Paesaggio con case rosse (1917)




Biografia e vita di Chaim Soutine (Lituania 1894 - Parigi 1943)

Chaim Soutine, pittore impressionista.
Chaim Soutine, pittore impressionista
Decimo di undici figli di un sarto di origine ebrea. Già da bambino si diverte a disegnare, andando contro la religione ebraica che vieta la raffigurazione di persone.

Dopo avere ritratto il macellaio del paese, Chaïm viene violentemente picchiato dal figlio del macellaio, che viene condannato ad un risarcimento in denaro.

Con i 25 rubli del risarcimento, il pittore in erba lascia la città natale di Smilovitchi e si trasferisce a Minsk e, poi a Vilnius, dove studia all'Accademia.

Su invito di un suo connazionale, Chaïm Soutine arriva a Parigi a vent'anni.

A Parigi Soutine conosce fra gli altri Modigliani con cui stringe una grande amicizia, diventando il suo compagno di bevute. Modigliani nel 1916 gli fa un ritratto.

Dal 1913 al 1923 Soutine fa una vita molto povera, patendo il freddo e la fame.

Il pittore è piuttosto rozzo e selvaggio e per questo non gode di molte simpatie neppure fra gli artisti.

A partire dal 1918 Soutine alterna il soggiorno a Parigi con viaggi nella Francia, soprattutto nelle regioni mediterranee e nei Pirenei.

Quando si trova a Parigi dipinge e studia i quadri dei pittori esposti al Louvre, dove passa giornate intere.

E' affascinato da Rembrandt, Velázquez e Courbet, dai quali assimilerà l'uso della luce, imiterà lo stile e riprodurrà, a suo modo, gli stessi soggetti.

Soutine ama dipingere ritratti, nature morte, paesaggi, ma solo raramente Chaïm riesce a vendere qualcosa e se qualcuno non apprezza abbastanza i suoi quadri, li distrugge.

Temendo orgogliosamente di essere confuso con altri, non partecipa mai a collettive, privandosi così delle occasioni per farsi conoscere.

Durante i soggiorni a Céret e a Cagnes (1919-22) Soutine si dedica al paesaggio e alle nature morte e nei suoi paesaggi, dai colori violenti e spesso discordanti, raggiunge effetti analoghi a quelli degli espressionisti tedeschi.

Il suo linguaggio materico, drammatico e frenetico, che distrugge la prospettiva tradizionale, non piace al pubblico, ma, grazie alla conoscenza e all'apprezzamento di mercanti quali Léopold Zborowski e di collezionisti quali Albert C. Barnes, Madeleine e Marcel Castaing, il pittore riesce a superare le difficoltà legate al suo temperamento inquieto.

Dopo il periodo dei paesaggi e delle nature morte, Soutine si dedica al ritratto. I suoi quadri danno grandi emozioni e nei ritratti esprime una drammatica malinconia interiore.
Chaim Soutine
Ben 22 opere di Soutine sono raccolte dal collezionista e mercante d'arte Paul Guillaume che, nel 1922 lancia l'artista che lo aveva conquistato con la tavolozza ardente ed una potenza espressionista sconosciute nella Parigi del periodo tra la prima e la seconda guerra mondiale.

Così nel 1923 la situazione economica di Soutine cambia.

L' artista conosce finalmente il benessere, ma non dipinge metodicamente, il suo temperamento lo porta ad alternare momenti di irrefrenabile ispirazione a lunghi periodi di inattività.

Soutine esercita una grande influenza sugli artisti di fine Novecento, superando la lezione dell'Impressionismo che, pur avendo rivoluzionato il modo di dipingere, non era uscito dai canoni del Naturismo.

Nel lavoro di Soutine l’arte si libera dalle tradizioni culturali ed artistiche dei paesi di provenienza degli artisti, dando vita ad una vera rivoluzione artistica.

Con l'arrivo della ricchezza Soutine abbandona i vecchi amici e incorre anche in alcune avventure sentimentali.

L'ultima, con Marie-Berthe Aurenche, seconda moglie di Max Ernst.

Durante la seconda guerra mondiale la Francia è invasa dall'esercito nazista e Soutine, in quanto ebreo, è costretto a lasciare la capitale francese e nascondersi per evitare l'arresto.

Questo stile di vita gli produrrà un'ulcera che gli accorcerà la vita.
Infatti l'artista non ha ancora cinquant'anni quando, per un attacco di ulcera, viene ricoverato in ospedale a Parigi e operato il 7 agosto 1943.

Il pittore sarà sepolto a Montparnasse e solo pochi pittori lo accompagneranno nell'ultimo viaggio.

