foto di campi e campagna per sfondi


Campagne, colline, casolari e vallate

Passa a slideshow
slideshow


(pubblicita' VI F1)



(pubblicita' ibs F2)



(pubblicita' HB video)



(pubblicita' ads F4)








(pubblicita' OB AF)



Curiosità su campagne, colline e vallate

Le colline sono dei rilievi alti tra i 200 e i 600 metri sopra il livello del mare.

In Italia occupano circa il 40% del territorio e si trovano generalmente ai piedi delle Alpi e degli Appennini. Le colline sono state fin dall'antichità uno degli ambienti preferiti dall'uomo, che vi ha trovato clima mite, terreno favorevole per le coltivazioni e allo stesso tempo un luogo sicuro per ripararsi dai nemici e dalla malaria che infestava le aree acquitrinose in basso. Tutto questo ha portato al sorgere di insediamenti urbani e alla costruzione di opere umane che hanno modificato il territorio collinare.

Le colline italiane si possono dividere in quattro tipi in base alla loro origine:

1.Origine strutturale: Colline del Chianti;
2.Origine moreniche: Colline delle Langhe, del Monferrato e della Brianza;
3.Origine sedimentaria: Le Murge, colline della Sardegna e della Sicilia;
4.Origine vulcanica: Colli Euganei, Colline Metallifere e i Colli Albani.

Gli insediamenti e le attività dell'uomo in collina e in campagna sono diversi a seconda dei gruppi collinari.

Nelle Prealpi le zone di fondovalle sono le più abitate e il clima favorevole offre l'opportunità di lavorare il terreno con svariate coltivazioni, soprattutto vigneti e frutteti.

Si è sviluppata l'industria moderna spesso collegata ad antiche tradizioni artigianali. Le fasce collinari appenniniche sono state quasi abbandonate dall'uomo.

Nelle aree dove è praticabile l'agricoltura si coltiva: la vite, l'ulivo, piante da frutto. Si allevano bovini e ovini. Ultimamente il turismo si è molto sviluppato.


(pubblicita' VI CP)