Sophia Loren giovane



Sophia Loren biografia


Sophia Loren nella sua vita


Il vero nome di Sophia Loren è "Sofia Costanza Brigida Villani Scicolone".

Nata a Roma il 20 settembre 1934.

Suo padre, Riccardo, era sposato con un'altra donna e si è rifiutato di sposare Romilda Villani, nonostante fosse la madre dei suoi due figli ( Sophia e sua sorella minore Maria Scicolone).

L'infanzia di Sophia è stata molto triste perché vissuta nei bassifondi di Pozzuoli durante la seconda guerra mondiale e senza il sostegno del padre.

Poi, all'età di 14 anni, la sua vita cambia, dopo avere partecipato ad un concorso di bellezza, classificandosi come una delle finaliste.

In quella occasione la Loren attirò l'attenzione del produttore cinematografico Carlo Ponti, circa 22 anni più vecchio di lei, che in seguito sposerà.

Forse fu la figura paterna che non aveva mai sperimentato da bambina ad attirarla.

Sotto la sua guida, Sophia ottenne un contratto e fece la comparsa in una decina di film a partire da "Le sei mogli di Barbablù" (1950), prima di arrivare a ruoli un po' più importanti.

In questi primi film si presentava come "Sofia Lazzaro" perché la gente scherzava sul fatto che la sua bellezza potesse resuscitare Lazzarus dalla morte.

Nella tarda adolescenza, Sophia interpretò ruoli da protagonista in molti film italiani come "La favorita" (1952) e "Aida" (1953).

Sophia Loren da giovane

Nel 1957 intraprende una fortunata carriera come attrice negli Stati Uniti, recitando in "Il ragazzo sul delfino" (1957), "Timbuctù" (1957) e "Orgoglio e passione" (1957).

In quell'anno ebbe un'avventura di breve durata, ma molto pubblicizzata, con il co-protagonista Cary Grant, che aveva quasi 31 anni più di lei ed al quale rifiutò una proposta di matrimonio.

Lavorarono insieme una seconda volta nella commedia romantica "Un marito per Cinzia" (1958).

Mentre era sotto contratto con la Paramount, Sophia recitò in "Desiderio sotto gli olmi" (1958), "La chiave" (1958), "Orchidea nera" (1958), "La baia di Napoli" (1960), "Il diavolo in calzoncini rosa" (1960), "Olympia" (1960) e "La miliardaria" (1960) prima di tornare in Italia per recitare in "La ciociara" (1960).

Il film La ciociara raccontava la storia di una donna che viveva in un'Italia devastata dalla guerra e che viene violentata mentre cercava di proteggere la sua giovane figlia.

Originariamente era stata scelta per la parte della figlia, ma Sophia combatté quella scelta e riuscì ad ottenere la parte della madre, mostrando una mancanza di vanità e dimostrandosi un'attrice genuina.

Questa parte ebbe riconoscimenti internazionali e fu premiata con un Academy Award come migliore attrice.

Sophia è rimasta una vera star del cinema internazionale per tutti gli anni Sessanta e Settanta, girando film su entrambe le sponde dell'Atlantico e recitando al fianco di protagonisti come Paul Newman, Marlon Brando, Gregory Peck e Charlton Heston.

I suoi film in lingua inglese includevano "El Cid" (1961), "La caduta dell'impero romano" (1964), "Arabesque" (1966)," L'uomo della Mancha" (1972) e "Cassandra Crossing" (1976).

Ma si guadagnò maggiore prestigio coi suoi film italiani, in particolare con "Matrimonio all'italiana" (1964) e "Una giornata particolare" (1977), entrambi co-interpretati da Marcello Mastroianni.

In quegli anni ottenne una seconda nomination all'Oscar e vinse cinque Golden Globe.

Dagli anni Ottanta in poi le apparizioni di Sophia sul grande schermo sono state poche e lontane tra loro.

Ha preferito trascorrere la maggior parte del suo tempo crescendo i figli Carlo Ponti Jr. (nato nel 1968) e Edoardo Ponti (nato nel 1973).

Durante quel decennio partecipò a cinque film per la televisione, a cominciare d: "Her Own Story" (1980), un film biografico in cui interpretava se stessa e sua madre.

Poi, oltre a fare l'attrice, si impegnò in altre aree di attività, diventando la prima attrice a lanciare profumi e design di occhiali.

Nel 1982 trascorse volontariamente diciannove giorni in carcere per evasione fiscale.

