TRAMONTATA E' LA LUNA

Saffo - TRAMONTATA E' LA LUNA

Tramontata è la luna
e le Pleiadi a mezzo della notte;
anche la giovinezza già dilegua,
e ora nel mio letto resto sola.
Scuote l'anima mia Eros,
come vento sul monte
che irrompe entro le querce;
e scioglie le membra e le agita,
dolce amara indomabile belva.
Ma a me non ape, non miele;
e soffro e desidero.




E DI TE NEL TEMPO

Saffo - E  DI TE NEL TEMPO

Tu morta, finirai lì.
Né mai di te
si avrà memoria;
e di te nel tempo
mai ad alcuno nascerà amore,
poi che non curi le rose della Pieria.
E sconosciuta anche nelle case dell'Ade,
andrai qua e là fra oscuri
morti, svolazzando.

Frammento 58




SULLE BELLE CHIOME METTI GHIRLANDE

Saffo - SULLE BELLE CHIOME METTI GHIRLANDE

Tu, o Dico
sulle belle chiome metti ghirlande,
dalle tenere mani intrecciate con steli di aneto,
poichè le Càriti felici accolgono
chi si orna di fiori:
fuggono chi è senza ghirlande.




VORREI VERAMENTE ESSERE MORTA

Saffo - VORREI VERAMENTE ESSERE MORTA

Vorrei veramente essere morta.
Essa lasciandomi piangendo forte,
mi disse: " Quanto ci è dato soffrire,
o Saffo: contro mia voglia
io devo abbandonarti."
"Allontanati felice" risposi
"ma ricorda che fui di te
sempre amorosa.
Ma se tu dimenticherai
(e tu dimentichi) io voglio ricordare
i nostri celesti patimenti:
le molte ghirlande di viole e rose
che a me vicina, sul grembo
intrecciasti col timo;
i vezzi di leggiadre corolle
che mi chiudesti intorno
al delicato collo;
e l'olio da re, forte di fiori,
che la tua mano lisciava
sulla lucida pelle;
e i molli letti
dove alle tenere fanciulle joniche
nasceva amore della tua bellezza.
Non un canto di coro,
né sacro, né inno nuziale
si levava senza le nostre voci;
e non il bosco dove a primavera
il suono......




AD ERMES

Saffo - AD ERMES

Ermes, io lungamente ti ho invocato.
In me è solitudine: tu aiutami,
despota, ché morte da sé non viene;
nulla m'alletta tanto che consoli.
Io voglio morire:
voglio vedere la riva d'Acheronte
fiorita di loto fresca di rugiada.

Frammento 97




QUANTO DISPERSE LA LUCENTE AURORA

Saffo - QUANTO DISPERSE LA LUCENTE AURORA

Hesperus, tutto riporti
quanto disperse la lucente Aurora:
riporti la pecora,
riporti la capra,
ma non riporti la figlia alla madre.

Frammento 120







Argomenti correlati




Annunci e Argomenti correlati




Libri di Saffo

  La dolce eresia di Eros. Poesie d'amore
Saffo, 2008, Barbera
  Le poesie di Saffo
Elitis Odisseas, 2008, Azimut (Roma)
  Liriche e frammenti. Testo greco a fronte
Saffo, 2008, Feltrinelli
  Frammenti d'amore
Saffo, 2005, BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
  Una mitra per Kleis. Saffo e il suo pubblico
Ferrari Franco, 2007, Giardini
  L'oro di Omero. L'«Iliade», Saffo: antichissimi di Leopardi
Lonardi Gilberto, 2005, Marsilio
  I papiri di Saffo e di Alceo. Atti del Convegno internazionale di studi (Firenze, 8-9 giugno 2006)
2007, Ist. Papirologico G. Vitelli
  Strongyle
Saffo Alessandro; Pruiti Mario, 2006, Bonanno
  Più oro dell'oro. Testo greco a fronte
Saffo, 2006, Medusa Edizioni
  Il salto di Saffo
Jong Erica, 2005, Bompiani
  Omaggio a Saffo. Variazioni
Gizzi Corrado, 2003, Tracce
  Saffo, la decima musa
Izzi Rufo Antonia, 2002, Eva Edizioni