31.000 km2, pari a quella del Belgio.

L’iceberg più “giramondo” è stato osservato, nel 1894, nell’Oceano Atlantico ad una latitudine di 26°30’ Sud.

Essendo costituiti da ghiaccio di ghiacciaio, originato, quindi, dalla trasformazione di neve, gli iceberg sono fatti per la gran parte da acqua dolce ed hanno rappresentato in passato un’importante riserva di acqua potabile per le popolazioni dell’estremo Nord, come gli Inuit


Cos'è una tempesta di ghiaccio?

Quando uno strato di aria calda e umida si sovrappone ad un cuscino di aria molto fredda preesistente che sta a contatto con il suolo, può verificarsi un evento meteorologico tanto affascinante quanto pericoloso: l'Ice storm o tempesta di ghiaccio.
Questo fenomeno è caratterizzato dalla caduta di quella che gli americani chiamano freezing rain, ossia pioggia che si trasforma istantaneamente in ghiaccio nel momento in cui colpisce il suolo. Questo fenomeno è molto raro in Europa mentre negli inverni Nord-Americani si presenta con una certa frequenza. Sono gli alberi e i tralicci dell'alta tensione, in genere, a subire i maggiori danni.


Sai perchè al Polo Sud fa più freddo che al Polo Nord?

Il polo sud si trova in mezzo all' Antartide, un vero e proprio continente di terraferma, coperto da ghiacci dello spessore medio di 1600 metri. Il polo nord invece si trova in pieno Oceano Artico, sopra il quale si è formata una calotta di ghiacciai perenni, dello spessore di qualche metro al massimo.

Al polo nord l'acqua del mare ha un effetto mitigatore notevole, non avendo mai una temperatura inferiore ai -2°C. E' proprio questo il principale motivo per cui le temperature, seppur molto rigide, non sono fredde come al polo sud. In inverno sono stati comunque raggiunti i -58°C, d'estate si oscilla invece tra i -10°C e i 10°C.

Il polo sud, oltre ad essere lontano dal mare, si trova ad un'altitudine elevata: il Continente Antartico, considerando la massa dei ghiacci che ricopre la superficie, è il continente mediamente più alto sul livello del mare. Quindi l'effetto del mare sul clima è quasi nullo e come è noto, aumentando l'altitudine la temperatura dell'aria diminuisce.

Le zone al centro dell'Antartide hanno temperature medie annue inferiori ai -50°C.
A Vostok, base russa prossima al polo sud, è stata registrata la temperatura più bassa di sempre: -89°C.



Libri e manuali sulla fotografia

Moments
Le foto vincitrici del premio Pulitzer. Una cronaca per immagini del nostro tempo
Buell Hal, 2011, White Star
Scattate dai migliori fotoreporter del mondo, queste emozionanti e spesso strazianti fotografie raccontano storie drammatiche e indimenticabili, formando una cronaca visiva del nostro tempo.

Fotografia
Un corso di base secondo gli insegnamenti di Ansel Adams
Schaefer John P., 1994, Zanichelli
Un manuale propedeutico all'arte della fotografia, indirizzato ai dilettanti che intendono sviluppare la fotografia in modo creativo e ai professionisti che da sempre guardano ad Adams come punto di riferimento ideale.

Fotografare
Come ottenere immagini perfette con la macchina digitale
Ang Tom, 2007, Mondadori Electa
Con semplicità e immediatezza - avvalendosi di una ricca selezione di immagini - Tom Ang spiega come sfruttare tutte le potenzialità della macchina digitale.

Fotografare con l'iPhone
Roberts Stephanie C., 2011, Logos
Questo libro vi spiegherà tutto quello che dovete sapere per trarre il massimo da questo strumento fotografico, più efficace di molte fotocamere digitali compatte. Potrete così accrescere la vostra creatività e sfruttare al meglio le potenzialità fotografiche dell’iPhone.

Capolavori della natura
Burns Abi, 2010, White Star
Questo volume fotografico è un invito alla scoperta di una serie di straordinarie meraviglie naturali e coinvolgerà il lettore in un'esplorazione a stretto contatto con la natura, con la sua forza primigenia e con i tesori di incredibile bellezza che essa racchiude.

Storie di sguardi
La fotografia da Nadar a Elliott Erwitt. Dall'invenzione all'arte della fotografia. Il mezzo dei tempi moderni. Dall'istante all'immaginario
Frizot Michel, 2005, Contrasto DUE
Una panoramica su 150 anni d'invenzione fotografica, per esplorare i diversi "modi di vedere" attraverso una serie di immagini chiave, le più significative tendenze e idee, messe qui in sequenza e analizzate nei loro reciproci rapporti.

Dizionario di fotografia
cur. Lenman R., D'Autilia G., 2008, Einaudi
Con questa opera si intende dare un quadro completo sulla fotografia, che spazia dai fotografi alle informazioni tecniche più aggiornate, dalle scuole nazionali alla critica d'arte, passando per la storia culturale dell'immagine negli ultimi 150 anni. Le oltre 1700 voci del dizionario sono state scritte da un gruppo di più di 140 specialisti internazionali.

Arte e fotografia
Campany David, 2006, Phaidon
Scrittore e artista, David Campany conduce in questo volume un'indagine sulla presenza della fotografia nella pratica artistica contemporanea, dagli anni Sessanta in avanti. L'immagine fotografica, infatti, ha acquisito sempre più peso nell'arte del Novecento, e così anche il dibattito teorico sul suo ruolo.

Fotoritocco avanzato con Adobe Photoshop
I sette punti del metodo Kelby per ottenere il meglio dalle vostre foto
Kelby Scott, 2008, Pearson
Presenta un sistema per correggere i problemi di un'immagine fotografica puntando su sette "aspetti" principali. Questo significa che al lettore viene richiesto di apprendere 7 tecniche di base utili per risolvere più o meno tutti i difetti tipicamente riscontrabili in uno scatto.



Argomenti correlati