Galleria tematica dipinti della Storia dell'unità d'Italia

storia italia guerra_crimea
Guerra di Crimea

storia italia cacciatori_delle_alpi
Cacciatori delle Alpi

storia italia battaglia_magenta_giovanni_fattori
Battaglia di Magenta
Giovanni Fattori

storia italia battaglia_di_marengo_lejeune
Battaglia di Marengo
Lejeune

storia italia battaglia_solferino_meissonier_1863
Battaglia di Solferino
Meissonier (1863)

storia italia battaglia_di_solferino_compiegne
Battaglia di Solferino
Compiegne

storia italia battaglia_di_solferino
Battaglia di Solferino

storia italia Belvederi_ballo_intorno_albero_liberta_1850
Ballo attorno l'albero della libertà
Belvederi (1850)






Storia del tricolore

Storia D'Italia Tricolore Mazziniano Storia D'Italia Tricolore Siciliano Quando Mazzini fondò la Giovine Italia, stabilì che i colori della sua bandiera fossero il verde, il bianco ed  il rosso, con scritto da un lato "Libertà, Uguaglianza, Umanità" e dall'altro "Unità, Indipendenza" e quando portò il tricolore a Roma fece scrivere sulla bandiera Dio e Popolo.

Anche se la Giovine Italia, come la Carboneria, i moti rivoluzionari ed il Piemonte furono militarmente sconfitti restarono vive le aspirazioni di imprenditori ed intellettuali moderati che volevano un'Italia unita ed un Europa più rispondente alle esigenze della società.

Storia D'Italia Tricolore ToscanoStoria D'Italia Tricolore NapoletanoProposte e proteste popolari in tutta l'Europa costrinsero i governanti a recepire alcune istanze di riforme e fra il 1848 ed il 1849 ottennero i seguenti risultati:

Il Regno di Sicilia, dopo la fuga dei Borboni si proclamò indipendente ed adottò il Tricolore Italiano con al centro la figura della Trinacria.

A Napoli, Re Ferdinando Il concesse la Costituzione e il nuovo governo adottò come bandiera i colori del Tricolore con lo stemma dei Borboni.

Storia D'Italia Tricolore SabaudoStoria D'Italia Tricolore Repubblica di VeneziaNel Granducato di Toscana, Leopoldo II promulgò la Costituzione e decretò che la Toscana da quel momento avrebbe adottato come bandiera il Tricolore con lo Scudo Granducale.

Il Governo provvisorio della Repubblica Veneta dopo la cacciata degli Austriaci, adottò il Tricolore con il Leone giallo come bandiera di Stato.

Re Carlo Alberto di Sardegna promulgò la Costituzione e decretò che il Tricolore con lo Scudo di Savoia fosse la bandiera del Regno di Sardegna.
Storia D'Italia Tricolore Repubblica Romana
La Repubblica Romana, con a capo Giuseppe Mazzini, tre giorni dopo la sua proclamazione, adottò il Tricolore con l'Aquila romana sull'asta.





 

La Seconda Guerra D'indipendenza

Storia dell'Unita d'Italia Battaglia di Novara La fine della Prima Guerra d'Indipendenza fu segnata dall'armistizio di Vignale, concordato il 24 marzo, firmato il 26 e seguito dalla pace di Milano del 6 agosto 1849.

I diplomatici del Regno di Sardegna, cominciarono a tessere una fitta tela per legarsi alla Francia ed ai nemici dell'Austria, partecipando alla Guerra di Crimea (aprile-maggio 1855) e stringendo con la Francia accordi segreti (accordi di Plombieres) che prevedevano, fra l'altro, l'impegno di Napoleone III a schierarsi al fianco dei Piemontesi in caso di attacco dell'Austria.

I Piemontesi fecero di tutto perché l'Austria li attaccasse, contravvenendo a tutte le clausole del trattato di pace, riarmandosi, invitando i fuoriusciti del Lombardo-Veneto ad aggregarsi al corpo dei volontari "i Cacciatori delle Alpi" guidati da Garibaldi.
Storia d'Italia - Cacciatore delle Alpi Sergente Trezzini
Il 29 aprile 1859 gli Austriaci varcarono il Ticino presso Pavia al comando del generale Gyulai ed invase il territorio piemontese, il 30 occuparono Novara, Mortara e, più a nord, Gozzano; il 2 maggio Vercelli, il 7 Biella, senza trovare resistenza.

