evaristo baschenis Strumenti musicali (1650)




Biografia e vita di Evaristo Baschenis

Autoritratto di Evaristo Baschenis La biografia di Evaristo Baschenis, uno dei più insigni pittori bergamaschi del 600, rimase dubbia fino alle recenti ricerche archivistiche di Pietro Capuani che accertò, grazie al ritrovamento dell'atto di battesimo nel registro parrocchiale di S. Alessandro in Colonna, la data di nascita risalente al 7 dicembre 1617.

L'atto certifica anche il nome del padre, Simone, confermato anche da un documento del 1631; si risale invece al nome della madre, Maddalena Francesca Volpi, grazie ad un documento di vendita del 1647 (archivio di Stato di Bergamo).

La famiglia Baschenis, originaria di Averara, nell'alta Val Brembana, ebbe una lunga tradizione in campo artistico tanto è vero che taluni suppongono che il collaboratore di Evaristo, firmante B.B., altri non sia che il fratello Bartolomeo.

Baschenis prese gli ordini tra il 1640 e il 1643, visto che in un atto del 1940 viene citato semplicemente Evaristo Baschenis senza cioè le voci Pre o Reverendo che lo precedono invece già in documenti del '43.

E' proprio in questi anni che dovette iniziare l'attività pittorica del "Prevarisco", subito dopo il passaggio alla condizione di ecclesiastico, senza che se ne conosca, a tutt'oggi, né il maestro che lo avviò alla professione né l'iter formativo.
Dipinto di Evaristo Baschenis
La sua vita di sacerdote gli consentì comunque di viaggiare (è quasi certo un soggiorno a Venezia) e di esercitare la sua attività artistica con il massimo della libertà e della disponibilità di tempo, essendo egli tra l'altro in buone condizioni economiche.

Baschenis si applicò quasi esclusivamente al genere della Natura morta, cucine e soprattutto strumenti musicali; questi ultimi sono gli unici attori della scena rappresentata, dal momento che Baschenis aboliva nelle sue opere la figura umana.

L'interesse per gli strumenti musicali è dovuto al fatto che Evaristo era un musicista, come dimostra il suo autoritratto nel Trittico Agliardi; inoltre è storicamente accertato che la pratica musicale, associata alla poesia, alla letteratura e alla storia, era allora diffusa nelle famiglie agiate bergamasche.

Libro di Evaristo BaschenisIntorno agli anni '50, il pittore si legò d'amicizia con Jacques Courtois, detto il Borgognone delle battaglie, in soggiorno di lavoro nella città lombarda, con il quale intrattenne per lunghi anni rapporti epistolari e professionali. Egli eseguì copie delle sue opere, richiestissime dai collezionisti locali.

Il lavoro più prestigioso e impegnativo di Baschenis fu quello realizzato per la biblioteca del monastero di San Giorgio Maggiore a Venezia.

Importanti scoperte archivistiche, volte ad illuminare la sua vita e la sua attività artistica, sono il testamento olografo del pittore; l'inventario dei suoi beni e della sua collezione di dipinti; la nota della vendita di quanto conservato nella sua casa-bottega al momento della morte, sopraggiunta il 16 marzo 1677.






Galleria opere d'arte di Evaristo Baschenis

slideshow
slideshow

evaristo baschenis Strumenti musicali
Strumenti musicali

evaristo baschenis Strumenti musicali (1650)
Strumenti musicali (1650)

evaristo baschenis Strumenti musicali (1650)
Strumenti musicali (1650)

evaristo baschenis Strumenti musicali (1675)
Strumenti musicali (1675)

evaristo baschenis Strumenti musicali
Strumenti musicali

evaristo baschenis (1645)
(1645)

evaristo baschenis Noli me tangere (1490)
Noli me tangere (1490)

baschenis evaristo Autoritratto con strumenti musicali
Autoritratto con strumenti musicali


Annunci e Argomenti correlati




Libri su Evaristo Baschenis e sulla Natura Morta

  Evaristo Baschenis e la natura morta in Europa
cur. De Pascale E., 1996, Skira
  La natura morta. Storia, forme, significati
Ebert Schifferer Sybille, cur. Cassanelli R., 1998, Jaca Book
  La natura morta. Storia, artisti, opere
Bortolotti Luca, cur. Pescio C., 2010, Giunti Editore
  Disegno design. Natura morta e vita metafisica
Rossi Adriana, 2005, Officina
  La natura morta. Storia, artisti, opere
Bortolotti Luca, cur. Pescio C., 2003, Giunti Editore
  La natura morta
Battistini Matilde, Impelluso Lucia, cur. Zuffi S., 2006, Mondadori Electa
  Natura morta. Manuale completo
Mammoliti Michelangelo, cur. Bussagli M., 2005, Giunti Demetra
  Museo della natura morta
cur. Casciu S., 2009, Sillabe
  Natura morta
Byatt Antonia S., 2005, Einaudi
  Natura morta con picchio
Robbins Tom, 2010, B.C. Dalai Editor
  Natura morta ad acquarello
Webb David, 2004, Il Castello
  Quattordici importanti dipinti di natura morta del Seicento e del Settecento
cur. Baldassari F., 2002, Polistampa