Napoli il mercato degli immobili



Mercato immobiliare a Napoli: il punto della situazione tra nuove esigenze e calo dei prezzi degli affitti


Come stanno andando le cose a Napoli dal punto di vista del mercato immobiliare? Il capoluogo campano, come praticamente tutte le grandi città d’Italia, si è ripreso nel migliore dei modi dal cigno nero del Covid. Analizzando la situazione nel dettaglio si può notare che, come sottolineato da più parti, chi vende in città tende spesso a farlo con lo scopo di acquistare una casa più grande.

In molti casi, si tratta di un immobile che si trova non lontano dalla residenza precedente. Il motivo di questo cambiamento è presto spiegato: l’emergenza sanitaria, che ha portato per la prima volta lo smartworking nella quotidianità di tantissime persone, ha reso la casa anche un luogo di lavoro. Alla luce di ciò, è necessario avere a disposizione spazi più ampi. Sempre con lo scopo di trovare immobili di maggior ampiezza, sempre più persone scelgono di spostarsi dalla città alla provincia.

Proseguendo con gli aspetti degni di nota quando si parla del mercato immobiliare a Napoli, è il caso di citare la diminuzione del prezzo delle locazioni. Dal 2019 ad oggi è stato perso circa un punto percentuale. Una cosa certa a proposito di affitti è che, a causa della diminuzione dei flussi turistici, sempre meno persone investono in immobili con lo scopo di orientarsi poi verso il mondo delle locazioni brevi.

Il nodo dei prezzi

Vediamo ora una parentesi di grande importanza quando si parla di status quo del mercato immobiliare nelle grandi città, ossia quella dei prezzi al metro quadro. Guardando a Napoli, si può notare un aumento dell’1,6% tra il primo e l’ultimo semestre del 2021. Per quel che concerne il numero delle compravendite, invece, l’anno scorso si è chiuso con una flessione positiva superiore al 27% rispetto al 2020.

In virtù della sopra citata decrescita degli investimenti finalizzati alle locazioni brevi, alcune aree del centro, in primis quella dei Quartieri Spagnoli, hanno visto i prezzi degli immobili al metro quadro calare (nel caso della zona appena citata, si parla dello 0,3% in meno circa).

Per quanto riguarda altre aree della città, si può invece parlare di un aumento. Questo è il caso, giusto per fare un esempio, della zona di Monte Oliveto - San Felice. In questo quartiere, soprattutto grazie a operazioni di riqualificazione che hanno interessato anche immobili di pregio, è cresciuto notevolmente il numero di utenti che hanno acquistato la prima casa.

In linea generale, gli aumenti più alti in città si registrano nella zona di Fuorigrotta, con un +2,7% trainato anche dai mutui a dir poco vantaggiosi in questo periodo.

Come approcciarsi al mercato immobiliare a Napoli

Il mercato immobiliare a Napoli si contraddistingue per una notevole complessità (esattamente come quello delle altre grandi città). Come affrontarlo? Prima di tutto è il caso di avere le idee ben chiare in merito ai propri obiettivi. Si ha intenzione di acquistare per investimento a scopo turistico, per dare un tetto alla propria famiglia o per garantire un alloggio a un figlio che frequenta l’università? Nel primo caso, visto anche quanto specificato nelle righe precedenti, può essere opportuno fermarsi un attimo a riflettere e valutare anche altri centri.

In linea di massima, la partenza perfetta è quella che vede il focus su annunci di qualità. A prescindere che si cerchino case affitto Napoli o occasioni di acquisto, è necessario consultare fonti di livello. Un esempio? ImmobiliOvunque. Questo portale si distingue dalla concorrenza per il fatto di essere contraddistinto esclusivamente da annunci postati da agenzie immobiliari premium.

Consultandolo, si ha quindi la certezza di trovarsi davanti a proposte frutto di una selezione professionale, impossibile quando si ha a che fare, al netto della buona volontà, con gli annunci postati da privati.