Nel 1991 Sophia ricevette un premio Oscar onorario per il suo lavoro e fu dichiarata "uno dei più grandi tesori del cinema mondiale".

Nello stesso anno subì una terribile perdita quando sua madre morì di cancro.

Il suo ritorno a film tradizionali come "Prêt-à-Porter" (1994) fu ben accolto, anche se il film nel complesso non ebbe molto successo.

A questo fece seguito il suo più grande successo negli Stati Uniti da anni, la commedia "That's amore!" Due improbabili seduttori (1995), in cui interpreta una sexy divorziata che seduce Walter Matthau.

Nel decennio successivo Sophia ebbe ruoli secondari in alcuni film indipendenti come "Soleil" (1997), "Cuori estranei" (2002) (diretto da Edoardo) e "La terra del ritorno" (2004).

Ancora bella, a 72 anni, ha posato in abiti succinti per il "Calendario Pirelli 2007".

Purtroppo quello stesso anno pianse la morte del coniuge di 94 anni, Carlo Ponti.

Nel 2009, dopo troppo tempo lontano dal cinema, apparve nel musical "Nine" (2009).

In quei giorni Sophia vive in Svizzera, ma si reca spesso negli Stati Uniti per trascorrere del tempo con i suoi figli e le loro famiglie (Eduardo è sposato con l'attrice Sasha Alexander). Attualmente vive a Ginevra.

Sophia Loren rimane una delle figure più amate e riconoscibili nel mondo del cinema internazionale. Possiamo ben dire "un orgoglio tutto italiano"


(pubblicita' AR A1)


linea

CURIOSITA' sulla LOREN

Scelta dalla rivista People come una delle 50 persone più belle del mondo (1991).

Ha fatto annullare il suo matrimonio per salvare Carlo Ponti dalle accuse di bigamia in Italia.

Ha scontato una pena detentiva di 18 giorni in Italia nel 1982 per evasione fiscale.

Si potrebbe facilmente catalogare come "dea della sensualità" da adulta. Ma fino all'età di 14 anni era una bambina magra e considerata un brutto anatroccolo.

Scelta dalla rivista Empire come una delle 100 stelle più sexy nella storia del cinema (# 25) (1995).

Trae grande piacere dal far rotolare i suoi piedi nudi su un mattarello di legno mentre guarda la televisione.

Non andava d'accordo con Marlon Brando durante le riprese de "La contessa di Hong Kong" (1967), soprattutto dopo il giorno in cui stavano girando una scena d'amore e lui commentò: "Sapevi di avere i peli sulle narici?".

Ha eseguito due duetti con Peter Sellers che sono stati i maggiori successi nella classifica pop britannica.

Carlo Ponti ottenne il divorzio messicano dalla sua prima moglie e sposò Sophia per procura, mentre lei era a Hollywood, girando "Un marito per Cinzia" (1958) e uscendo con il co-protagonista Cary Grant.

Durante le riprese "Il ragazzo sul delfino" (1957) a Sophia fu richiesto di camminare in una trincea scavata per dare al pubblico l'impressione che il suo minuscolo co-protagonista, Alan Ladd, fosse più alto di lei.

Ha una sorella, Maria Scicolone (nata nel 1938); e due fratellastri, Giuliano Scicolone (nato nel 1943) e Giuseppe Scicolone (nato nel 1946).

Ha sofferto di paura del palcoscenico e, quindi, non è mai apparsa in una produzione teatrale.

Ha avuto due aborti prima del figlio primogenito Carlo Ponti Jr.

A causa di queste complicazioni, ha dovuto riposare completamente a letto durante la prima e la seconda gravidanza andate a buon fine.

Sua madre vinse un concorso tutto italiano come sosia di Greta Garbo organizzato da Metro-Goldwyn-Mayer nel 1932; ma, avendo solo 17 anni, sua madre non le avrebbe permesso di perseguire il suo sogno hollywoodiano.

Il suo cognome adottato è una leggera variazione di "Toren" dopo l'attrice svedese Märta Torén.

Quando il padre di Sophia la abbandonò, la nonna materna iniziò a chiamarla "Lella".

Ha vinto un Grammy Award nel 2004 per il miglior album di parole parlate per bambini per il suo lavoro in "Prokofiev: Peter and the Wolf / Beintus" insieme all'ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton e all'ex presidente dell'Unione Sovietica Mikhail Gorbachev.

È stata nominata attrice numero 21 nelle 50 più grandi leggende del cinema dell'American Film Institute.

