Biografia e opere dello scultore Brancusi Constantin




Biografia e vita di Brancusi Constantin (Romania 1876-1957)

Brancusi Constantin (Bartolomeo Suardi) Constantin Brancusi, nasce il 19 febbraio 1876 a Hobiţa (Romania) e muore il 16 marzo 1957 a Parigi. E' stato il pioniere della moderna scultura astratta le cui opere in bronzo e marmo sono caratterizzate da un uso sobrio ed elegante di forma pura e finitura squisita.

Un appassionato intagliatore che ha prodotto numerose sculture in legno, spesso con un gusto popolare e altre volte scolpendo prototipi di opere successivamente eseguite in altri materiali.

È conosciuto principalmente per le sue sculture astratte di teste ovoidi e uccelli in volo.
 

Vita iniziale e primi lavori

I genitori di Brancusi, Nicolas e Maria Brancusi, erano contadini che vivevano nella campagna rumena.

Come altri bambini del villaggio di quel tempo, Constantin non andò a scuola.

Dall'età di sette anni ha lavorato come mandriano, prima guardando il gregge di famiglia, poi lavorando per altre persone nei Carpazi .

Fu allora che il giovane pastore imparò a intagliare il legno, un'arte popolare nelle zone rurali della Romania, per produrre cucchiai, colonnine, presse per formaggi e facciate di case, tutte decorate con intagli.

Lo stile di questi ornamenti influenzerà molte delle opere di Brancusi.

Nei suoi gusti, nel suo portamento e nel suo modo di vivere avrebbe mantenuto per sempre i gusti semplici delle sue origini.

Quando aveva nove anni Brancusi andò a Tîrgu Jiu , una città vicino a Pestisani, nella regione di Oltenia, in Romania, per cercare lavoro.

Prima lavorò per un tintore; due anni dopo andò al servizio di un droghiere a Slatina e poi divenne domestico in una casa pubblica a Craiova , il capoluogo dell'Oltenia, dove rimase per diversi anni.

Ha mantenuto il suo gusto per il lavoro in legno e ha intrapreso elaborati progetti di intaglio, come la costruzione di un violino da una cassa arancione.

Tali prodezze attirarono l'attenzione di un industriale, che nel 1894 entrò a far parte della Craiova School of Arts and Crafts.

Per frequentare la scuola, Brancusi ha dovuto imparare a leggere e scrivere da solo.

L'età adulta dell'artista

Nel 1896, all'età di 20 anni, iniziò a viaggiare per la prima volta: andò a Vienna sul Danubio e si arruolò come falegname per guadagnare denaro per il suo soggiorno.

Dal momento che la sua ambizione era quella di fare lo scultore, nel 1898 entrò nel concorso per l'ammissione alla Scuola di Belle Arti di Bucarest e fu ammesso.

Sebbene fosse molto più attratto dal lavoro degli "indipendenti" rispetto a quello degli accademici della sua scuola, studiò seriamente la modellistica e l'anatomia.

Nel 1903, al suo ritorno dal servizio militare, l'interesse di Brancusi fu destato dalla fama di Auguste Rodin, che si era diffusa da Parigi a Bucarest.

Le audaci concezioni di Rodin hanno ispirato l'entusiasmo delle avanguardie e l'indignazione degli accademici.

L'esempio di Rodin ispirò anche Brancusi a diventare curioso di ciò che stava accadendo nel mondo dell'arte oltre i confini del suo paese, e così andò a Monaco, in Germania, dove rimase fino alla primavera del 1904.

Decise quindi di andare a Parigi, un viaggio costoso per un uomo di mezzi modesti.

Fece la maggior parte del viaggio a piedi, con il suo zaino in spalla e dovette vendere l'orologio per pagare una traversata in battello sul Lago di Costanza.

Arrivò a Parigi a luglio. Entrò nell'École des Beaux-Arts, ancora in un laboratorio accademico, quello di Antonin Mercié, che traeva la sua opera dallo statuario del Rinascimento fiorentino.

Brancusi lavorò con lui per due anni, ma per guadagnarsi da vivere faceva cose strane. Gli ordini per i ritratti di alcuni compatrioti lo hanno aiutato anche nei momenti difficili.

Nel 1906 espose per la prima volta a Parigi, nel Salon sponsorizzato dallo Stato e poi al Salon d'Automne.

Con uno spirito che era ancora abbastanza classico, ma che mostrava grande energia, i suoi primi lavori furono influenzati dall'opera sinuosa di Rodin.

Per allontanarsi da quell'influenza, Brancusi rifiutò di entrare nella bottega di Rodin, perché, disse, "non si può fare niente sotto grandi alberi".