Gli austriaci arrivarono sino a 50 km da Torino proponendosi di battere le truppe piemontesi prima dell'arrivo dell'armata francese, ma si impantanarono nelle risaie del vercellese, appositamente allagate dai Piemontesi per evitare lo scontro frontale prima che giungessero le truppe francesi.

Queste, infatti, forti di 20.000 uomini guidati dallo stesso Napoleone III, si unirono all'esercito piemontese comandato da Vittorio Emanuele II.

Il 20 maggio l'esercito franco-piemontese iniziò l'avanzata, battendo gli Austriaci prima a Montebello e respingendo poi il loro contrattacco a Palestro.

Il 4 giugno Vittorio Emanuele e Napoleone ottennero la prima grande vittoria a Magenta e 4 giorni dopo entrarono trionfalmente a Milano.

Intanto Garibaldi, battuti gli Austriaci a Varese ed a San Fermo con i suoi Cacciatori delle Alpi, raggiungeva Como e si preparava a liberare Bergamo, Brescia e Trento.

Storia d'Italia
Come era avvenuto durante la Prima Guerra D'indipendenza, gli Austriaci, sgombrata Milano, si erano rinchiusi nel Quadrilatero in attesa dei rinforzi, che lo stesso Imperatore Francesco Giuseppe stavano attraversando le Alpi.

Le due armate si scontrarono il 24 giugno, poco ad Ovest di Peschiera in sanguinosi scontri a San Martino e Solferino.

Alla notizia delle vittorie militari del Regno di Sardegna, Firenze, Parma, Modena, Bologna e Ferrara insorsero e proclamando governi provvisori, dichiaravano di volersi unire al Regno di Sardegna mediante plebisciti.

L'11 luglio 1859 Napoleone III per ragioni politiche e di opportunità incontrò segretamente a Villafranca, Francesco Giuseppe decidendo di cessare le ostilità e di firmare i preliminari di un trattato di pace.

fu : gli Asburgo cedevano la Lombardia alla Francia, che l'avrebbe assegnata ai Savoia, mentre l'Austria conservava il Veneto, le fortezze di Mantova e Peschiera

La pace di Zurigo voluta da Napoleone III, negoziata e siglata fra il 10 e l'11 novembre 1859, tarpò le ali alle vittorie conquistate a così caro prezzo e si ridusse all'accorpamento della Lombardia al Regno di Sardegna, lasciando gli altri stati italiani nella condizione di asservimento allo straniero in cui si trovavano, con il preaccordo di un futuro accorpamento degli Stati Italiani sotto la giurisdizione dello Stato Pontificio.







Argomenti correlati




Libri sul tema della Storia dell'unità d'Italia

  Il 1848 e le cinque giornate di Milano
Monti Antonio, 2004, Frilli
  Canzoniere patriottico del 1848
Betteloni Cesare, cur. Viola C., 2010, Cierre Edizioni
  Marzo 1848, le cinque giornate. Gli ultimi giorni austriaci in Milano
Cantù Ignazio, 2007, Meravigli
  Memoria, rappresentazioni e protagonisti del 1848 italiano
cur. Camurri R., 2007, Cierre
  La prima guerra d'indipendenza italiana. 1848-1849
Zanca Massimo, 2008, Sometti
  1848. L'anno della rivoluzione
Rapport Mike, 2009, Laterza
  Come si è fatta l'Italia. Storia del Risorgimento italiano narrata ai fanciulli. Brevi racconti per la terza classe elementare (rist. anast. Firenze, 1897)
Grossi Mercanti Onorata, 2010, Forni
  Il Risorgimento e la storia d'Italia
Casalena M. Pia, 2010, Archetipo Libri
  Il Risorgimento e l'interpretazione del fascismo
Rizza Aldo, 2008, Marco Valerio
  Volevamo fare l'Italia. Memorie segrete di un giovane patriota genovese dai moti mazziniani alla presa di Roma
cur. Bislenghi A., 2007, De Ferrari
  Massoneria, carboneria ed altre società segrete nella storia del risorgimento
Dito Oreste, 2008, Forni
 


Libri top classifica IBS

Libri IBS 1 classifica Libri IBS 2 classifica Libri IBS 3 classifica