homepage   Menu generale   cerca


eccesso di informazione che diventa tossica


Come ottimizzare il lavoro da casa nei giorni del coronavirus
speciale smart working


Andrea Camilleri, Carlo Rovelli, Alessandro Robecchi, Elena Ferrante,
Alicia Gimenez Bartlett, Elizabeth Jane Howard, Roberto Costantini, Beppe Severgnini, Carmen Korn...
Solo fino a domenica oltre 200 grandi Bestseller in offerta da 0,99 euro!

io resto a casa e leggo


Anche l'eccesso d'Informazione può diventare tossico, riflessioni

Tra la prima e la seconda guerra mondiale le persone erano molto più serene.

Esistevano solo i quotidiani, che leggevano gli uomini adulti.

Grandi notizie dal resto del mondo -poche- e che non influenzavano la gente più di tanto.

Le donne erano totalmente disinformate e vivevano preoccupandosi esclusivamente della famiglia.

Poi venne la radio, che iniziò ad informare pure le donne di ciò che avveniva nel mondo e nei dintorni.

Informazione tossica 1 Ma era ancora poca cosa. Voci rapide che lasciavano subito il posto a canzonette leggere.

Poi arrivò la televisione nelle case ed allora il coinvolgimento fu progressivamente sempre maggiore, comprendendo anche le donne nei fatti del mondo e di casa nostra.

La cronaca nera, la politica, l'economia, i grandi disastri ambientali...

Però c'erano ancora pochi canali TV, poca Pubblicita', molte commedie, tragedie greche, opere ed operette, canzoni e festival, film italiani ed americani accettabili.

Quella era la gioiosa buona TV che erudiva, malgrado i TG.

Poi arrivarono decine e infine centinaia di altri canali, con spazzatura d'ogni genere (penso alle sitcom americane) e telegiornali a ciclo continuo.

Le donne, insieme agli uomini, si fecero coinvolgere sempre di più nei problemi nazionali, europei ed anche mondiali.

La TV era angosciante e cattiva maestra. La gente si faceva sempre più depressa ed angosciata.

Successivamente arrivò pure il Web. E col web i siti social.

Le notizie, i messaggi, le frasi critiche, le vignette amare si fecero sempre più pressanti e ossessive.

Terrorismo sui cibi che mangiamo, l'aria che respiriamo, il pianeta che va in malora, la malavita, la politicaccia, la corruzione, ecc. ecc. Peste e corna su tutto e su tutti, insomma.

Come se ciò non bastasse nel frattempo arriva pure il "telefonino intelligente".

Ora la gente è sempre più depressa e ansiosa.

Vive nel panico totale di ammalarsi per qualsiasi cosa mangi o di saltare in aria per un atto terroristico.

Non vive più, riceve le notizie in tempo reale sul telefonino stesso.

S'ammala giorno dopo giorno di tristezza e curiosità morbosa verso i nuovi messaggi in arrivo.

Pende dal telefonino, testa china a leggere quei microscopici messaggi che coinvolgono come fossero telefonate della vecchia mamma lontana sola ed ammalata.

Informazione tossica 2 L'umanità è schiacciata dall'informazione, che è una fabbrica perenne di cattive notizie.

L'uomo non ha la forza per reggere il peso di tutto ciò.

Non siamo strutturati per fare anche noi i Creatori.

L'informazione è un business come tutti gli altri.

Fa vivere ed arricchire migliaia di dirigenti e giornalisti.

E' diventato un bene di consumo come tutto il resto.

Moriremo facendoci un selfie dell'ultimo respiro, per dare la nostra ultima notizia?

Autore: Enrico Riccardo Spelta

(2018)





Link interessanti o sponsorizzati



IBS: libri, film, cd, casa, giochi, elettronica

IBS vantaggi: Distributore italiano, con vasta gamma prodotti a prezzi competitivi, serio e puntuale!