poesie e poeti italiani e straieri




SU UNA LETTERA NON SCRITTA


Eugenio Montale Per un formicolìo d'albe, per pochi
fili su cui s'impigli
il fiocco della vita e s'incollani
in ore e in anni, oggi i delfini a coppie
capriolano coi figli? Oh ch'io non oda
nulla di te, ch'io fugga dal bagliore
dei tuoi cigli. Ben altro è sulla terra.
Sparir non so né riaffacciarmi; tarda
la fucina vermiglia
della notte, la sera si fa lunga,
la preghiera è supplizio e non ancora
tra le rocce che sorgono t'è giunta
la bottiglia dal mare. L'onda, vuota,
si rompe sulla punta, a Finisterre.




SPESSO IL MAL DI VIVERE


Eugenio Montale Spesso il male di vivere ho incontrato:
era il rivo strozzato che gorgoglia,
era l'incartocciarsi della foglia
riarsa, era il cavallo stramazzato.
Bene non seppi, fuori del prodigio
che schiude la divina Indifferenza:
era la statua nella sonnolenza
del meriggio, e la nuvola, e il falco alto levato.



PORTAMI IL GIRASOLE

Portami il girasole ch'io lo trapianti
nel mio terreno bruciato dal salino,
e mostri tutto il giorno agli azzurri specchianti
del cielo l'ansietà del suo volto giallino.
Tendono alla chiarità le cose oscure,
si esauriscono i corpi in un fluire
di tinte: queste in musiche. Svanire
é dunque la ventura delle venture.
Portami tu la pianta che conduce
dove sorgono bionde trasparenze
e vapora la vita quale essenza;
portami il girasole impazzito di luce.



MOLTI ANNI E UNO PIU' DURO


Eugenio Montale Molti anni, e uno più duro sopra il lago
straniero su cui ardono i tramonti.
Poi scendesti dai monti a riportarmi
San Giorgio e il Drago.
Imprimerli potessi sul palvese
che s’agita alla frusta del grecale
in cuore… E per te scendere in un gorgo
di fedeltà immortale.



MERIGGIAR PALLIDO E ASSORTO


Eugenio Montale Meriggiare pallido e assorto
presso un rovente muro d' orto,
ascoltare tra i pruni e gli sterpi
schiocchi di merli, frusci di serpi.

Nelle crepe del suolo o su la veccia
spiar le file di rosse formiche
ch' ora si rompono ed ora s' intrecciano
a sommo di minuscole biche.

Osservare tra frondi il palpitare
lontano di scaglie di mare
mentre si levano tremuli scricchi
di cicale dai calvi picchi.

E andando nel sole che abbaglia
sentire con triste meraviglia
com' é tutta la vita e il suo travaglio
in questo seguitare una muraglia
che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia.





Annunci e Argomenti correlati





Libri di Eugenio Montale

Lo «spettro ideale». Saggi su Gozzano, Saba, Montale
Pappalardo Ferdinando, Palomar di Alternative
Montale e l'«orrido repertorio operistico». Presenze, echi, cronache del melodramma tra versi e prose
Rossi Luca C., Sestante
Trasparenze. Vol. 30: 50 anni della Bufera di E. Montale.
San Marco dei Giustiniani
Gli "ossi brevi" di Eugenio Montale. I veri significati, analisi metrico-stilistica, commento
Cencetti Claudio, Titivillus
Le affinità di Montale. Letteratura ligure del Novecento
Mosena Roberto, Studium
Amico dell'invisibile. La personalità e la poesia di Eugenio Montale
Marchese Angelo, Interlinea
Lettere a Clizia
Montale Eugenio, Mondadori
Lettere da casa Montale (1908-1938)
Zuffetti Zaira, Ancora
Montale, Kavafis e la Grecia moderna
Luciani Cristiano, Azimut (Roma)
Palinsesti montaliani. Riletture in trasparenza
Vacante Natàlia, Il Nuovo Melangolo
Da Montale a Montale. Autografi, disegni, lettere, libri
CLUEB
La Liguria di Montale
Garbarino Lorenza, Ibiskos Editrice Risolo
La poesia di Montale. Ossi di seppia
Bonora Ettore, Edizioni dell'Orso
Poesia ermetica. Ungaretti, Montale, Quasimodo
Gazziano Gaetano, Il Lunario