Al suo funerale (erano presenti Picasso, Cocteau, Max Jacob) volle che pronunciassero questo ritrattino gentile: "Quello che vedete qui è merda, ma è sempre meglio dei quadri di Modigliani, Chagall, Krémègne".

Molte delle sue opere artistiche sono esposte e conservate nei maggiori musei del mondo.




Galleria opere d'arte di Chaim Soutine

slideshow
slideshow

Natura morta con lampada (1916)
Natura morta con lampada (1916)

Violoncellista Serevitsch (1916)
Violoncellista Serevitsch (1916)

Ritratto di madame X
Ritratto di madame X

Giovane con cappellino (1916)
Giovane con cappellino (1916)

Case rosse (1917)
Case rosse (1917)

Autoritratto (1917)
Autoritratto (1917)

Autoritratto con barba (1917)
Autoritratto con barba (1917)

Paesaggio con case rosse (1917)
Paesaggio con case rosse (1917)

Paesaggio (1918)
Paesaggio (1918)

Autoritratto (1918)
Autoritratto (1918)

Casa bianca in collina (1918)
Casa bianca in collina (1918)

Paesaggio di Ceret (1919)
Paesaggio di Ceret (1919)

Fiori e pesce (1919)
Fiori e pesce (1919)

Ragazza in rosso (1919)
Ragazza in rosso (1919)

Le Roquin (1919)
Le Roquin (1919)

Bambina con bambola (1919)
Bambina con bambola (1919)

Donna anziana con cane (1919)
Donna anziana con cane (1919)

Periferia parigina (1919)
Periferia parigina (1919)

La pazza (1919)
La pazza (1919)

La pazza (1919)
La pazza (1919)

Paesaggio a Ceret (1920)
Paesaggio a Ceret (1920)

Omaggio a Marie Ecomte (1920)
Omaggio a Marie Ecomte (1920)

Ritratto di Moise Kisling (1920)
Ritratto di Moise Kisling (1920)

Natura morta con pesce (1921)
Natura morta con pesce (1921)

Donna polacca (1922)
Donna polacca (1922)

Pasticcere con fazzoletto rosso (1923)
Pasticcere con fazzoletto rosso (1923)

Carcassa di manzo (1924)
Carcassa di manzo (1924)

Desolazione (1924)
Desolazione (1924)

Donna in rosso (1924)
Donna in rosso (1924)

Case di Cagnes (1925)
Case di Cagnes (1925)

Ritratto di Emile Lejeune (1925)
Ritratto di Emile Lejeune (1925)

Cameriera in blu (1934)
Cameriera in blu (1934)

Ritratto di bambino (1937)
Ritratto di bambino (1937)

Donna di profilo -madame Tennent- (1937)
Donna di profilo -madame Tennent- (1937)

Ritratto di donna (1940)
Ritratto di donna (1940)

Due ragazzi in strada (1942)
Due ragazzi in strada (1942)


Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI



Libri sul tema dell'Impressionismo

  La rivoluzione dello sguardo. Impressionismo e postimpressionismo del Musée d'Orsay
cur. Cogeval G., 2011, Silvana
  I luoghi dell'arte. Vol.4. Dalla controriforma all'impressionismo
Bora Giulio, Fiaccadori Gianfranco, Negri Antonello, 2010, Electa Scuola
  Alfredo Müller. Un ineffabile dandy dell'impressionismo
cur. Cagianelli F., 2011,
  Per-corsi di arte contemporanea. Dall'Impressionismo a oggi
cur. Alfano Miglietti F., 2011, Skira
  Parigi. Gli anni meravigliosi. Impressionismo contro Salon. Catalogo della mostra (Rimini, 23 ottobre 2010-27 marzo 2011)
cur. Goldin M., 2010, Silvana
  Impressionismo. Tutti i capolavori
Crepaldi Gabriele, 2008, Mondadori Electa
  L'impressionismo. Riflessi e percezioni
Schapiro Meyer, 2008, Einaudi
  I Macchiaioli. Prima dell'impressionismo. Catalogo della mostra (Padova, 27 settembre 2003-8 febbraio 2004)
2004, Marsilio
  L'età di Courbet e Monet. La diffusione del realismo e dell'impressionismo nell'Europa centrale e orientale. Catalogo della mostra
2009, Silvana
  British impressionism
McConkey Kenneth, 2002, Phaidon
  Saper vedere i movimenti artistici. Gruppi e tendenze dall'impressionismo a oggi
Bertolino Giorgina, 2008, Mondadori Electa
  Storia dell'arte. Dall'Impressionismo alla Transavanguardia
Chelli Maurizio, 2007, EdUP