LAMENTO PER IL SUD

Salvatore Quasimodo - Lamento per il sud

La luna rossa, il vento, il tuo colore
di donna del Nord, la distesa di neve...
Il mio cuore è ormai su queste praterie,
in queste acque annuvolate dalle nebbie.
Ho dimenticato il mare, la grave
conchiglia soffiata dai pastori siciliani,
le cantilene dei carri lungo le strade
dove il carrubo trema nel fumo delle stoppie,
ho dimenticato il passo degli aironi e delle gru
nell'aria dei verdi altipiani
per le terre e i fiumi della Lombardia.
Ma l'uomo grida dovunque la sorte d'una patria.
Più nessuno mi porterà nel Sud.
Oh, il Sud è stanco di trascinare morti
in riva alle paludi di malaria,
è stanco di solitudine, stanco di catene,
è stanco nella sua bocca
delle bestemmie di tutte le razze
che hanno urlato morte con l'eco dei suoi pozzi,
che hanno bevuto il sangue del suo cuore.
Per questo i suoi fanciulli tornano sui monti,
costringono i cavalli sotto coltri di stelle,
mangiano fiori d'acacia lungo le piste
nuovamente rosse, ancora rosse, ancora rosse.
Più nessuno mi porterà nel Sud.
E questa sera carica d'inverno
è ancora nostra, e qui ripeto a te
il mio assurdo contrappunto
di dolcezze e di furori,
un lamento d'amore senza amore.




EPITAFFIO PER BICE DONETTI

Salvatore Quasimodo - Epitaffio per Bice Donetti

Con gli occhi alla pioggia e agli elfi della notte,
è là, nel campo quindici a Musocco,
la donna emiliana da me amata
nel tempo triste della giovinezza.
Da poco fu giocata dalla morte
mentre guardava quieta il vento dell'autunno
scrollare i rami dei platani e le foglie
dalla grigia casa di periferia.
Il suo volto è ancora vivo di sorpresa,
come fu certo nell'infanzia, fulminato
per il mangiatore di fuoco alto sul carro.
O tu che passi, spinto da altri morti,
davanti alla fossa undici sessanta,
fermati un minuto a salutare
quella che non si dolse mai dell'uomo
che qui rimane, odiato, coi suoi versi,
uno come tanti, operaio di sogni.




ANNO DOMINI MCMXLVII

Salvatore Quasimodo - Anno Domini MCMXLVII

Avete finito di battere i tamburi
a cadenza di morte su tutti gli orizzonti
dietro le bare strette alle bandiere,
di rendere piaghe e lacrime a pietà
nelle città distrutte, rovina su rovina.
E più nessuno grida: «Mio Dio,
perché m'hai lasciato?» E non scorre più latte
né sangue dal petto forato. E ora
che avete nascosto i cannoni fra le magnolie,
lasciateci un giorno senz'armi sopra l'erba
al rumore dell'acqua in movimento,
delle foglie di canna fresche tra i capelli,
mentre abbracciamo la donna che ci ama.
Che non suoni di colpo avanti notte
l'ora del coprifuoco. Un giorno, un solo
giorno per noi, o padroni della terra,
prima che rulli ancora l'aria e il ferro
e una scheggia ci bruci in piena fronte.




THANATOS ATHANATOS

Salvatore Quasimodo - THANATOS ATHANATOS

E dovremo dunque negarti, Dio
dei tumori, Dio del fiore vivo,
e cominciare con un no all'oscura
pietra «io sono», e consentire alla morte
e su ogni tomba scrivere la sola
nostra certezza: «thànatos athànatos»?
Senza un nome che ricordi i sogni
le lacrime i furori di quest'uomo
sconfitto da domande ancora aperte?
Il nostro dialogo muta; diventa
ora possibile l'assurdo. Là
oltre il fumo di nebbia, dentro gli alberi
vigila la potenza delle foglie,
vero è il fiume che preme sulle rive.
La vita non è sogno. Vero l'uomo
e il suo pianto geloso del silenzio.
Dio del silenzio, apri la solitudine.




ORA CHE SALE IL GIORNO

Salvatore Quasimodo - Ora che sale il giorno

Finita è la notte e la luna
si scioglie lenta nel sereno,
tramonta nei canali.

È così vivo settembre in questa terra
di pianura, i prati sono verdi
come nelle valli del sud a primavera.
Ho lasciato i compagni,
ho nascosto il cuore dentro le vecchie mura,
per restare solo a ricordarti.

Come sei più lontana della luna,
ora che sale il giorno
e sulle pietre batte il piede dei cavalli!





Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI



Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI



Libri di Salvatore Quasimodo

  Fra le carte di Quasimodo. Poesie, traduzioni, saggi, lettere
2008, Storia e Letteratura
  Salvatore Quasimodo e gli autori classici. Catalogo delle traduzioni di scrittori greci e latini conservate nel Fondo Manoscritti
2008, Storia e Letteratura
  Quasimodo
Merini Alda, 2008, Acquaviva
  L'alloro di Svezia. Carducci, Deledda, Pirandello, Quasimodo, Montale, Fo. Le motivazioni del premio Nobel per la letteratura
2007, Monte Università Parma 
  Edd est subitu sero. Tottu sas poesias
Quasimodo Salvatore, 2007, Aipsa
  Rose nere
Quasimodo Salvatore, 2005, Barbieri
  Bacchelli, Betocchi, Cassola, Luzi, Quasimodo, Silone interpretano la società del Novecento
2005, Marietti
  Epigrammi. Salvatore Quasimodo
2004, Nicolodi
  Parole del secolo andato. Bigiaretti, Quasimodo e altro Novecento
Bellio Anna, 2004, Giardini 
  Salvatore Quasimodo. Un Premio Nobel dimenticato. Ediz. italiana, francese e inglese
2004, Nemapress 
  Poesia ermetica. Ungaretti, Montale, Quasimodo
Gazziano Gaetano, 2004, Il Lunario
  Tutte le poesie
Quasimodo Salvatore, 2003, Mondadori
  Nell'antico linguaggio altri segni. Salvatore Quasimodo poeta e critico
2003, Ist. Editoriali e Poligrafici
  Quasimodo e gli altri. Atti del Convegno internazionale di Lovanio (27-28 aprile 2001)
2003, Cesati
  L'isola impareggiabile. Significati e forme del mito di Quasimodo
Tedesco Natale, 2002, Flaccovio
  I poeti devono soffrire
Quasimodo Salvatore, 2002, Nicolodi
  Quasimodo amalfitano
Liuccio Giuseppe, 2002, Nicolodi
  A Salvatore Quasimodo
Aleramo Sibilla, 2001, Nicolodi
  Ugo Foscolo. Le metamorfosi della memoria (Salvatore Quasimodo e Alfonso Gatto)
D'Episcopo Francesco, 2002, Graus Editore
  Autobiografia per immagini
Quasimodo Salvatore, 2001, Via del Vento