Fecondazione artificiale, commento critico e riflessioni

Fecondazione artificiale, breve discussione sul tema Oggi si discute in tutto il mondo di "manipolazione genetica", delle ricerche scientifiche sulle cellule staminali e sulle grandi possibilità verso l'aiuto a chi non riesce ad avere figli, offrendo varie forme di fecondazione artificiale. Il dibattito verte su alcuni temi fondamentali: il diritto della coppia (o di una singola persona) a procreare e fino a che punto sia da considerare legale assistere e agevolare la fecondazione artificiale, nonché quali limiti debbano eventualmente essere imposti. Mi riferisco in particolare ai casi di fecondazione eterologa, dell'affittare un utero altrui per portare a compimento la gravidanza, nella possibilità di usare spermatozoi estranei, nell'affidamento a coppia dello stesso sesso, ecc. ecc.
Il tema è ovviamente collegato anche al concetto di vita o non vita di un embrione e coinvolge anche l'argomento relativo agli aborti.
Pertanto la prima domanda che mi pongo è proprio su questo punto: da quale momento un insieme di cellule fecondate si dovrebbe considerare come vita umana vera e propria?

Non vi scandalizzate, ma io penso che siamo in presenza di vita umana quando quell'insieme di cellule, come dicevo, si possa considerare senza dubbio una creatura perfettamente formata come individuo e autonoma dalla madre che lo ha generato, ovvero dopo il taglio del cordone ombelicale.
Attenzione, però: "autonomia" non significa "indipendenza"!

Un essere umano nasce fragile e bisognoso d'aiuto perché la sua evoluzione verso l'indipendenza è lenta e progressiva e richiede un lungo periodo di formazione o "svezzamento" per raggiungere la propria indipendenza.

Allora fino al nono mese di gestazione nel grembo materno non siamo ancora in presenza di una vita umana? E' questo che sto dicendo?

No. Voglio dire che prima del parto è già presente una "promessa" di vita umana indipendente, ma non abbiamo ancora una vita autonoma e questo fa una grande differenza. Se la madre morisse anche il figlio inevitabilmente morirebbe, dunque il feto non è indipendente dalla gestante. Ciò non significa che per quella aspettativa di vita non si debba fare il possibile per agevolarne la nascita.

A chi spetta il diritto di decidere se far nascere o no una nuova vita umana?

Secondo me spetta esclusivamente alla madre. L'apporto del padre non è molto significativo. La gravidanza è un processo che si compie esclusivamente nel grembo materno. E' la madre che si sacrifica, è lei che corre anche il rischio di morire per mettere al mondo una nuova creatura. Dunque è solo lei che può decidere, entro certi limiti, se è intenzionata o no a dare vita ad una nuova creatura.

Dunque la madre dovrebbe disporre a piacer suo della vita del feto fino ad un minuto prima della nascita?

No. Come dicevo, dobbiamo porre una netta distinzione tra tre diversi periodi evolutivi di una vita: la fase di costruzione del corpo fetale, la fase di prenascita in cui però il feto presenta già tutte le caratteristiche che lo renderebbero individuo e la fase di nascita vera e propria.

La seconda fase a cui alludo, quella di prenascita, decorre dal momento in cui, secondo la scienza attuale, noi sappiamo che se estraessimo il feto dal grembo materno e lo aiutassimo a crescere con i mezzi che la scienza e la tecnologia ci mettono a disposizione, questo potrebbe benissimo aspirare a nascere e vivere autonomamente, anche se prematuramente.

Da quel primo momento in poi non possiamo più pensare ad una forma di cellule che si stanno sviluppando e basta, ma siamo già in presenza di una vita allo stato concreto e dunque non più sopprimibile. Credo si possa collocare questo momento attorno al sesto mese di gravidanza.

Fino ad allora la madre dovrebbe mantenere il diritto di decidere se portare avanti la gravidanza oppure rinunciarvi. Gli elementi che rappresentano una possibile vita futura non sono considerabili " individuo", come non lo sono l'ovulo o lo spermatozoo o una molecola che lo componga.

Su questo argomento c'è stata molta speculazione ed è stato introdotto un falso concetto di rispetto della vita, diseducando popolazioni intere.

Il concetto di "vita", dal punto di vista della religione cristiana, per esempio, è troppo generico. Ne abbiamo una conferma considerando la presa di posizione del Vaticano nei confronti dell'eutanasia o del testamento biologico. Per il clero la vita è vita, punto e basta. Che sia cosciente o no, dignitosa o no, voluta dall'individuo o no, questo non conta nulla. Perché per il Vaticano la vita non appartiene all'individuo, ma è un dono di Dio. Non ci sono prove che sia così, ma questa è la sua irremovibile posizione. Del resto è ovvio che il Vaticano sia contro il libero arbitrio, no? Il libero arbitrio è quella forma mentis che porta gli individui a ragionare con la propria testa e non a sottomettersi ad una volontà superiore e insindacabile. Questo atteggiamento è evidente che farebbe perdere un immenso potere al clero.

