riforma globale




La RIFORMA GLOBALE dopo la Democrazia


Educazione, scuola e cultura

Qualsiasi progetto innovativo che si ponesse l'obiettivo di migliorare la società, creando maggiore uguaglianza nella diffusione del benessere, dovrebbe in primo luogo impostare un programma educativo rivoluzionario, rispetto a quanto sinora attuato.

Il futuro lo lasciamo in mano alle nuove generazioni, che sono il risultato di quanto tramandato dalle precedenti e dal modello sociale in cui hanno iniziato il loro percorso di vita.

Certamente per impostare un più proficuo metodo educativo si deve innanzi tutto educare gli stessi genitori.

Sono essi i primi ad intervenire sulla giovane creatura, tenendo bene a mente che si nasce con le stesse esigenze di un animale e ci si evolve col passare degli anni e l'assimilazione di esperienze di vita.

Poi, quando il bambino raggiungerà l'età scolastica, al gravoso compito dei genitori s'affaccerà l'altrettanto gravoso compito degli insegnanti.

Il ruolo del docente non può e non deve essere circoscritto al puro insegnamento nozionistico, che è assimilabile anche più gradualmente ed in maggiore età, dando invece la precedenza e il maggior impegno ad istruire il bambino su altri traguardi fondamentali per la crescita sana, che sono:

1) Conoscenza ed apprendimento della gestione corretta del proprio fisico e della propria mente

2) Apprendimento del comportamento sociale, a partire dai rapporti con genitori e parenti, quindi con i propri compagni di pari età ed infine con adulti e con la società in generale

3) Apprendimento ed applicazione delle regole sociali.
Sensibilizzazione ai problemi degli altri ed al rispetto delle differenze.
Insegnamento dei principi di collaborazione, assistenza, supporto altruistico.

4) Regole generali sui personali Diritti e Doveri.


Dallo stadio di neonato in poi, il bambino ha esigenze molto semplici, per il suo fisico e per l'indispensabile contatto col mondo esterno, dato che nei mammiferi, e nell'uomo in particolare, i cuccioli non sono assolutamente autonomi per un certo numero di anni e per questo dipendono quasi esclusivamente dal supporto degli adulti addetti alla loro protezione e crescita.
L'istinto è l'unico elemento che ci guida dallo stadio di neonato alla maggiore età e si compone di queste semplici esigenze:
- essere nutrito
- riposare
- sentirsi protetto (istinto di sopravvivenza), dal caldo, dal freddo, dai rumori, dai suoi possibili fastidi e malori interiori

Fino all'adolescenza gli manca solamente l'istinto riproduttivo, che però è sublimato dall'affetto a lui trasmesso con il contatto fisico.

Sin dai primi momenti in cui il bambino prende coscienza del mondo esterno deve iniziare ad imparare che non tutti sono al suo totale servizio.

Progressivamente deve essere lasciato a piangere senza interventi istantanei, si deve in un certo senso insegnarli subito che qualcuno pensa a soddisfare i suoi diritti, ma che anche lui deve a sua volta iniziare a svolgere i suoi doveri e conquistarsi la sua autonomia (svezzamento!).

Per esempio: è giusto fargli le carezze, ma è anche giusto prendergli la mano ed insegnargli ad imparare ad accarezzare a sua volta.

Progressivamente il bambino imparerà a gestire il suo corpo, fino a saper camminare, prendere gli oggetti e studiarli, e via dicendo.

Poi arriverà il momento del contatto con altri bambini come lui, dall'asilo in poi.

Anche in questi casi il rapporto con il bambino deve guidarlo verso l'apprendimento dei diritti/doveri e del rapporto collaborativo con gli altri bambini.

Per fare bene ciò è opportuno evitare qualsiasi coinvolgimento in azioni e giochi di sfida e di competizione. Bisogna, invece, realizzare situazioni in cui il bambino debba intervenire per aiutare un suo coetaneo in difficoltà.

Negli anni di scuola valgono le stesse regole: insegnare e dare compiti da svolgere sempre in gruppo, con i più bravi che supportano i meno bravi e senza alcun voto.

Quando si fa una cosa buona per gli altri spesso si deve fare una rinuncia verso noi stessi. Ciò è contrario ai nostri principi istintivi, quindi bisogna trovare il modo di fornire comunque un premio a chi si sacrifica, compiendo il classico gesto altruistico.

Non entro nei dettagli dei metodi per realizzare uno sviluppo armonico di quanto detto, perché non è compito di questo studio e non ne ho le capacità. Saranno gli specialisti del ministero a realizzare programmi ed esempi utili a quanto detto, ma sempre prioritari a qualsiasi impegno nozionistico, che comunque ci dovrà essere, ma non come obbligo primario.

Il periodo educativo dura molti anni. Sicuramente la scuola deve essere obbligatoria e gratuita per tutti, almeno fino ai 16 anni.

Nell'adolescenza i giovani dovranno essere introdotti anche al mondo misterioso della sessualità, ma questa sarebbe opportuno insegnarla abbinata ai superiori sentimenti di affetto ed amore, affinché non venga considerata alla stregua di qualsiasi altro semplice bisogno istintivo o consumistico.

Questa scuola porterà ad apprezzare la bellezza, l'estetica, l'armonia, il rispetto e la collaborazione, la bellezza della natura, la musica e le capacità artistiche, prima ancora che spingersi verso le scienze e le tecnologie, che devono venire per ultime.





DETTAGLI DEL PROGETTO


Presentazione

1) Definizione di leggi universali

2) Nuova visione sociale

3) Il benessere delle popolazioni

4) Difetti della democrazia di rappresentanza

5) Difetti della politica italiana

6) Cosa si potrebbe fare?


Profilo e compiti dei singoli ministeri

L'Educazione, scuola e cultura (sei qui)

La Famiglia

La Giustizia

La Difesa e il Controllo

L'ambiente e il territorio


Approfondimenti

Istinto e Ragione, come funzionano? (analisi dettagliata)

I numeri della follia umana

Lavoro e automazione

Gestione della complessità

Società tecno-global?

Razzismo istintivo