Henry Woods




Biografia e vita di Henry Woods (Inghilterra 1826-1921)

Henry Woods al lavoro Henry Woods nacque in una confortevole famiglia borghese il 22 aprile 1846 a Warrington, in Inghilterra, a circa trenta miglia a est di Liverpool.

Fin dall'inizio, il giovane Woods ha conosciuto una grande varietà di opere d'arte della collezione di incisioni di suo padre, basate su dipinti contemporanei popolari, ed i suoi genitori lo hanno portato a visitare varie mostre d'arte regionali.

Secondo The Art Annual del 1915, Woods fu particolarmente colpito da una mostra del 1857 intitolata Art Treasures Exhibition, esposta nella vicina città di Manchester.

Anche se all'epoca aveva solo undici anni, sembra che quella esperienza si sia fissata in un ricordo che ha raccontato negli anni successivi a colleghi e amici.

Woods ebbe anche il vantaggio di crescere nel nord-ovest dell'Inghilterra, economicamente fiorente, dove i ricchi leader della rivoluzione industriale avevano cominciato a rivolgere la loro attenzione a un serio collezionismo d'arte.

Fu durante questi decenni della metà del secolo che i musei e le scuole d'arte entrarono a far parte del panorama culturale nelle crescenti città di Liverpool, Manchester, Leeds e Birmingham, tutte facilmente accessibili, attraverso le nuove ferrovie, a un giovane che studiasse arte.

La prima formazione di Woods nel disegno di base e nell'acquerello avvenne nella scuola pubblica locale, ma presto studiò arte seriamente alla Warrington School of Art.

Annuncio


Annuncio



Nel 1857, lo stesso anno in cui visitò la mostra dei vecchi maestri a Manchester, vinse la sua prima medaglia di bronzo a scuola. Nel 1865, all'età di diciotto anni, Woods ricevette un sussidio di viaggio dalla Warrington School of Art per sostenere i suoi studi presso la South Kensington Art School di Londra.

Contemporaneamente, il suo amico di scuola d'arte, Luke Fildes, (1843-1927) si trasferì a Londra per studiare a South Kensington.

Quattro anni dopo, entrambi furono assunti come illustratori per un nuovo settimanale, The Graphic, fondato da William Luson Thomas, che era un artista e un incisore a pieno titolo.

Il settimanale illustrato di 24 pagine ebbe un notevole successo, offrendo ai lettori una posizione editoriale basata sulla riforma sociale e un impegno per l'arte grafica di alta qualità.

Woods e Fildes si ritrovarono presto in compagnia di altri aspiranti e talentuosi artisti, tra cui John Everett Millais, Hubert von Herkomer e Frank Holl.

Con una posizione sicura in The Graphic, Woods rivolse la sua attenzione alla costruzione di una carriera come pittore nella sede principale di Burlington House, il sito delle mostre della Royal Academy.

Iniziò così a mostrare i suoi dipinti nel 1869 con una tela intitolata "Evening in a Welsh Valley" e continuò a farlo in modo coerente per il resto della sua vita. Tra il 1873 e il 1875, i suoi primi lavori di genere alle esposizioni della Burlington House furono notati, ma non ricevettero praticamente nessuna attenzione critica, forse perché il giovane Woods non aveva ancora trovato il suo stile personale in quel momento.

Durante questi anni il suo buon amico Luke Fildes divenne anche suo cognato quando sposò Fanny Woods nel 1874.

La vita professionale di Woods cambiò radicalmente nel 1876 quando fece il suo primo viaggio a Venezia.

Lì fu sopraffatto dalla città, dalla luce, dall'acqua e dagli infiniti spunti per dipingere ciò che vedeva e che lo emozionava.

Dipinse diverse tele raffiguranti scene di strada veneziane e ne inviò due alla mostra della Royal Academy del 1877.

Un anno dopo, nel 1878, lasciò Londra e si trasferì a Venezia in modo permanente.