Su scala universale non possiamo irrigidirci sul rispetto di un feto (che non rappresenta ancora una vita autonoma) per poi ignorare ben peggiori trasgressioni al concetto di rispetto della vita! Alludo evidentemente a tutti quegli esseri che sono sicuramente vivi, ma che o non lo saranno per molto tempo ancora o vivono privati anche dei diritti basilari e di un minimo qualsiasi di dignità umana. Non dobbiamo dimenticarci che ogni 30 secondi, ai tempi nostri, muore un bambino! Su questo punto molte religioni non mostrano alcuna sensibilità o adeguato interesse e relativo impegno politico e sociale. Da una parte sono consapevoli della morte di migliaia di bambini per denutrizione o banali malattie e dall'altra proibiscono anche i più utili e innocui metodi di controllo delle nascite!

Ricapitolando: per me un essere umano assume il diritto alla vita solo dopo il sesto mese. Pertanto la madre avrebbe il diritto di rinunciare al proseguimento della gravidanza fino al sesto mese, senza che ciò sia da considerare un delitto?

Questo è esattamente ciò che penso si dovrebbe applicare in una società consapevole e indipendente da qualsiasi dogma. Ma naturalmente deve essere chiaro che la società dovrebbe fare anche in modo di evitare il più possibile il ricorso all'aborto.

Ci possono essere molti aiuti in tal senso. Ma se siamo di fronte ad una situazione insostenibile dall'insindacabile punto di vista della madre, che non si sente idonea ad allevare quel figlio, allora l'interruzione della gravidanza non dovrebbe rappresentare un delitto, ma una sua libera scelta naturale quanto incontestabile. Il prezzo della sua decisione lo pagherà comunque; non è necessario che intervenga anche la società per condannarla o biasimarla!

Veniamo allora al tema principale: è ammissibile la fecondazione artificiale?

Sì, ma io l'abbinerei ad una ferrea condizione: solamente nel caso in cui la disponibilità nel mondo di bambini orfani adottabili si sia esaurita.

Se il primo pensiero del genere umano fosse caritatevolmente rivolto all'aiuto degli esseri viventi più bisognosi, sarebbe prioritario dare dei genitori a bambini già vivi, ma orfani o in tremende condizioni di vita, piuttosto che agevolare una procreazione assistita meccanicamente, non credete? La fecondazione artificiale è materia da popolazioni benestanti e basta.

Dare vita ad un nuovo essere, ignorando allo stesso tempo il coinvolgimento morale di alleviare le sofferenze di un essere umano già nato, è contro lo spirito caritatevole che il genere umano dovrebbe manifestare verso i suoi simili meno fortunati (e che tanto invocano le religioni).

Siamo in presenza di una coppia (o semplicemente di una donna) che sente il desiderio di allevare un bambino o siamo in presenza di un semplice istinto egoistico che ci spinge ad avere un figlio che ci assomigli il più possibile?

Sono queste le leve che fanno ignorare a così tante coppie l'alternativa dell'adozione?

Nel nostro mondo occidentale prevale così tanto l'individualismo e l'egoismo, da considerare imparagonabile l'adozione alla procreazione, anche quando quest'ultima non si presenti per vie naturali?

Io sono fermamente convinto che le persone dovrebbero essere molto sensibilizzate su questo tema, che bisognerebbe guidarle verso altre strade che diano appagamento in veste di genitori.

Vi sembra giusto che una madre vada a farsi fecondare in qualche clinica privata, spendendo un sacco di soldi, mentre nello stesso momento un bambino di un anno in Africa muore per denutrizione o abbandono o stupide malattie curabilissime?

Io lo trovo scandaloso e dunque inaccettabile. Se il sogno di una donna è di allevare un figlio, non deve fare molta differenza adottarlo piuttosto che concepirlo. In alcuni casi, poi, ci sono madri disposte a correre il rischio di generare un figlio con una malattia ereditaria, quando, sparsi per il mondo, ci sono migliaia di bambini sani di cui nessuno si cura. Stiamo dalla parte di quella madre egoista e incosciente, o stiamo dalla parte di quei bambini che hanno sicuramente bisogno del nostro aiuto?

Allora se una coppia desidera un proprio figlio, ma non riesce ad averlo per vie naturali, non c'è nessuna possibilità di aiutarne la fecondazione?

L'unica possibilità potrebbe al massimo consistere nell'agevolare la penetrazione di spermatozoi nell'utero. Qualsiasi intervento più sofisticato è una bestemmia rivolta al genere umano.

E cosa ne penso allora della fecondazione eterologa?