A volte, gli attori maschi sono stati riluttanti ad apparire con lei, perché è molto alta e porta tacchi altissimi e una folta chioma che possono farla sembrare alta più di 1,82 metri.

Il suo premio Oscar come "Migliore attrice" è stato il primo Oscar assegnato per una performance in un film "in lingua straniera".

Ha ricevuto la cittadinanza onoraria nella sua città natale di Pozzuoli, in Italia, il 22 giugno 2005 (ha rinunciato alla cittadinanza italiana ed è diventata cittadina francese anni fa a causa di problemi legali e fiscali che lei e suo marito hanno avuto in Italia).

È stata presidente della giuria al Festival di Cannes nel 1966.

Ha portato la bandiera olimpica alla cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici Invernali 2006 a Torino.

Con Marcello Mastroianni apparse in 11 film.

Apparve nell'edizione 2007 del famoso Calendario Pirelli all'età di 72 anni, rendendola la modella più vecchia della sua storia.

È stata menzionata nella canzone "I Shall Be Free" di Bob Dylan nel suo album del 1963 "The Freewheelin 'Bob Dylan".

Possiede un appartamento nella Trump World Tower a New York City.

Odiando i saloni di bellezza, si fa i capelli e le unghie da sola.

Essendo una delle concorrenti al concorso Miss Italia 1950, si guadagnò il secondo posto e fu premiata "Miss Eleganza".

L'Oscar alla migliore attrice che vinse per La ciociara (1960) fu rubato dai ladri dalla sua villa italiana.

L'Accademia delle arti e delle scienze cinematografiche (AMPAS) in seguito le ha fornito una copia chiedendole un piccolo contributo.

È una delle cinque artiste ad aver vinto un Oscar interpretando un personaggio che parlava principalmente in una lingua straniera.

Sua sorella Maria Scicolone era sposata con il figlio del dittatore Benito Mussolini, Romano Mussolini.

Ha rifiutato il ruolo del protagonista in Barbarella (1968).

Ha anche rifiutato un'offerta per apparire nella commedia western "I 4 del Texas" (1963) che prevedeva un compenso di 1 milione di dollari per quattro settimane di lavoro.

È stata premiata con una stella sulla Hollywood Walk of Fame al 7050 di Hollywood Boulevard a Hollywood, in California, il 1 ° febbraio 1994.

Le è stata assegnata una Golden Palm Star sulla Palm Springs Walk of Stars a Palm Springs, in California, il 9 gennaio 1994.

Tornò al lavoro 7 mesi dopo aver dato alla luce il figlio Edoardo Ponti per iniziare le riprese de "Il viaggio" (1974).

Nel 1999 ha intentato una causa contro 76 siti web per aver utilizzato "fotografie fraudolente" di lei su siti per adulti.

È stata la 55a attrice a ricevere un Academy Award; ha vinto l'Oscar come migliore attrice per La ciociara (1960) ai 34th Annual Academy Awards (1962) il 9 aprile 1962.

Per i suoi 80 anni nel 2014, suo figlio, Carlo Ponti Jr. commissionò una sinfonia scritta da Daniel Brewbaker "Sinfonietta per Sofia".

Nonostante fosse italiana, fu doppiata da Lydia Simoneschi e Rita Savagnone nelle versioni italiane della maggior parte dei suoi film.

Smise di fumare nel 1985.

Con El Cid (1961) fu la seconda attrice a ricevere un milione di dollari per un singolo ruolo cinematografico.



(pubblicita' VI A2)


linea

FRASI CELEBRI DETTE DA SOPHIA LOREN

Il sex appeal è il 50% di quello che hai e il 50% di quello che la gente pensa che tu abbia.

Gli errori fanno parte del debito che si paga per una vita piena.

I due grandi vantaggi che ho avuto alla nascita sono stati di essere nata saggia e di essere nata in povertà.

Andare avanti in una professione difficile richiede un'avida fiducia in te stesso.

Questo è il motivo per cui alcune persone con un talento mediocre, ma con una grande spinta interiore, vanno molto oltre le persone con un talento di gran lunga superiore.

Cucinare è un atto d'amore, un dono, un modo per condividere con gli altri i piccoli segreti che stanno bollendo sui fornelli.

L'abito di una donna dovrebbe essere come un recinto di filo spinato: serve allo scopo senza ostacolare la vista.

Tyrone Power era il mio uomo ideale.

Marcello è un uomo che pensa come un uomo, parla come un uomo - è un uomo! Ha così tanto magnetismo, tira fuori l'anima stessa in una donna.