Lì ha imparato a parlare italiano ed ha fondato uno studio dove ha iniziato a sviluppare lo stile vittoriano che caratterizza il suo lavoro migliore.

Uno dei suoi primi successi, dopo essersi trasferito a Venezia, è stato quello di trovare una casa confortevole e uno studio nell'angolo sud-occidentale della città, molto vicino alla Chiesa di San Sebastiano dove è sepolto il pittore rinascimentale Paolo Veronese.

Anche se la casa di Woods era un'ex residenza estiva annessa ad un palazzo vecchio, la ristrutturò presto per soddisfare le sue esigenze di artista.

Il pavimento tra le stanze superiori e inferiori fu rimosso e un lucernario in vetro venne aggiunto lungo tutta la larghezza del tetto.

In seguito costruì una serra in un piccolo lembo di terra nella zona giardino/vigneto dietro il palazzo, così da poter avere anche uno studio di pittura invernale.

Una volta che si fu stabilizzato nella vita quotidiana di Venezia, Woods si concentrò sullo sviluppo di un'estetica adatta all'ambiente della sua città adottiva.

Non era interessato a dipingere nella tradizione vedutaria di Antonio Canaletto e Francesco Guardi, ma piuttosto nel catturare la vita della gente comune che svolgeva le proprie attività quotidiane.

Anche se Woods occasionalmente commenta la natura umana, la maggior parte dei suoi dipinti sono rappresentazioni di lavoratori dei quartieri di Venezia.

Il Canal Veneziano (1886), ad esempio, cattura la vita che si svolge lungo un piccolo canale stretto fiancheggiato da modeste case e barche a vela funzionanti, piuttosto che delle classiche e romantiche gondole o dei soliti palazzi del Canal Grande.

Anche nella tarda pittura, La Tombola (1904), contiene un argomento che riflette la vita della gente comune.

In questo caso un gruppo di donne si diverte a giocare d'azzardo in un minuscolo corridoio accanto al canale della Giudecca. Anche se la sua residenza permanente era in Italia, Woods mantenne assiduamente i suoi contatti anche in Inghilterra, inviando quadri alle annuali esposizioni della Royal Academy quasi ogni anno tra il 1873 e il 1915.

Nel 1880 tre dipinti inviati alla mostra attirarono particolari elogi: "Cortile Ducale", "Street Trading a Venezia" e "Preparazione per la Festa".

Alla fine, nel 1882, dopo aver presentato il Bargaining per un vecchio maestro, gli sforzi di Woods furono ricompensati diventando membro associato della Royal Academy.

E nel 1893 ne divenne membro a pieno titolo.

Nel 1889 Woods presentò anche il suo lavoro alla famosa Exposition Universelle di Parigi e vinse una medaglia di bronzo.

Uno dei suoi più distinti onori, tuttavia, fu che era l'unico membro straniero dell'Accademia di Belle Arti di Venezia.

Annuncio


Annuncio



Le sue opere venivano regolarmente esposte alle mostre a Venezia e, naturalmente, vendute privatamente anche dal suo studio. Gli ultimi anni della vita di Woods furono rattristati dalla debacle della prima guerra mondiale e dalla posizione ambigua e, alla fine, disastrosa del governo italiano, che non era in grado di decidere una linea di condotta chiara in relazione a entrambe le parti del conflitto.

Alla fine, le peggiori battaglie italiane della guerra si sono verificate nella parte settentrionale del paese, compreso il Veneto.

Durante questo periodo, Woods continuò a dipingere fino a poco prima della sua morte, il 27 ottobre 1921. Musei con opere di Woods: Art Gallery del New South Wales, Sydney Art Collection del governo, London New York Public Library, New York Royal Academy of Art, Londra Tate Britain, Londra Tyne and Wear Museums, Newcastle, Regno Unito Walker Art Gallery, Liverpool





Galleria opere d'arte di Henry Woods

(segue dopo gli annunci)

Annuncio


Annuncio




Annunci e Argomenti correlati