kazimir_malevich_fioraia_1903




Biografia e vita di Kazimir Malevich (1878-1935)

Ritratto di  Kazimir MalevichKazimir Malevich, pittore russo fondatore della corrente Suprematista, è stato il primo pittore a dipingere un quadro totalmente astratto: il “Quadrato nero su fondo bianco” nel 1913.

Figlio di un caposquadra in una fabbrica di zucchero, Kazimir Malevich, nacque a Kiev il 23 febbraio 1878, non ottenne una specifica istruzione e solo a 17 anni poté frequentare la scuola d’Arte di Kiev.

Trasferitosi a Mosca nel 1904 per frequentare l’Accademia d'Arte, inizialmente Malevich dipingeva alla maniera Impressionista e la sua prima personale del 1909 non ottenne una buona accoglienza.

Ma lo stile di Kazimir Malevich era ancora in evoluzione, i quadro dipinti dal 1909 indicano una forte influenza dei francesi Post-impressionisti, dai Fauves, e dai Nabis, i cui dipinti aveva visto nelle collezioni moscovite.

In seguito il suo stile si modificò intorno al 1911 in una tecnica intermedia fra il Cubismo ed il Futurismo, riprendendo dal primo la frammentazione della forma e dal secondo la moltiplicazione dell’immagine, molto più vicino a Fernand Léger che a Pablo Picasso e Georges Braque.

Nel 1913 Kazimir Malevich aveva proseguito nella elaborazione delle immagini in modo che le fossero irriconoscibili, spingendo poi l'astrazione al limite estremo dipingendo un rettangolo nero su fondo bianco: il primo lavoro Suprematista.

Nel 1915 il suprematismo venne teorizzato in un manifesto scritto in collaborazione con Majakovskij ed in seguito, la poetica del movimento, venne definitivamente fissata nel saggio “Il Suprematismo ovvero il mondo della non rappresentazione”.
Dipinto di Kazimir Malevich
Per alcuni anni, le composizioni di Kazimir Malevich, si arricchirono gradualmente nella gamma cromatica, nelle forme (triangoli e frammenti di cerchi) ripristinando addirittura qualche illusione di profondità, ritornando infine alla purezza dei suoi ideali originari dipingendo “Quadrato bianco su fondo bianco”.

Con questa ultima opera del 1919 Kazimir Malevich dichiarò conclusa l’esperienza Suprematista e si dedicò principalmente all’insegnamento, alla scrittura cominciando ad interessarsi di architettura.

Nei primi anni 1920 il governo sovietico aveva cominciato ad assumere un atteggiamento negativo verso l'arte astratta, totalmente inadatta come strumento di propaganda e aveva iniziato a sostenere "realismo socialista".

Nonostante ciò era stato permesso, a Malevich andare all'estero nel 1927 per esporre il suo lavoro.

Così Malevich espone a Varsavia e in seguito a Berlino alla "Große Berliner Kunstausstellung" entrando in contatto con molti artisti e architetti, tra cui Jean Arp, Naum Gabo, Kurt Schwitters, Le Corbusier.

Su invito di Gropius, visita il Bauhaus, che per l'occasione pubblica il volume "L'arte non oggettiva".
Nel 1929 viene allestita una sua personale presso la Galleria Tretyakov di Mosca.

Nel 1930, a causa dei suoi rapporti con gli artisti tedeschi e del nuovo corso del regime sovietico, Malevich viene arrestato. Molti modelli, disegni e appunti finiscono distrutti.

Rilasciato, comincia di colpo a realizzare opere di carattere "stranamente" figurativo. Come per magia, escono dallo studio svariate tele naturaliste datate ai primi anni del 1910, prima di allora assolutamente sconosciute.

Kazimir Malevich cerca di adeguarsi alle direttive del partito, dipingendo classici ritratti ai suoi familiari ed amici.

Emarginato e povero Kazimir Malevich morì di cancro a Leningrado nel 1935 e fu sepolto in una bara che egli stesso aveva decorato con motivi suprematisti.






Galleria opere d'arte di Kazimir Malevich

slideshow
slideshow

kazimir_malevich_fioraia_1903
La fioraia (1903)

kazimir_malevich_nel_boulevard_1903
Nel boulevard (1903)

kazimir_malevich_primavera_1904
Primavera (1904)

kazimir_malevich_primavera_1905
Primavera (1905)

kazimir_malevich_bozza_per_affresco_1907
Bozza per un affresco (1907)

kazimir_malevich_La società con cappello a cilindro (1908)
La società con cappello a cilindro (1908)

kazimir_malevich_autoritratto_1908
Autoritratto (1908)

kazimir_malevich__bagnanti_1908
Bagnanti (1908)

kazimir_malevich_carpentiere_1908
Carpentiere (1908)

kazimir_malevich_nel_bagno_1910
Nel bagno (1910)

kazimir_malevich_pulitori_di_pavimenti_1911
Pulitori di pavimenti (1911)

kazimir_malevich_pedicure_nei_bagni_1911
Pedicure nei bagni (1911)

kazimir_malevich_mietitura_1912
Mietitura (1912)

kazimir_malevich_tagliaboschi_1912
Tagliaboschi (1912)

kazimir_malevich_guardia_1913
Guardia (1913)

kazimir_malevich_eclisse_solare_con_monnalisa
Eclisse solare con monna Lisa

kazimir_malevich_alleati_francesi_1914
Alleati francesi (1914)

kazimir_malevich_suprematism_1915
Suprematism (1915)

kazimir_malevich_suprematism_1915
Suprematism (1915)

kazimir_malevich_suprematism_1916
Suprematism (1916)

kazimir_malevich_reapers_1909
Reapers (1909)

kazimir_malevich_mietitura
Mietitura

kazimir_malevich_haymaking_1930
Haymaking (1930)

kazimir_malevich_testa_di_donna
Testa di donna

kazimir_malevich_busto_di_donna
Busto di donna

kazimir_malevich_ragazze_nei_campi_1928
Ragazze nei campi (1928)

kazimir_malevich_contadini_1928
Contadini (1928)

kazimir_malevich_bagnanti_1930
Bagnanti (1930)

kazimir_malevich_paesaggio_con_casa_bianca_1930
Paesaggio con casa bianca (1930)

kazimir_malevich_autoritratto_1933
Autoritratto (1933)

kazimir_malevich_donna_con_pettine_1933
Donna con pettine (1933)

kazimir_malevich_ritratto_della_moglie_1933
Ritratto della moglie (1933)


Annunci e Argomenti correlati




Libri su Kazimir Malevich e l'Astrattismo

  Kazimir Malevic. Oltre l'astrazione. Oltre la figurazione
 Skira
  Astrattismo italiano. Incontri con quindici artisti
Simongini Gabriele, De Luca Editori d'Arte
  Lo squarcio di Kazimir Malevic
Ponzio Luciano, Spirali
  Astrattismo. Un linguaggio non oggettivo
Carollo Sabrina, Giunti Editore
  Astrattismo
Nigro Covre Jolanda, Federico Motta Editore
  Dal futurismo all'astrattismo
2002, De Luca Editori d'Arte