Gregory Peck è uno degli uomini più affascinanti che abbia mai incontrato.

Ho imparato molte cose lavorando con Cary Grant. Ha una concentrazione così straordinaria. Molti attori non hanno il coraggio di stare fermi. Cary Grant sa come concentrarsi, come guardarti direttamente, ma sempre con grande relax.

L'odio è amore insoddisfatto.

Non capisco Sharon Stone, che parla di sesso come se stesse parlando di una ciotola di spaghetti o di una pizza. Queste cose sono private; richiedono un po' di discrezione.

I fatti della vita sono che un bambino che ha visto la guerra non può essere paragonato a un bambino che non sa cosa sia la guerra se non dalla televisione.

Ho odiato mio padre per tutta la vita, ma nei suoi ultimi giorni l'ho perdonato per tutte le sofferenze che ci ha causato. Invecchiando, sposandoti e avendo figli, impari e dimentichi. Non dimentico facilmente, ma perdono.

Demi Moore osa, e mi piace una persona che osa.

[il suo consiglio alle giovani attrici] Imparate a baciare. Ora si baciano come se si stessero divorando a vicenda. Dovrebbero imparare da come si baciano persone come Ingrid Bergman e Cary Grant.



Video su Sophia Loren



(pubblicita' VI AF)



Foto Sophia Loren

Sophia Loren 002


Sophia Loren 003


Sophia Loren 004



(pubblicita' VI F1)




Sophia Loren 005


Sophia Loren 006


Sophia Loren 007


Sophia Loren 008


Sophia Loren 009



(pubblicita' ads F2)


