storia di halloween




Festa di Halloween

Origini della Festa di Halloween

Prima dell'arrivo dei Romani, per i popoli Celti l'anno nuovo cominciava con il 1° novembre, quando i lavori nei campi erano conclusi, il raccolto era al sicuro, ed i contadini potevano finalmente rilassarsi e godersi i doni che gli dei avevano loro concesso.

In questa occasione, gli Dei venivano ricordate ed evocate per ringraziarle dei raccolti e per chiedere protezione per il nuovo anno.

Per quella notte l'ultraterreno si mescolava al terreno, tutti gli spiriti erano liberi di vagare sulla terra e di divertirsi insieme agli uomini.

Si accendevano fuochi attorno ai quali tutti danzavano, indossando maschere per spaventare le streghe.
In ricordo di quell'antica festa, ancora oggi si festeggia Halloween la notte del 31 ottobre; in questa notte i bambini solitamente si mascherano e bussano alle porte delle case, dicendo: "Trick or treat", cioè "dolcetto o scherzetto".

Chi apre la porta offre loro biscotti e caramelle.

Il giorno dopo Halloween è Ognissanti, cioè la Festa di tutti i Santi, che è la risposta cristiana alla festa pagana.  

Halloween in Italia

Costume - Halloween La zucca di Halloween Questa festa, molto radicata nella cultura anglosassone, è stata portata in Americana nell'Ottocento, quando, a causa della carestia irlandese del 1845, molti emigrarono in America, portando anche le loro tradizioni.

Da diversi anni anche l'Italia ha accolto questa occasione di divertimento che dà libero sfogo alle più macabre e divertenti fantasie.

I ragazzi ed i bambini, in particolare, amano questa nuova festa che permette a tutti di trasformare in gioco tutte le paure più o meno coscienti, che stanno in agguato in fondo alla mente.

Però in Italia esiste una festa analoga: La Rificolona.

Festa di origine medievale simile ad Halloween che si svolge a Firenze la sera del 7 e la notte dell'otto settembre, alla vigilia della vendemmia, festeggiata dai contadini, che scendevano in processione dalla campagna fino a piazza della Santissima Trinità con zucche svuotate e intagliate a forma di faccia con una candela dentro.

La leggenda di Halloween

La leggenda di Halloween Zucca tagliata per Halloween La notte di Halloween un fabbro irlandese di nome Jack, ubriacone e taccagno, incontrò in un pub il Diavolo che era venuto a prendere la sua anima.

Stava per cadere nelle sue mani, quando riuscì ad imbrogliarlo facendogli credere che gli avrebbe venduto la sua anima in cambio di un'ultima bevuta.

Il Diavolo, così, si trasformò in una monetina da sei pence per pagare l'oste e Jack velocemente la mise in tasca dove c'era una croce d'argento, che non riuscendo più a tornare alla sua forma originaria, stipulò con Jack un nuovo patto.

Venne stabilito che il Diavolo lo avrebbe lasciato andare in cambio di altri 10 anni di vita.

Jack o' Lantern

Alla scadenza dei 10 anni il furbo Jack riuscì, con l'inganno a far promettere al demonio di non cercarlo mai più.

Quando Jack, il dissoluto ubriacone, morì, venne spedito all'Inferno da San Pietro, ma il diavolo non poté accoglierlo per la promessa fatta, ma aperto un poco la porta gli tirò contro un tizzone ardente.
In quel gran buio il tizzone servi a Jack che per non lasciarlo spegnere la vento, lo mise sotto la rapa che stava mangiando.

Così Jack non avendo un posto ne in Paradiso, ne all'Inferno è condannato a girare per il mondo con il suo lumino in attesa del giorno del Giudizio, da qui il nome Jack o' Lantern, (Jack e la sua Lanterna), simbolo delle anime dannate ed errabonde.

Annuncio


Annuncio



Il simbolo di Halloween

Originariamente la leggenda di Jack o' Lantern parlava di un tizzone acceso dentro una rapa, molto comune in Irlanda, ma introvabile in America.

Così gli Irlandesi sostituirono il tizzone con una candela e le rape con le più comuni zucche.

Da allora, la zucca intagliata con la faccia del vecchio fabbro e il lumino all'interno, è il simbolo più famoso di Halloween.

La filastrocca che i bambini americani dicono quando una porta si apre:

Trick or treat
Smell my feet
Give me something to eat
Not too big, not too small
Just the size of Montreal








Helloween infografica

Argomenti correlati





Libri consigliati per un Halloween speciale

Halloween. Nei giorni che i morti ritornano
Baldini Eraldo, Bellosi Giuseppe, 2006, Einaudi
L'albero di Halloween
Bradbury Ray, 2005, Mondadori
Racconti di Halloween. Per non dormire questa notte
2006, Einaudi
Halloween Vintage Holidays Graphics. Ediz. inglese, francese e tedesca
Heller Steven, 2005, Taschen
Zucca cookbook. Un ricettario artistico e celebrativo della zucca e di Halloween
Colombo Tiziana, Ciocci Daniele, 2006, Bevivino
Giulia B. e lo spaventoso Halloween
Park Barbara, 2006, Mondadori
Halloween. Storia e tradizioni
Markale Jean, 2005, L'Età dell'Acquario
La notte delle zucche. La festa di Halloween
Gulisano Paolo, O'Neill Brid, 2006, Ancora
Halloween. Prepara la tua festa
2004, EL
Arriva Halloween. Con gadget
Castagna Raffaella, Zecca Alessandro, 2002, La Coccinella
La faccia nascosta di Halloween. Come la festa della zucca ha sostituito tutti i santi
Le Guay Damien, 2004, Elledici
Halloween horror. Book + audio CD/CD rom.
Clemen Gina D. B., 2003, Cideb
Tante idee per Halloween
Hettinger Gudrun, 2004, Edizioni del Borgo
Halloween
Grant Donald, Valat Pierre M., Vallon Jacqueline, 2002, EL
Festa di Halloween al castello fantasma
Osborne Mary P., 2003, Piemme
Halloween. Storia, tradizione, divertimenti e travestimenti
Malizia Enrico, Ponti Hilde, 2002, Edizioni Mediterranee