Non può essere tollerata alcuna forma di fecondazione eseguita con uno spermatozoo estraneo alla coppia che ne dovrà garantire l'allevamento, dato che in questo caso -a maggior ragione- dovrebbe essere sostenuta la tesi dell'adozione. Ma come, oltre all'ambizione di avere un figlio, si accetta di averlo col concorso di un estraneo? Ma allora tanto vale pensare all'adozione, non le pare? Estraneo per estraneo...

Ma cosa c'è di male se una coppia desidera a tutti i costi avere un figlio suo?

Avere un proprio figlio è una aspirazione legittima e comprensibilissima, sul piano umano e individuale, ma cessa di esserlo se confrontiamo il concetto di procreazione, quindi di allevare un figlio, col problema dei bambini orfani che necessitano di genitori. Tutto dipende da dove tracciamo il cerchio, fuori dal quale non ci importa cosa succede. Se nel cerchio includiamo solo gli interessi della coppia, allora tutto può essere lecito, ma se (come ho premesso) vogliamo considerarci sensibili ai problemi di quella umanità globale di cui indubbiamente facciamo parte...allora tutte queste tecniche diventano insostenibili sul piano etico.

I diritti di queste vite bisognose di un supporto d'aiuto e di affetto devono essere prioritari rispetto a qualsiasi forma di interesse personale. In caso contrario vorrebbe dire che privilegiamo le leggi della natura, ovvero della selezione naturale dei più forti (la coppia che, appunto, spendendo denaro e avvalendosi della ricerca scientifica, ottiene una nuova vita anche se in modo artificiale). Questo contraddice il senso umanitario, etico e sociale e perciò è inammissibile.

Se in tutta Europa ci fossero leggi altamente restrittive sulla fecondazione artificiale, avremmo risolto il problema?

No, inutile illudersi, l'esigenza di rispettare quanto detto sopra è inapplicabile in termini universali, perché ci sarebbe sempre almeno un paese al mondo nel quale queste leggi non avrebbero valore e nel quale, per interessi economici, verrebbe esercitata qualsiasi pratica di fecondazione artificiale.

Ma non solo, in quei paesi sarebbero sempre di più applicate le conoscenze scientifiche per assecondare i desideri della coppia o della madre, selezionando l'embrione in modo che risponda il più possibile alle caratteristiche desiderate dai genitori.

Ciò significa, purtroppo, che malgrado tutte le leggi, ci sarà sempre qualcuno che produrrà cloni esatti dei genitori o selezionerà embrioni maschi al posto di femmine, o sceglierà quelli apparentemente meglio predisposti in termini d'aspettativa di vita, salute, intelligenza, prestanza o bellezza fisica e via dicendo.

In ogni caso circoscrivere il fenomeno e renderlo più difficile da realizzare resta un impegno sociale a cui non ci si dovrebbe sottrarre. Ma tutto ciò è vero per qualsiasi legge. Ci saranno sempre i ladri e gli assassini, ma ciò non significa che ladri e assassini non debbano essere messi in condizione di non rappresentare più una minaccia per la società ed è nostro dovere condannarli e renderli inoffensivi, no? Noi abbiamo l'obbligo d'imporre delle leggi, anche se sappiamo che qualcuno le potrà sempre infrangere.

Ha senso un referendum su queste questioni?

No, non ha senso, prima di tutto perché si tratta di materia complessa e poi perché con un referendum si rischia di creare leggi ancora più distorte.

La maggior parte degli elettori andrebbe alle urne senza avere ben capito cosa e come votare, oppure non andrebbe del tutto. Il tema non rappresenta un argomento politico, ma etico-sociale-umanitario.

Da questo punto di vista manca soprattutto una chiara visione di cosa sia giusto o sbagliato per l'intero genere umano. Il problema non può assolutamente essere affrontato a livello di coppia o di schieramento politico-religioso.

L'etica o la morale di coppia è inconsistente su questo tema, come lo è su qualsiasi problema che coinvolga l'intera società umana. Manca dell'ispirazione universale, che trascenda anche l'ipotesi di un Creatore.

Testo: Enrico Riccardo Spelta
2010






Argomenti correlati



Libri che trattano l'argomento "fecondazione artificiale"

  Diritti umani, infertilità e procreazione assistita
Picchianti Rita, 2008, Cantagalli
  Diario di un laico. Viaggi, incontri e scontri sulla legge per la procreazione assistita
Flamigni Carlo, 2007, Pendragon
  Legge 40 sulla fecondazione artificiale: la produzione dell'uomo
2007, Gribaudi
  Miracoli, cicogne, provette. Riflessioni cliniche: dalla procreazione medicalmente assistita all'adozione
2007, Armando Editore


Libri top classifica IBS

Libri IBS 1 classifica Libri IBS 2 classifica Libri IBS 3 classifica