Orafi famosi




Storia e lavorazione dell'oro

Rispetto agli altri metalli, l'oro è malleabile, duttile, raro ed è l'unico elemento metallico solido di colore giallo.

Può facilmente essere fuso e colato senza problemi di ossidi e di gas che sono problematici con altri metalli come i bronzi , ad esempio.

E'  abbastanza facile da "saldare a pressione", per cui, come per l'argilla, due piccoli pezzi possono essere pestati insieme per fare un pezzo più grande.

L'oro è classificato come metallo nobile, perché non reagisce con la maggior parte degli altri elementi.

Di solito si trova nella sua forma nativa, durando indefinitamente senza ossidazione e cambio di colore.

L'oro è stato lavorato dagli esseri umani in tutte le culture in cui il metallo è stato disponibile, sia in loco che importato, e la storia di queste attività è molto estesa.

Gli oggetti straordinariamente realizzati dalle antiche culture dell'Africa, dell'Asia, dell'Europa, dell'India, dell'America del Nord, della Mesoamerica e del Sud America, sono ospitati e visibili in musei e collezioni di tutto il mondo.

Alcuni pezzi risalgono a migliaia di anni fa e sono stati fatti utilizzando molte tecniche ancora utilizzate dai moderni orafi.

Le tecniche sviluppate da alcuni di questi orafi hanno raggiunto un livello di abilità perso nel tempo e irripetibile al di là delle abilità di coloro che hanno seguito, anche nei tempi moderni.

I ricercatori che tentano di scoprire le tecniche chimiche usate dagli antichi artigiani hanno osservato che i loro risultati confermano che "l'elevato livello di competenza raggiunto dagli artisti e artigiani di questi antichi periodi ha prodotto oggetti di qualità artistica che non poteva essere migliorata successivamente e non lo è ancora neppure al giorno d'oggi".

Nell'Europa medievale gli orologi sono stati organizzati in gilde e di solito erano posseduti dalle più importanti e più ricche corporazioni in una città.

La gilda ha tenuto registri dei membri e dei marchi utilizzati sui loro prodotti.

Questi registri, quando non sono andati persi, sono molto utili agli storici.

Gli orologiai spesso agivano come banchieri, poiché si occupavano di oro e avevano una sicurezza sufficiente per l'immagazzinamento sicuro di oggetti preziosi.

Nel Medioevo l'oro veniva lavorato normalmente anche con l'argento, ma i lavoratori in ottone e i lavoratori di altri metalli di base normalmente erano membri di una gilda separata, in quanto non era consentito svolgere commerci sovrapposti.

La casta di Sunar è una delle più antiche comunità d'oro in India, le cui superbe opere d'oro sono state esposte alla Grande Mostra del 1851 a Londra.

In India i 'Vishwakarma' è la casta dell'oreficeria.

La tecnica di stampa di incisione fu sviluppata tra gli oroforti in Germania intorno al 1430, che avevano usato per lungo tempo la tecnica sui loro pezzi di metallo.

I notabili incisori del Quattrocento erano orologiai, come il Maestro ES, o i loro figli, come Martin Schongauer e Albrecht Dürer.







Annunci e Argomenti correlati