la morte di cleopatra 1878




Biografia e vita di Achille Glisenti (1848-1906)

achille glisenti Achille Glisenti nacque a Brescia il 1° ottobre 1848.

La sua formazione artistica iniziò a Brescia sotto la guida di Luigi Campini e proseguì in seguito a Milano all'Accademia di Brera con Eleuterio Pagliano appassionandosi al quadro di genere, rimanendo estraneo ai movimenti più moderni del tempo.

Dipinto di Achille GlisentiIn Francia l'Impressionismo, rifiutando le accademie, apriva la via ad una rivoluzionaria concezione dell'arte che Pagliano stesso, Induno, Hayez e Bertini accolsero, ma che fu ignorato da Glisenti.

La produzione di Achille Glisenti si distinse presto per la grande qualità tecnica ed esecutiva, che lo rende uno degli autori più significativi dell’Ottocento bresciano, e forse l’unico, in quest’ambiente, ad accostarsi alla pittura realista a sfondo sociale.

Al periodo milanese seguì un soggiorno a Monaco di Baviera, dove entrò in contatto con l’Accademia di Vienna, ma anche con la contro-Accademia, ovvero con l’ambiente in rottura con lo stile ufficiale; frequentò lo studio di Diez e divenne amico di Arnold Böcklin e Zimmermann.

Le tematiche del pittore percorrono due vie, una in stile accademico riprende scene d’eleganza salottiera o di genere orientalista e l'altra, più spontanea, quando utilizza una pittura più veloce e sincera, in ritratti vividi o bozzetti agresti.

Pittura di Achille GlisentiRecatosi a Firenze vi aprì una bottega antiquaria continuando a dipingere con il solito mestiere, tradizionali e dettagliate scene di genere in costumi sei e settecenteschi, tele orientaleggianti, che piacevano al mercato anglosassone o, ispirandosi a soggetti del suo tempo, simpatiche composizioni con personaggi originali.

Entrato in contatto con i Macchiaioli toscani, ne sentì forte l’influenza: pur restando fedele ai canoni cui era stato educato, prese il gusto della pennellata mossa, dell'aria aperta e della maggiore varietà di motivi, acquisendo una più spiccata almeno nei soggetti.

Noto e ricercato ritrattista della borghesia e dei notabili, grazie all'amico Zanardelli, Achille Glisenti riuscì persino a ritrarre Re Umberto I e la regina Margherita.
Uomo d'azione e buon patriota, il pittore combatté con Garibaldi nel 1866.

Achille Glisenti, puntuale esecutore entro i confini di una tradizione accademica che suggeriva precise coordinate prospettiche e coloristiche, non abbandonò mai la concretezza del naturalismo lombardo, ma i macchiaioli toscani gli insegnarono a passare dal chiaroscuro all’effetto di luce reale.

Naturalmente il pittore, per queste sue scelte, fu molto discusso, contestato ed accusato di tecnicismo e di mancanza di spirito veramente artistico, ma a distanza di alcuni decenni dalla sua morte, a Firenze il 21 dicembre 1906, la sua pittura venne intelligentemente rivalutata e studiata come si merita.






Galleria opere d'arte di Achille Glisenti

slideshow
slideshow

achille glisenti La morte di Cleopatra (1878)
La morte di Cleopatra (1878)

Il bagno (1890)
Il bagno (1890)

Diana e una ninfa (1870)
Diana e una ninfa (1870)

La toilette (1885)
La toilette (1885)

achille glisenti Ritratto della regina Margherita (1892)
Ritratto della regina Margherita (1892)

Ritratto di giovane donna (1885)
Ritratto di giovane donna (1885)

Ritratto di giovane donna (1895)
Ritratto di giovane donna (1895)

Bambina con cani (1875)
Bambina con cani (1875)

achille glisenti Anziano in abito orientale (1879)
Anziano in abito orientale (1879)

Ragazzo che legge
Ragazzo che legge

Anziani
Anziani

Partita a carte (1875)
Partita a carte (1875)

achille glisenti Ci sei cascato! (1889)
Ci sei cascato! (1889)

Racconto di caccia
Racconto di caccia

Prigionieri della rivoluzione (1890)
Prigionieri della rivoluzione (1890)

Salotto veneziano (1879)
Salotto veneziano (1879)

Matrimonio in Tirolo (1877)
Matrimonio in Tirolo (1877)

achille glisenti Castello di Creto (1877)
Castello di Creto (1877)


Annunci e Argomenti correlati




Libri sulla Pittura Lombarda

  Caravaggio. La luce nella pittura lombarda
Mondadori Electa
  Paesaggi. Pretesti dell'anima. Visioni ed interpretazioni della natura nell'arte italiana dell'Ottocento
 Skira
  Alto milanese. E Galleria opere d'arte del '500 lombardo. Ediz. italiana e inglese
 Touring
  I Ligari. Pittori del Settecento lombardo
Skira
  Pittura in Lombardia. Dall'età spagnola al neoclassicismo
 Mondadori Electa
  William Congdon. Atlante dell'opera in Lombardia 1979-1998
Mangini Paolo,Jaca Book
  Luce e ombra. Caravaggismo e naturalismo nella pittura toscana del Seicento
Carofano Pierluigi Felici
  La natura e il paesaggio nella pittura italiana
Silvana
  Giovanni da Milano. Capolavori del gotico fra Lombardia e Toscana
Giunti Editore
  Pittura murale nel Medioevo lombardo. Ricerche iconografiche (Secoli XI-XIII)
 Jaca Book