LA SERA DEL DI' DI FESTA

Giacomo Leopardi Poesie famose Dolce e chiara è la notte e senza vento,
E queta sovra i tetti e in mezzo agli orti
Posa la luna, e di lontan rivela
Serena ogni montagna. O donna mia,
Già tace ogni sentiero, e pei balconi
Rara traluce la notturna lampa:
Tu dormi, che t'accolse agevol sonno
Nelle tue chete stanze; e non ti morde
Cura nessuna; e già non sai nè pensi
Quanta piaga m'apristi in mezzo al petto.
Tu dormi: io questo ciel, che sì benigno
Appare in vista, a salutar m'affaccio,
E l'antica natura onnipossente,
Che mi fece all'affanno. A te la speme
Nego, mi disse, anche la speme; e d'altro
Non brillin gli occhi tuoi se non di pianto.
Questo dì fu solenne: or da' trastulli
Prendi riposo; e forse ti rimembra
In sogno a quanti oggi piacesti, e quanti
Piacquero a te: non io, non già, ch'io speri,
Al pensier ti ricorro. Intanto io chieggo
Quanto a viver mi resti, e qui per terra
Mi getto, e grido, e fremo. Oh giorni orrendi
In così verde etate! Ahi, per la via
Odo non lunge il solitario canto
Dell'artigian, che riede a tarda notte,
Dopo i sollazzi, al suo povero ostello;
E fieramente mi si stringe il core,
A pensar come tutto al mondo passa,
E quasi orma non lascia. Ecco è fuggito
Il dì festivo, ed al festivo il giorno
Volgar succede, e se ne porta il tempo
Ogni umano accidente. Or dov'è il suono
Di que' popoli antichi? or dov'è il grido
De' nostri avi famosi, e il grande impero
Di quella Roma, e l'armi, e il fragorio
Che n'andò per la terra e l'oceano?
Tutto è pace e silenzio, e tutto posa
Il mondo, e più di lor non si ragiona.
Nella mia prima età, quando s'aspetta
Bramosamente il dì festivo, or poscia
Ch'egli era spento, io doloroso, in veglia,
Premea le piume; ed alla tarda notte
Un canto che s'udia per li sentieri
Lontanando morire a poco a poco,
Già similmente mi stringeva il core.




IMITAZIONE

Giacomo Leopardi - Imitazione Lungi dal proprio ramo,
Povera foglia frale,
Dove vai tu? Dal faggio
Là dov'io nacqui, mi divise il vento.
Esso, tornando, a volo
Dal bosco alla campagna,
Dalla valle mi porta alla montagna.
Seco perpetuamente
Vo pellegrina, e tutto l'altro ignoro.
Vo dove ogni altra cosa,
Dove naturalmente
Va la foglia di rosa,
E la foglia d'alloro.



A SE' STESSO

Giacomo Leopardi - A sè stesso Or poserai per sempre,
Stanco mio cor. Perì l'inganno estremo,
Ch'eterno io mi credei. Perì. Ben sento,
In noi di cari inganni,
Non che la speme, il desiderio è spento.
Posa per sempre. Assai
Palpitasti. Non val cosa nessuna
I moti tuoi, nè di sospiri è degna
La terra. Amaro e noia
La vita, altro mai nulla; e fango è il mondo
T'acqueta omai. Dispera
L'ultima volta. Al gener nostro il fato
Non donò che il morire. Omai disprezza
Te, la natura, il brutto
Poter che, ascoso, a comun danno impera
E l'infinita vanità del tutto.



IL SABATO DEL VILLAGGIO

La donzelletta vien dalla campagna,
In sul calar del sole,
Col suo fascio dell'erba; e reca in mano
Un mazzolin di rose e di viole,
Onde, siccome suole,
Ornare ella si appresta
Dimani, al dì di festa, il petto e il crine.
Siede con le vicine
Su la scala a filar la vecchierella,
Incontro là dove si perde il giorno;
E novellando vien del suo buon tempo,
Quando ai dì della festa ella si ornava,
Ed ancor sana e snella
Solea danzar la sera intra di quei
Ch'ebbe compagni dell'età più bella
Già tutta l'aria imbruna,
Torna azzurro il sereno, e tornan l'ombre
Giù da' colli e da' tetti,
Al biancheggiar della recente luna.
Or la squilla dà segno
Della festa che viene;
Ed a quel suon diresti
Che il cor si riconforta.

I fanciulli gridando
Su la piazzuola in frotta,
E qua e là saltando,
Fanno un lieto romore:
E intanto riede alla sua parca mensa,
Fischiando, il zappatore,
E seco pensa al dì del suo riposo
Poi quando intorno è spenta ogni altra face,
E tutto l'altro tace,
Odi il martel picchiare, odi la sega
Del legnaiuol, che veglia
Nella chiusa bottega alla lucerna,
E s'affretta, e s'adopra
Di fornir l'opra anzi il chiarir dell'alba.
Questo di sette è il più gradito giorno,
Pien di speme e di gioia:
Diman tristezza e noia
Recheran l'ore, ed al travaglio usato
Ciascuno in suo pensier farà ritorno.
Garzoncello scherzoso,
Cotesta età fiorita
È come un giorno d'allegrezza pieno,
Giorno chiaro, sereno,
Che precorre alla festa di tua vita.
Godi, fanciullo mio; stato soave,
Stagion lieta è cotesta.
Altro dirti non vo'; ma la tua festa
Ch'anco tardi a venir non ti sia grave.






Annunci e Argomenti correlati




Libri di Giacomo Leopardi

  La dimensione teatrale di Giacomo Leopardi. Atti 11º Convegno int. di studi leopardiani (Recanati, 30-9/2-10-2004 )
Olschki
  La filologia di Giacomo Leopardi
Timpanaro Sebastiano, Laterza
  Il giovane Leopardi. Un ritratto toccante e vivido del Leopardi uomo e scrittore
Santoro Vincenzo, L'Autore Libri Firenze
  Leopardi e l'invenzione della moda Patriarca Fabrizio, Gaffi Editore in Roma
  Il lettore di provincia. Vol. 130: Giacomo Leopardi: epistolario e dintorni.
Longo Angelo
  La responsabilità della prosa. Retorica e argomentazione nelle «Operette morali» di Leopardi
Neri Laura, LED Edizioni Universitarie
  L'amore nelle prose e nei versi
Leopardi Giacomo, Garzanti Libri
  Canti
Leopardi Giacomo, Barbera
  Concordanza dei «Versi puerili» e delle poesie varie di Giacomo Leopardi. Concordanza, lista di frequenza, indici
Savoca Giuseppe; Saccà Annunziata, Olschki
  Da Metastasio a Leopardi. Armonie e dissonanze letterarie italo-francesi
Sozzi Lionello, Olschki
  Il dramma a tristo fine. Leopardi e il pensiero tragico
Miranda Ernesto, B. A. Graphis
  Il fiore del deserto. E altri studi su Leopardi
Sandrini Giuseppe, Esedra
  Il fiore del deserto. Vita e opere di Giacomo Leopardi
Ruggiano Michele, Edizioni Il Chiostro
  G. Leopardi. Un taccuino napoletano
Napolitano Antonio, Ist. Culturale del Mezzogiorno
  Galileo in Leopardi
Polizzi Gaspare, Le Lettere
  Leopardi. Necessità del dolore e ribellione del canto
Tinti Lorenzo, Liguori
  Luzi oltre Leopardi. Dalla forma alla conoscenza per ardore
Medici Francesco, Stilo
  Memorie del primo amore
Leopardi Giacomo, Adelphi