ERA VENEZIA

Ricky poesia era venezia gabbiani

Sghignazzano i gabbiani sui coppi di Venezia,
satolli d'immonde schifezze
abbandonate in putridi sacchetti
appesi alle finestre.

Grattacieli galleggianti
violentano la vista
di campanili e palazzi,
esibendo a sprovveduti forestieri
quel vetusto e decandente lunapark
e lasciando in ricordo del loro passo
scorie tossiche di moderni veleni.

Ricky poesia era venezia navi

Pellegrini del selfie ovunque,
indifferenti alle retro bellezze immortalate,
diffondono al mondo intero
la loro indelebile insignificante presenza.

Ricky poesia era venezia selfie

Studenti in simbiosi col loro oggetto sempre tra le mani,
vanno pendolando e blaterando all'aria,
or verso le scuole oppure l'entroterra,
invadendo ogni calle, ponte e sestiere,
senza minima cura di ciò che li circonda.

Vetrine cinesi luccicanti d'oggetti inutili
incantano i turisti coi loro pregi,
per catturare un umile ricordo
di quel paese che non v'è uguale.

Ricky poesia era venezia negozi cinesi

E nel perenne spettacolo di folle e ristoranti,
vaporetti gremiti e rumorosi scafi,
facciate preziose ed acque maleodoranti,
dighe improbabili e porti tossici,
sprofonda la città nelle sue melme.

Ricky poesia era venezia che sprofonda


Autore: Enrico Riccardo Spelta

Torna all'indice poesie Spelta up







Annunci e Argomenti correlati