storia della festa della donna

Storia della Festa della donna


Women's day

Giornata internazionale della donna (8 marzo)

In questo giorno si celebrano le donne per ricordarne le conquiste sociali e politiche, ma non solo. Si vuole anche ricordare il grosso problema delle discriminazioni e delle violenze che le donne hanno subito e continuano purtroppo a subire nel mondo.

La festa della donna trae le sue origini dai primi anni del '900, quando si festeggiò per la prima volta negli Stati Uniti.

Perché proprio l'otto marzo?

Ci sono varie ipotesi, ma forse la più accreditata è in ricordo della morte di centinaia di operaie uccise nel rogo di una fabbrica di Cottons a New York nel 1908.

Ma un'altra causa può essere data dalla repressione della polizia di una manifestazione sindacale di operaie tessili, sempre a New York.

Comunque queste teorie sull'origine sembrano non molto credibili, visto che la festa della donna nacque sì negli Stati Uniti, ma come Women's Day il 3 maggio del 1908, quando in una conferenza del partito socialista di Chicago la socialista Corinne Brown prese la parola e denunciò ufficialmente lo sfruttamento operato dai datori di lavoro verso le operaie e delle relative discriminazioni sessuali subite come salari e orari di lavoro.

national womens day

Come conseguenza alla fine dell'anno il partito socialista raccomandò alle sezioni locali di svolgere una manifestazione in favore del diritto di voto femminile nell'ultima domenica di febbraio 1909.

Però negli Stati Uniti la prima vera e propria giornata dedicata ai problemi delle donne fu celebrata il 23 febbraio del 1909 e verso fine anno scioperarono 20.000 camiciaie.

Il successivo 27 febbraio alla Carnegie Hall altre tremila donne celebrarono lo Woman's Day, ma alla fine sarà nel 1910 che le socialiste americane proporranno di istituire una giornata fissa da dedicare al problema femminile.

Nel frattempo in alcuni paesi europei (Germania, Svizzera e Austria), si inizia a festeggiare la giornata da destinare alle donne il 19 di marzo.


(pubblicita' VI A1)


Poi durante la prima guerra mondiale la celebrazione fu sospesa ed infine a San Pietroburgo, l'8 marzo, le donne guidarono una grande manifestazione per rivendicare la fine della guerra.

Ci furono manifestazioni e proteste in tutto il paese e ciò portò alla fine dello zarismo.

L'8 marzo 1917 restò ad indicare l'inizio della rivoluzione russa.

fesdta della donna, sei donne generose

In Italia la celebrazione avvenne per la prima volta nel 1922, su iniziativa del partito comunista (PCI), che la fissò per il 12 marzo.

Il 16 dicembre 1977 l'Assemblea generale delle Nazioni Unite propose ad ogni paese di dedicare un giorno dell'anno alla Giornata delle Nazioni Unite per i diritti delle Donne e per la pace internazionale e l'assemblea assegnò proprio l'8 marzo per tale ricorrenza.

mimosa per la festa delle donne

Cosa c'entra la mimosa?

La decisione di usare la mimosa come simbolo della festa risale all'8 marzo del 1946, quando tre donne dell'Unione Donne Italiane proposero la mimosa perché era la pianta che fioriva proprio in quei giorni dell'anno.

La donna oggi

Che la dignità, la parità, l'indipendenza femminile siano condizioni sacrosante è fuori discussione e ciò giustifica ogni battaglia in ragione di questi diritti.

Negli ultimi decenni, però, il comportamento di un gran numero di donne, libere di scegliere come agire, non ha dato esempi molto encomiabili.

Con ciò si vuole dire che non basta essere "femmine" per godere di santificazione, così come non basta essere maschi per garantirsi il rispetto e l'approvazione o la giustificazione di qualsiasi scelta comportamentale.

Le mode occidentali, sempre influenzate da ciò che succede per primo negli Stati Uniti, sono spesso molto discutibili o decisamente condannabili.

Se i maschi usano eccedere nel bere o fanno uso di stupefacenti, facendo le donne le stesse cose non è che ne escono più "onorabili", ma danno semplicemente un pessimo esempio comportamentale, altrettanto condannabile e che le può mettere in serie difficoltà.

La stessa cosa all'interno del mondo del lavoro nei ruoli dirigenziali o nella politica, tanto per fare un altro esempio.

L'arrivismo, la sete di denaro e di potere, le lotte per sopraffare gli avversari in carriera, sono comportamenti condannabili se svolti da donne o da uomini allo stesso modo!

L'obiettivo importante da raggiungere sarebbe quello di tenere sempre a mente che il nostro istinto è sempre pronto a prendere il comando, se non mediato dalla ragione.

Ciò significa che nell'uomo l'istinto lo porterebbe a inseminare tutte le femmine di buon aspetto che incontra, mentre nelle donne dominerebbe il bisogno di mostrare a tutti d'essere femmina con tutti gli attributi idonei alla maternità, cercando in ogni occasione di sbaragliare le inevitabili avversarie nella competizione.

Questa è la dura, semplice, legge dei mammiferi e non solo di loro, ma sia ben chiaro che qui non si vuole con ciò giustificare minimamente il riprovevole comportamento maschile, che può arrivare fino all'omicidio e di cui la cronaca purtroppo ci rende conto quasi ogni giorno.

Nè si vuole imputare alla donna la causa primaria dei comportamenti vergognosi del maschio.

Si vorrebbe semplicemente dire che anche le donne hanno degli obiettivi da raggiungere, ovvero adottare comportamenti dignitosi, onesti, rispettosi, di cui andare orgogliose, non stimolando le debolezze maschili e condannando -loro per prime- chiunque di loro desse prova di non comportarsi in modo adeguato.

La conclusione è sempre la stessa: tutto parte da una buona EDUCAZIONE INFANTILE, che conduca alla maggiore età con l'apprendimento dei comportamenti sociali migliori, sia per i maschi che per le femmine in egual misura. Solo così ci saranno meno maschi prepotenti, irrispettosi, imbroglioni, assassini e via dicendo e meno femmine di cui nessun figlio e nessun genitore potrebbe andarne fiero.



(pubblicita' VI AF)




CONTENUTI SIMILI

linea

6 offerta ibsLibri dedicati alla festa della mamma

Belle cose da fare per: Natale, carnevale, Pasqua, festa della mamma e del papà
Dorigo Carmen,  Orio

La festa della mamma
Daeninckx Didier, Sonda

L'arte di far festa. Compleanni, onomastici, feste per papà e mamma, feste all'aperto, Halloween, Natale, estate
Lecarme Pierre, Thiry Frédéric, Elledici

Idee per la festa della mamma
Gilpin Rebecca, Usborne Publishing
Mamma! E' sempre la tua festa! Piccoli regali di carta. Con cartamodelli
Neubacher Fesser Monika, Elledici
Un dono per la mamma. Drammatizzazione con canti e danze per la festa della mamma. Con CD Audio
Dorigo Orio Vincenzina, Orio
Ho scritto d'amore. Voce di una mamma
Losquadro Fausta, 2009, Gruppo Albatros Il Filo


(pubblicita' VI CP)