Donne sulla spiaggia di Anzio




Biografia e vita di Costa Nino (Italia 1826-1903)

Autoritratto di Nino CostaIl pittore italiano Nino Costa, vero nome Giovanni, nasce a Roma nel 1826.

Nino Costa ha contribuito al diffondere delle idee naturalistiche anche tra i membri del movimento pittorico dei macchiaioli.

Figlio di un noto rappresentante della borghesia industriale romana, Nino riceve un'educazione classica e si dedica alla pittura frequentando a Roma intorno al 1848 lo studio del Cammuccini, del Coghetti e del Podesti e Clerici.

La sua arte è ispirata soprattutto dalla natura e dalla pittura dal vero che lo allontanano da questi artisti, legati alle esperienze neoclassica e romantica.

Convinto assertore di un'unità nazionale Nino Costa partecipa alla prima guerra di indipendenza, anche al seguito di Garibaldi.

Nella Repubblica romana del 1849 è consigliere municipale. Alla caduta della Repubblica deve fuggire.

Dopo la restaurazione, tra il 1850 e il 1851, Nino Costa va a Napoli dove conosce la scuola di Posillipo, vicina alla sua naturale propensione per la rappresentazione verista del paesaggio.

Pittura di Nino Costa Soggiorna ad Ariccia dove frequenta alcuni artisti stranieri: Nazareni, Overbeck e Cornelius, con cui condivide la passione per l'arte antica.

Nel 1852 incontra George Mason, in compagnia del quale dipinge en plein air nella campagna romana e nel 1853 conosce Frederick Leighton e le idee di Ruskin nel tentativo di rielaborare il vero attraverso il "sentimento del pensiero".

La sua formazione termina con l'opera Donne che caricano legna a Porto d'Anzio, del 1852, esposta nel 1861 alla Prima Esposizione nazionale di Firenze e nel 1862 al Salon parigino.

I suoi contatti con artisti stranieri di tendenze simbolistiche si moltiplicano tra il 1850 e il 1867 ed entra in rapporti col gruppo del Caffè Michelangelo.

Conosce i Macchiaioli, stringendo una forte amicizia con Cabianca, De Tivoli, Banti, Fattori.

Albero dipinto di Nino CostaTra il 1855 e il 1856 la conoscenza con lo svizzero Emile David lo informa sulle prove di Corot e dei barbizonniers e dell'inglese Charles Coleman, decide così di lasciare i soggetti storici.

Nino Costa durante la sua vita viaggia molto. Il viaggio è per l'artista occasione di incontro con altri colleghi e personalità note nel mondo artistico.

Nel 1887 aderisce al gruppo "In Arte Libertas", di cui è una delle più note voci, e partecipa alle esposizioni organizzate regolarmente dalla società fino al 1902.

Nel 1897 viene acquisito dalla National Gallery of British Art Il risveglio della natura, quadro donato con una sottoscrizione promossa dagli amici inglesi e distrutto durante la seconda guerra mondiale.

Nino Costa muore il 31 gennaio del 1903 a Marina di Pisa.
 






Galleria opere d'arte di Costa Nino

Leda e il cigno
Leda e il cigno

Donne sulla spiaggia di Anzio
Donne sulla spiaggia di Anzio

Tramonto sul lago di Albano
Tramonto sul lago di Albano

Tramonto sull'Arno
Tramonto sull'Arno

Rovine sui colli Albani
Rovine sui colli Albani

Dintorni di Pisa
Dintorni di Pisa

Porto di Anzio
Porto di Anzio

Vista sul monte Amiata
Vista sul monte Amiata

Ciociara nel bosco
Ciociara nel bosco



Annunci e Argomenti correlati