poesie e poeti italiani e straieri




TRAMONTATA E' LA LUNA


Saffo - TRAMONTATA E' LA LUNA

Tramontata è la luna
e le Pleiadi a mezzo della notte;
anche la giovinezza già dilegua,
e ora nel mio letto resto sola.
Scuote l'anima mia Eros,
come vento sul monte
che irrompe entro le querce;
e scioglie le membra e le agita,
dolce amara indomabile belva.
Ma a me non ape, non miele;
e soffro e desidero.




E DI TE NEL TEMPO


Saffo - E  DI TE NEL TEMPO

Tu morta, finirai lì.
Né mai di te
si avrà memoria;
e di te nel tempo
mai ad alcuno nascerà amore,
poi che non curi le rose della Pieria.
E sconosciuta anche nelle case dell'Ade,
andrai qua e là fra oscuri
morti, svolazzando.

Frammento 58




SULLE BELLE CHIOME METTI GHIRLANDE


Saffo - SULLE BELLE CHIOME METTI GHIRLANDE

Tu, o Dico
sulle belle chiome metti ghirlande,
dalle tenere mani intrecciate con steli di aneto,
poichè le Càriti felici accolgono
chi si orna di fiori:
fuggono chi è senza ghirlande.




VORREI VERAMENTE ESSERE MORTA


Saffo - VORREI VERAMENTE ESSERE MORTA

Vorrei veramente essere morta.
Essa lasciandomi piangendo forte,
mi disse: " Quanto ci è dato soffrire,
o Saffo: contro mia voglia
io devo abbandonarti."
"Allontanati felice" risposi
"ma ricorda che fui di te
sempre amorosa.
Ma se tu dimenticherai
(e tu dimentichi) io voglio ricordare
i nostri celesti patimenti:
le molte ghirlande di viole e rose
che a me vicina, sul grembo
intrecciasti col timo;
i vezzi di leggiadre corolle
che mi chiudesti intorno
al delicato collo;
e l'olio da re, forte di fiori,
che la tua mano lisciava
sulla lucida pelle;
e i molli letti
dove alle tenere fanciulle joniche
nasceva amore della tua bellezza.
Non un canto di coro,
né sacro, né inno nuziale
si levava senza le nostre voci;
e non il bosco dove a primavera
il suono......




AD ERMES


Saffo - AD ERMES

Ermes, io lungamente ti ho invocato.
In me è solitudine: tu aiutami,
despota, ché morte da sé non viene;
nulla m'alletta tanto che consoli.
Io voglio morire:
voglio vedere la riva d'Acheronte
fiorita di loto fresca di rugiada.

Frammento 97




QUANTO DISPERSE LA LUCENTE AURORA


Saffo - QUANTO DISPERSE LA LUCENTE AURORA

Hesperus, tutto riporti
quanto disperse la lucente Aurora:
riporti la pecora,
riporti la capra,
ma non riporti la figlia alla madre.

Frammento 120






Argomenti correlati





Libri di Saffo

La dolce eresia di Eros. Poesie d'amore
Saffo, 2008, Barbera
Le poesie di Saffo
Elitis Odisseas, 2008, Azimut (Roma)
Liriche e frammenti. Testo greco a fronte
Saffo, 2008, Feltrinelli
Frammenti d'amore
Saffo, 2005, BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
Una mitra per Kleis. Saffo e il suo pubblico
Ferrari Franco, 2007, Giardini
L'oro di Omero. L'«Iliade», Saffo: antichissimi di Leopardi
Lonardi Gilberto, 2005, Marsilio
I papiri di Saffo e di Alceo. Atti del Convegno internazionale di studi (Firenze, 8-9 giugno 2006)
2007, Ist. Papirologico G. Vitelli
Strongyle
Saffo Alessandro; Pruiti Mario, 2006, Bonanno
Più oro dell'oro. Testo greco a fronte
Saffo, 2006, Medusa Edizioni
Il salto di Saffo
Jong Erica, 2005, Bompiani
Omaggio a Saffo. Variazioni
Gizzi Corrado, 2003, Tracce
Saffo, la decima musa
Izzi Rufo Antonia, 2002, Eva Edizioni