Sophia Loren 010


Sophia Loren 012



Tutti i film in cui ha partecipato Sophia Loren

- Cuori sul mare, regia di Giorgio Bianchi (1950) - come Sofia Scicolone
- Il voto, regia di Mario Bonnard (1950) - come Sofia Scicolone
- Tototarzan, regia di Mario Mattoli (1950) - come Sofia Lazzaro
- Le sei mogli di Barbablù, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1950) - come Sofia Lazzaro
- Luci del varietà, regia di Federico Fellini e Alberto Lattuada (1950) - come Sofia Lazzaro
- Lebbra bianca, regia di Enzo Trapani (1951) - come Sofia Scicolone
- Io sono il Capataz, regia di Giorgio Simonelli (1951) - come Sophia Lazzaro
- Milano miliardaria, regia di Vittorio Metz, Marcello Marchesi e Marino Girolami (1951) - come Sofia Lazzaro
- Quo vadis, regia di Mervyn LeRoy (1951) - non accreditata
- Il padrone del vapore, regia di Mario Mattoli (1951) - come Sophia Lazzaro
- Il mago per forza, regia di Vittorio Metz, Marcello Marchesi e Marino Girolami (1951) - come Sofia Lazzaro
- Era lui, si, si!, regia di Vittorio Metz, Marcello Marchesi e Marino Girolami (1951) - come Sofia Lazzaro
- Anna, regia di Alberto Lattuada (1951) - come Sofia Lazzaro
- È arrivato l'accordatore, regia di Duilio Coletti (1952) - come Sofia Lazzaro
- Il sogno di Zorro, regia di Mario Soldati (1952) - come Sofia Lazzaro
- La favorita, regia di Cesare Barlacchi (1952) - come Sofia Lazzaro
- La tratta delle bianche, regia di Luigi Comencini (1952) - come Sofia Lazzaro
- Africa sotto i mari, regia di Giovanni Roccardi (1953)
- Aida, regia di Clemente Fracassi (1953)
- Ci troviamo in galleria, regia di Mauro Bolognini (1953)
- La domenica della buona gente, regia di Anton Giulio Majano (1953)
- Un giorno in pretura, regia di Steno (1953)
- Carosello napoletano, regia di Ettore Giannini (1954)
- Il paese dei campanelli, regia di Jean Boyer (1954)
- Due notti con Cleopatra, regia di Mario Mattoli (1954)
- Tempi nostri - Zibaldone n. 2, regia di Alessandro Blasetti (1954)
- Miseria e nobiltà, regia di Mario Mattoli (1954)
- Pellegrini d'amore, regia di Andrea Forzano (1954)
- Attila, regia di Pietro Francisci (1954)
- L'oro di Napoli, regia di Vittorio De Sica (1954)
- Peccato che sia una canaglia, regia di Alessandro Blasetti (1954)
- La donna del fiume, regia di Mario Soldati (1954)
- Il segno di Venere, regia di Dino Risi (1955)
- La bella mugnaia, regia di Mario Camerini (1955)
- Pane, amore e..., regia di Dino Risi (1955)
- La fortuna di essere donna, regia di Alessandro Blasetti (1955)
- Il ragazzo sul delfino (Boy on a Dolphin), regia di Jean Negulesco (1957)
- Orgoglio e passione (The Pride and the Passion), regia di Stanley Kramer (1957)
- Timbuctù (Legend of the Lost), regia di Henry Hathaway (1957)
- Desiderio sotto gli olmi (Desire Under the Elms), regia di Delbert Mann (1958)
- La chiave (The Key), regia di Carol Reed (1958)
- Orchidea nera (The Black Orchid), regia di Martin Ritt (1958)
- Un marito per Cinzia (Houseboat), regia di Melville Shavelson (1958)
- Quel tipo di donna (That Kind of Woman), regia di Sidney Lumet (1959)
- Il diavolo in calzoncini rosa (Heller in Pink Tights), regia di George Cukor (1960)
- Olympia (A Breath of Scandal), regia di Michael Curtiz (1960)
- La baia di Napoli (It Started in Naples), regia di Melville Shavelson (1960)
- La miliardaria (The Millionairess), regia di Anthony Asquith (1960)
- La ciociara, regia di Vittorio De Sica (1960)
- El Cid, regia di Anthony Mann (1961)
- Madame Sans-Gêne, regia di Christian-Jaque (1961)
- Boccaccio '70, episodio La riffa, regia di Vittorio De Sica (1962)
- Il coltello nella piaga (Le couteau dans la plaie), regia di Anatole Litvak (1962)
- I sequestrati di Altona, regia di Vittorio De Sica (1962)
- Ieri, oggi, domani, regia di Vittorio De Sica (1963)
- Matrimonio all'italiana, regia di Vittorio De Sica (1964)
- La caduta dell'impero romano (The Fall of the Roman Empire), regia di Anthony Mann (1964)
- Operazione Crossbow (Operation Crossbow), regia di Michael Anderson (1965)
- Lady L, regia di Peter Ustinov (1965)
- Judith, regia di Daniel Mann (1966)
- Arabesque, regia di Stanley Donen (1966)
- La contessa di Hong Kong (A Countess from Hong Kong), regia di Charlie Chaplin (1967)
- C'era una volta, regia di Francesco Rosi (1967)
- Questi fantasmi, regia di Renato Castellani (1967)
- I girasoli, regia di Vittorio De Sica (1970)
- La moglie del prete, regia di Dino Risi (1970)
- La mortadella, regia di Mario Monicelli (1971)
- Bianco, rosso e..., regia di Alberto Lattuada (1972)
- L'uomo della Mancha (Man of La Mancha), regia di Arthur Hiller (1972)
- Il viaggio, regia di Vittorio De Sica (1974)
- L'accusa è: violenza carnale e omicidio (Verdict), regia di André Cayatte (1974)
- La pupa del gangster, regia di Giorgio Capitani (1975)
- Cassandra Crossing (The Cassandra Crossing), regia di George Pan Cosmatos (1976)
- Una giornata particolare, regia di Ettore Scola (1977)
- Angela, regia di Boris Sagal (1978)
- Fatto di sangue fra due uomini per causa di una vedova. Si sospettano moventi politici, regia di Lina Wertmüller (1978)
- Obiettivo "Brass" (Brass target), regia di John Hough (1978)
- Bocca da fuoco (Firepower), regia di Michael Winner (1979)
- Qualcosa di biondo, regia di Maurizio Ponzi (1984)
- Prêt-à-Porter, regia di Robert Altman (1994)
- That's Amore - Due improbabili seduttori (Grumpier Old Men), regia di Howard Deutch (1995)
- Soleil, regia di Roger Hanin (1997)
- Cuori estranei (Between Strangers), regia di Edoardo Ponti (2002)
- Peperoni ripieni e pesci in faccia, regia di Lina Wertmüller (2004)
- Nine, regia di Rob Marshall (2009)
- Voce umana (mediometraggio), regia di Edoardo Ponti (2013)
- La vita davanti a sé (The Life Ahead), regia di Edoardo Ponti (2020)



CONTENUTI SIMILI

TAG della pagina

che premi ha vinto Sophia Loren
quali sono i film di Sophia Loren
chi ha sposato Sophia Loren
carriera di Sophia Loren
storia di Sophia Loren
studi di Sophia Loren
immagini di Sophia Loren


(pubblicita' VI CP)