RIMPIANTO

Remigio Zena - Poesie grige Rimpianto

Rammenti ancor che un brivido
Mi guizzò nello vene
Quando te, donna, udii, te, mia vainiglia,
Dirmi: ti voglio bene?
Oh non furono allor più per me solo,
Né ignudi e monchi i versi come prima.
Candide strofe mie, spiccate il volo,
Ho trovato la rima!
T'amavo! i tuoi capelli
Eran per me una bionda poesia,
Il firmamento dei tuoi occhi belli
Un'armonia,
Ed abbruciavan come nuovo olibano
I desideri profumati d'ambra
Che salivano a te, sultana splendida
Nel tuo piccolo Alhambra.
Te ne ricordi?
ubriaco di sole
M'eran l'ore fugaci
Bevendo l'onda delle tue parole,
L'aroma dei tuoi baci,
Ed, assorto nel tuo magico nimbo,
Dimenticando le cose terrene,
Ti rispondevo sempre come un bimbo:
Ti voglio bene.
Oh tu sai perché ho l'anima sì negra,
Perché sono vigliacco e perché piango,
Donna cui fece desolata ed egra
La nostalgia del fango.




EUTERPE

Remigio Zena - Poesie grige - Euterpe

Come i monelli van dei bersaglieri
Seguendo la fanfara,
Marcando il passo pettoruti e fieri,
Così a voi vanno dietro volentieri,
A voi, madonna Clara,
Birichini e orgogliosi i miei pensieri.
Siete tutta una musica d'argento,
Un sospiro di vento
Tra le piante di rosa, un'armonia
Di baci e poesia.
E dietro a voi mi trascinate, o mia
Limpida sinfonia,
In fondo al precipizio e son contento
Perché sol io vi sento.




PROFANO!

Remigio Zena - Poesie grige - Profano

Perché, signora, sempre me chiamate
A voltarvi la musica sul piano?
Le vostre dita bianche e affusolate,
Saltellanti sui tasti in modo strano
Da parer salamandre indiavolate,
Le ammirai da vicino e da lontano:
Sulla faccia e nel cuor porto stampate
Le morbidezze della vostra mano!
È effetto della musica tedesca
Se la vista si annebbia, o dell'amore
Se confondo i dïesis coi bemolle?
Ch'io rimanga a seder non vi rincresca:
È meno turca, udendola in panciolle,
La sonata di Bach in la minore.




SUSANNA D'ANGE

Remigio Zena - Poesie grige Susanna d'Ange

Anche a voi manderò l'ultimo addio
A voi che foste la mia fata buona,
Ma del cuor riluttante si sprigiona
Perché ancor non so intendere l'oblio.
Col corpo e la coscienza sul velluto
Rompete fede al cener di Sicheo
Tutti i giorni ed io - ultimo venuto -
Credevo in Imeneo!
Oh non verrò a turbar la vostra festa
Col lugubre gridìo della cornacchia;
Troppo sapete ben coprir la macchia
Perché la gente non vi creda onesta,
E a scorno del maligno che sospetta
Vi fabbricate il pudore ufficiale.
Susanna d'Ange ha l'arte e la ricetta
Del cold-cream verginale.




LA RESURREZIONE

Remigio Zena - Poesie grige La resurrezione

Domani è Pasqua. Ridon le azalee
Nelle giovani aiuole,
Di speranza e di sole
Illuminate, ridono le idee.
L'organo canta, squilla la fanfara
Nel mio cuore risorto,
Oh benedetto il morto
Che le tavole infrange della bara!
Vivo! vivo alla luce dell'amore
Che squarciò la mia notte,
Delle funeree lotte
È l'amor che m'ha fatto vincitore.
Come è serena questa vita mia
Tanto ieri sprezzata
Ed oggi avviluppata
Da una gloria di raggi e d'armonia!
Vasti orizzonti, splendide visioni
L'entusiasmo m'accenna,
Sgorgano dalla penna
Nuovi metri e nuovissime canzoni.
Pace a voi, miei fratelli; non v'assorda
L'urlo del baccanale?
Lassù c'è l'ideale,
Oh fratelli, oh poeti : sursum corda!
Pace, o Stecchetti; il tuo livido canto
Non sarà mai di festa?
In mezzo alla tempesta
Mai ti consola l'iride del pianto,
Del pianto che dileguasi in preghiera
E in letizia si muta?
Anche per te venuta
È l'ora di cantar la primavera.
Risuscitato al dì, com'io lo sono,
E beato di vivere,
M'insegnerai a scrivere
I canti dell'amore e del perdono.





Remigio Zena biografia

remigio zena Remigio Zena, Nato nel 1850 a Torino da una nobile famiglia genovese, Remigio Zena è pseudonimo di Gaspare Invrea.

Dopo un’educazione di impostazione reazionaria e cattolica che lo spinge addirittura ad arruolarsi come volontario presso gli Zuavi del Papa, si laurea in giurisprudenza nel 1873 ed entra nella magistratura ricoprendo vari incarichi in diverse città italiane.

Ha attraversato i movimenti letterari più significativi del suo tempo, dai primi entusiasmi per la scapigliatura e dal successivo movimento verista fino agli ultimi approdi decadenti.

La fase scapigliata
Collaboratore della rivista “Frou-Frou” per la quale collaborava nel 1884 partecipa alla battaglia di rinnovamento della letteratura italiana respingendo però gli eccessi esasperati e le visioni angoscianti proprie della Scapigliatura

Il suo esordio è abbastanza deludente: nel 1878 pubblica “La carriera di Natalino”, in cui si sente ancora la mancanza della lezione del Verismo: i fatti sono riferiti con un linguaggio molto colto e gestiti dallo scrittore dall’alto, intervenendo direttamente con giudizi personali, con tanto di rimproveri ai lettori

Nel 1879 pubblica altre due novelle: “Ismail”, racconto ispirato ai miti orientali e “Serafina”, novella “sociale” che verrà in seguito revisionata profondamente dopo l’impatto col verismo e sarà una delle quattro novelle facenti parte di “Anime semplici – storie umili”.

Durante la vita, questo scrittore scrive ancora romanzi e racconti che lo portano a collocare il suo modo di raccontare fra i veristi, ma a differenza del Verga, Zena usa spesso lo strumento dell’ironia per intervenire indirettamente, “coprendo spazi per una ricomparsa sotto mentite spoglie del punto di vista dell’autore”.

Remigio Zena si contrappone al Verga proprio nel giudicare diritto dell'autore di giudicare le azioni dei suoi personaggi, ancora con intenti moraleggianti anche se temprati da una gustosa ironia che è costante anche nelle sue poesie.

Da vero Verista Zena rifiuta dell’inverosimiglianza ed è sensibile alla esigenza della verità che impone agli scrittori di far parlare i loro personaggi in modo non arbitrario, mantenendo l’attenzione all’ambiente e alla tematica regionalistica, genovese nel suo caso, tanto che lo pseudonimo Zena vuol dire Genova in dialetto.

Da ricordare sono le sue opere Poesie grigie (1880), Olympia (1892, La bocca del lupo (1892), Le pellegrine (1894) e L'apostolo (1901).

Remigio Zena muore a Genova nel 1917.




Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI



Libri di Remigio Zena

  Poesie grigie. Libri tre [1880] 
La bocca del lupo 
  L'ultima cartuccia. Racconto   La bocca del lupo
  In yacht da Genova a Costantinopoli. Giornale di bordo    La bocca del lupo