giorgio_guaini_zampe_di_elefante_2001




Biografia e vita di Giorgio Guaini (Italia)

Fot di Giorgio Guaini Giorgio Guaini nasce a Desenzano del Garda. Dopo gli studi tecnici frequenta la scuola d’arte di Brescia e inizia una ricerca personale che lo vede spaziare dall’espressione figurativa alla ricerca geometrica fino all’informale materico.

Ha studiato all’A.A.B. sotto la guida di Bergomi e Gatti ed ha frequentato lo studio di Augusto Ghelfi.

La sua pittura iniziale ha tradotto sulla tela le immagini del lago d’Iseo, della Valle Camonica e dei suoi abitanti.

Scrive di lui Gianfranco Caffi: "…alto e nervoso e stralunato quel tanto che si conviene al pittore Giorgio Guaini, allinea le sue opere…paesaggi e figure, ambienti e pescatori sono i temi dedicati alla terra che da alcuni anni lo ospita". E ancora: "...in un impegno di ricerca che lo porta a guardarsi dentro per esprimere sui temi della fantasia il proprio ritmo interiore, il proprio temperamento ribelle…"

Scrive di lui Gabriella Belotti: "...paesaggista spontaneo, Guaini esprime nelle sue opere la felicità dell’artista che vuole con i colori e i toni riprodurre le emozioni che la natura gli procura….".

Fonda poi nel 1993 il gruppo artistico “Fornace“, gruppo costituito dall’unione di persone dalle età ed esperienze le più diverse che ha il desiderio e l’intento comune di portare l’evento artistico in mezzo alla gente. Numerose sono le istallazioni che si susseguono in vari spazi pubblici e in differenti località in Italia dal 1993 al 1997.

[ “Le gabbie dei ricordi“ – “L’avvenimento“- “La cremazione della modernità“- “Lo spiazzamento“- “La bicicletta di Leonardo“. Attualmente all’Istituto per geometri Tartaglia di Brescia. ]

Durante questo periodo Giorgio Guaini abbandona temporaneamente il suo lavoro individuale per dedicarsi con energia e passione al lavoro di gruppo.

Nel 1998 Giorgio Guaini lascia le brume dei laghi italiani per vivere nella luce abbagliante di Nizza a contatto con i quadri dei grandi maestri Matisse, Picasso.

Il trasferimento a Nizza è per Giorgio fonte di rinnovata energia inventiva e concettuale; riprende il lavoro individuale e dà alle sue opere una nuova forza cromatica, aderendo fedelmente alla ricerca modernista.

Queste opere chiamano ad un nuovo rapporto quadro-spettatore secondo il quale lo spettatore attivo, sopprimendo la distanza dal quadro, lo ricrea immergendo se stesso nel movimento cromatico.

A Nizza, nei dintorni, e in altre città francesi, le esposizioni si susseguono di anno in anno con un rinnovarsi incessante di soggetti, materie e maniere segno di un dinamismo vitale e di una ricerca esigente. Resta comunque qualche costante che dà alle sue opere un segno particolare: la singolare luminosità dei colori.

Sotto l’incantesimo del colore puro, come dice lo stesso Giorgio Guaini: "mi avvicino sempre più alla sua diretta espressione. Cerco di far vivere il colore attraverso le sue stesse vibrazioni nello spazio che esso stesso si crea".

E in “Colore disturbato I“ qualche strato stilizzato di linee divide due grandi spiagge diluite, come un prima e un dopo, come il cielo e la terra.

E ancora in “Fragments“ Giorgio Guaini, ritornato dalla Sardegna con la visione delle piante di sughero scorticate, ci dà una pittura viva e vibrante dove gli strati di colore fluido si accumulano gli uni sugli altri.

In seguito ci propone delle forme fluide come meduse in “Colore disturbato II“ e il sogno di marine profonde, di porti lontani negli oli su carta “…ciò che racconta…”.

Nell’articolo comparso su ”Nice matin” (2003) in occasione dell’esposizione Fragments, si dice che i "Fragments" di Giorgio Guaini suscitano una strana emozione, come se si assistesse all’impotenza della morte di un albero, albero di vita e di speranza.

E per la “Pirenees press“ (2003) "un pittore italiano ha illuminato la Maison Carrée di Nay".

E per “Saint Paul press“ (2005) a proposito dell’esposizione a UNISYS INTERNATIONAL MANAGEMENT CENTRE: "la pittura di Giorgio Guaini è sensuale, armoniosa, ritmata dalla diluizione dei colori che si stendono dolcemente sulla tela".

Opera di Giorgio GuainiNegli anni 2003-2005 Giorgio Guaini collabora con la poetessa marsigliese Jaqueline Assael, ne illustra le poesie che vengono pubblicate nella collezione “ Encres Vives”.

Questa proficua collaborazione ispira al pittore la serie di olii su carta “ciò che racconta…” che verrà presentata all’Istituto di cultura di Marsiglia nel 2004, in occasione di una tavola rotonda sulla traduzione poetica e alla poetessa il poema “Gospel pour un peintre“ che verrà pubblicato in doppia versione (francese e italiano) dalla casa editrice francese CLAPAS.

