edouard_richter_decisione_finale




Biografia e vita di Edouard Richter (1844 - 1913)

Dipinto di Edouard Richter Edouard Frederic Wilhelm Richter, pittore di nazionalità tedesca, nasce a Parigi il 13 giugno 1844, ma avendo una madre olandese trarre la sua infanzia nei Paesi Bassi.

Richter inizia i suoi studi artistici presso l'Accademia di Belle Arti dell'Aja, proseguiti poi ad Anversa.

In seguito per concludere il suo apprendistato da pittore si è trasferito a Parigi ed ha frequentato l'Académie des Beaux-Arts dove studiò sotto Ernest Hébert e Léon Bonnat.

Come altri pittori dell'epoca Edouard Richter era attratto dall'Orientalismo e, accettato per la prima volta al Salone di Parigi del 1866, ha presentato un quadro del genere, intitolato "Orientale à la Fontaine, Alger".

Quel quadro e altri simili, hanno subito ottenuto successo nel campo commerciale, anche tra i collezionisti americani, permettendogli una vita agiata.

Nel corso della sua carriera, il pittore ha dipinto soprattutto soggetti ed ambienti del Harem: belle donne esotiche, vestite di costumi elaborati dai colori vivaci riprese in un ambiente ricco e magnifico, sono i soggetti preferiti.
Pittura di Edouard Richter
Le sue composizioni sono il prodotto di intricati schemi immaginari che mescolano diversi elementi architettonici ed etnografici precisi; ogni dettaglio è frutto di una ricerca lunga e ben documentata e molti artisti negli anni fra il 1870 ed il  1880, in particolare pittori austriaci e tedeschi che si erano stabiliti a Parigi, come Ludwig Deutsch e Rudolf Ernst, lo consideravano il loro maestro.

Quando Richter divenne membro della prestigiosa Société du Salon des Artistes Français nel 1881, Maurice du Seigneur lo ha accolto con queste parole: "Mr. Richter porta un lusso infinito per il suo tocco finale, la sua tavolozza è un caso gioielli incantevole in cui i colori sono come topazi, rubini e zaffiri allo stato liquido e rimaniamo attoniti di fronte alle sue opere di charme "(L'art et les artistes du Salon de 1881, Paris, 1881, p. 130).

Molto popolare sia come ritrattista che come orientalista, continua a partecipare ad esposizioni a concorso, aggiudicandosi un terzo posto con medaglia nel 1901, un secondo posto con medaglia nel 1902, poi, fuori concorso e ha continuato ad apparire al Salon fino al 1904.

Pur non essendo considerato un grande pittore, le sue opere che si limitano ai temi delle raffigurazioni di harem con sensuali odalische e rare presenze maschili di orgogliose guardie, hanno ancora mercato e vengono vendute alle aste fra i 15 ed i 20 mila euro.

Edouard Richter, muore il 4 marzo 1913.




Galleria opere d'arte di Edouard Richter

slideshow
slideshow

edouard_richter_l_offerta
L'offerta

edouard_richter_la_fortuna
La fortuna

edouard_richter_nel_harem
Nell'harem

edouard_richter_la_fuggiasca
La fuggiasca

edouard_richter_Harem
Harem

edouard_richter_la_preferita_del_sultano
La preferita del sultano

edouard_richter_decisione_finale
Decisione finale

edouard_richter_Harem
Harem

edouard_richter_la_sposa_in_inverno
La sposa d'inverno


Argomenti correlati




Libri sulla pittura dell'Ottocento e sulla pittura Orientalista

  Les Orientalistes de L'Ecole Britannique
Ackerman, Gerald M.;
Edition Acr
  L'Art du XVIIIe Siecle Sige Au En France
Pallot, GB Bill; Lagerfeld, Karl; Edition Acr
  Orientalisti americani: gli orientalisti, Volume 10
Ackerman, Gerald M.;
Edition Acr
  Come leggere i vittoriani? Testi di illustrazione e di rappresentazione dell'800 inglese
Kemeny Tomaso, 2000, Ibis
  Pittori dell'Ottocento
2002, Polistampa
  Paesaggisti inglesi
2002, Rusconi Libri
  La pittura in Europa. Il dizionario dei pittori
2002, Mondadori Electa
  Alma-Tadema
Querci Eugenia, 2007, Giunti Editore
  Millais, Rossetti, Burne-Jones e i preraffaelliti
Robinson Michael, Januszewska Yvonna, 2009, Logos
  Sopra il reale. Osmosi interartistiche nel preraffaellitismo e nel simbolismo inglese
Spinozzi Paola, 2005, Alinea
  Miti e mondi vittoriani. La cultura inglese dell'Ottocento
Marroni Francesco, 2004, Carocci
  Dizionario dei nuovi paesaggisti
Nicolin Pierluigi, Repishti Francesco, 2003, Skira