Giorgio Guaini dice di avere trovato l’evidenza della sua arte attraverso il piacere del lavoro a olio su carta, ma ormai i tempi sono maturi per una nuova ricerca sia pittorica che esistenziale e in “Cartagine“ (2006) e nella serie “La città dell’utopia“ (2006) si abbandona ad una energica raffica di colori e forme risonanti e superfici poetiche.

Un viaggio in Argentina con i caldi e sensuali colori del Sud America ispirano la serie “Patagonia“ che verrà esposta in occasione della mostra “Forme di luce“ (2006) insieme alla pittrice Serenella Sossi a Ventimiglia.

Dopo il rientro in Italia nel 2007 e i numerosi viaggi in Sud America e in Oriente, Giorgio si dedica a una serie di acquarelli su carta dove esplora nuovi percorsi creativi influenzato dalla precisione del segno e dalla bellezza del colore.

In “non più andrai farfallone amoroso….” (2008) sentimento, nostalgia, ironia, follia e grottesco si allineano nei suoi quadri, come dice l’amico Riccardo Fontanesi: "giochi, capricci di un autore che dopo varie esperienze astratte, ama, in età matura, sorridere compiaciuto e quasi tornare bambino...".

Negli acquarelli su carta “Our mutual friends“ (2009) Giorgio Guaini ci dice che la sua pittura è legata al suo rapporto con gli artisti del passato (gli amici comuni), poiché nessun artista contiene un significato da solo e solo l’apporto di molteplici riferimenti o citazioni alle opere dei grandi gli permette di ottenere risultati personali.

Ma la sua pittura è qualcosa di vivo e ora ritornano gli strati di colore fluido che si accumulano gli uni sugli altri fino a prendere una forma definitiva.

Come scrive la poetessa francese Jaqueline Assael: "attraverso le sue opere Giorgio Guaini esprime ed esplora generosamente tutta un’esperienza di vita".

Per conoscere meglio il pittore entrate nel suo sito: http://www.guaini.com/giorgio/contatti.html






Galleria opere d'arte di Giorgio Guaini

slideshow
slideshow

giorgio_guaini_zampe_di_elefante_2001
Zampe di elefante (2001)

giorgio_guaini_luci_nella_notte_2002
Luci nella notte (2002)

giorgio_guaini_fertilita_2002
Fertilità (2002)

giorgio_guaini_festa_mobile_2002
Festa mobile (2002)

(altre opere dopo gli annunci)

Annunci

giorgio_guaini_l_arbre_d_or_2003
L'arbre d'or (2003)

giorgio_guaini_marsia_2003
Marsia (2003)

giorgio_guaini_mattino_d_inverno_2003
Mattino d'inverno (2003)

giorgio_guaini_paesaggio_intricato_2003
Paesaggio intricato (2003)

giorgio_guaini__cio_che_racconta_il_meriggio_2004
Ciò che racconta il meriggio (2004)

giorgio_guaini_cio_che_racconta_il_sole_2004
Ciò che racconta il sole (2004)

giorgio_guaini_cio_che_racconta_la_collina_verde_2004
Ciò che racconta la collina verde (2004)

giorgio_guaini_cio_che_racconta_2004
Ciò che racconta... (2004)

giorgio_guaini_non_piu_andrai_2008
Non più andrai (2008)

giorgio_guaini_ragazzaccio_2008
Ragazzaccio (2008)

giorgio_guaini_extra_large_2008
Extra large (2008)

giorgio_guaini_il_pasto_frugale_2008
Il pasto frugale (2008)

giorgio_guaini_venezuela_isola_margherita_2009
Venezuela isola Margherita (2009)

giorgio_guaini__mare_di_rio_2009
Mare di Rio (2009)

giorgio_guaini_l_onda_2009
L'onda (2009)

Crocodile
Crocodile (2014)

Five
Five (2014)

Shirt
Shirt (2014)

Dream
Dream (2014)

Trash
Trash (2014)

Queue
Queue (2014)



Annunci e Argomenti correlati



Libri sull'ARTE: OUTLET -50%

  Il volto di Gesù. Storia di un'immagine dall'antichità all'arte contem...
Caroli Flavio, Mondadori
  Follia? Vita di Vincent Van Gogh
Guerri Giordano B., Bompiani
  Davanti all'immagine
Sgarbi Vittorio, BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
  La pittura moderna e la tradizione romantica del Nord da Friedrich a Rothko
Rosenblum Robert, 5 Continents Editions
  Arte moderna. Dal Postimpressionismo all'Informale
Mondadori Electa
  Trattato della pittura
Leonardo da Vinci, Giunti Demetra
  Vermeer
Tazartes Maurizia, Mondadori Electa
  Bosch
Dello Russo William, Mondadori Electa
  Arte d'Oriente. Arte d'Occidente. Per una storia delle immagini nell'era della global...
Caroli Flavio, Mondadori Electa
  Episodi e personaggi dell'Antico Testamento
De Capoa Chiara, Mondadori Electa
  Grande atlante del Rinascimento
Zuffi Stefano, Mondadori Electa
  Grande atlante del design dal 1850 a oggi
Morteo Enrico, Mondadori Electa