Nel 1907, incaricato di eseguire il monumento funebre di un ricco proprietario terriero nel cimitero di Buzau in Romania, Brancusi scolpì una statua di una giovane ragazza inginocchiata, intitolata "La preghiera", che rappresentava il primo stadio della sua evoluzione verso forme semplificate.

Partecipò per la prima volta alla mostra Tinerimea Artistica, una mostra annuale di nuovi talenti, a Bucarest, e affittò un laboratorio nella zona di Montparnasse a Parigi.

L'influenza di Rodin apparve nel lavoro di Brancusi per l'ultima volta nel 1908, nella prima versione della "Musa addormentata", una scultura del volto di una donna in cui i tratti suggeriscono un blocco di marmo non formato.

Anche nel 1908 Brancusi eseguì la sua prima opera veramente originale, "Il bacio", in cui le figure verticali di due adolescenti intrecciati formano un volume chiuso con linee simmetriche.

In uno dei suoi primi esperimenti con l'intaglio diretto, affermò l'uso organico e puro della forma che sarebbe diventata il suo marchio di fabbrica e che avrebbe influenzato il lavoro di numerosi artisti, più immediatamente una serie di sculture eseguite dal suo amico Amedeo Modigliani a partire dal 1910.

Nel 1910 Brancusi eseguì una versione seminale della "musa addormentata". La scultura è una testa isolata, a forma di ovoide, eseguita in bronzo, con i dettagli del viso drasticamente ridotti in modo che l'opera abbia curve lucide e incontaminate.

Brancusi sperimenterà frequentemente questa forma ovoidale nel corso degli anni, sia in gesso che in bronzo.

Nel 1924 creò una forma ovoidale di marmo puro priva di ogni dettaglio: "Inizio del mondo". Come suggerisce il titolo, per Brancusi questa massa ovoidale rappresentava l'essenza stessa della forma, o una sorta di primitivo fondamento della forma che l'artista non si curava di alterare con le tradizionali tecniche scultoree della modellazione.

Brancusi estese i suoi esperimenti di forme semplificate alla sua esplorazione dell'uccello nel 1912 con Maiastra, una scultura intitolata ad un uccello miracoloso delle leggende popolari rumene.

La prima versione dell'opera fu in marmo, con l'uccello purificato nella forma, rappresentato con la testa sollevata in volo.

Brancusi lo eseguirà in altre 28 versioni nei prossimi due decenni.

Dopo il 1919 i suoi uccelli si sono evoluti in una serie di sculture in bronzo lucido, tutte intitolate "Bird nello spazio".

Le linee ellittiche e snelle di queste figure mettono l'essenza del volo rapido in forma concreta.

Durante questi anni di sperimentazioni radicali, il lavoro di Brancusi inizia ad avere un pubblico internazionale sempre più ampio.

Nel 1913, mentre continua ad esporre al Salon des Indépendants di Parigi, partecipa all'Armory Show di New York, Chicago e Boston, mostrando cinque opere tra cui "Mademoiselle Pogany", un busto schematizzato che avrebbe avuto numerose varianti.

Già noto negli Stati Uniti, Brancusi trovò fedeli collezionisti nei decenni successivi.

Nel frattempo i critici di tutto il mondo attaccano la natura radicale del suo lavoro. Soprattutto Brancusi amava scolpire sé stesso, il che richiedeva, come ebbe modo di dire, "un confronto senza pietà tra l'artista e i suoi materiali".

Spesso scolpiva in rovere o in castagno oggetti che avrebbe poi trattato in bronzo o marmo.

Il suo lavoro riflette la tradizione africana dell'intaglio diretto. In effetti, come molti artisti europei d'avanguardia dell'epoca, Brancusi era interessato alle qualità "primitive" delle arti africane.

Bracusi da vecchio La sua prima scultura in legno, "Il figlio prodigo", del 1914, era molto vicina all'astrazione; è un pezzo di quercia rudimentalmente scolpita con le caratteristiche scarsamente percettibili di un essere umano.

Seguirà questo percorso con un'intera serie di sculture in legno che sono tra le sue opere più strane.

Attribuiva grande importanza alla base di legno di una scultura e la costruiva sempre lui stesso, a volte su cinque o sei pezzi sovrapposti.
(Brancusi costruì anche i suoi mobili, la maggior parte dei suoi utensili e la sua pipa con le sue stesse mani.)

Nel 1918 scolpì in legno la prima versione del "Colonna infinita". Creata attraverso la ripetizione di elementi simmetrici sovrapposti, questa colonna, ispirata ai pilastri delle case contadine romene, incarnava il bisogno di elevazione spirituale che spesso esprimeva nelle sue opere.

Il suo "Bird in Space" fu un lavoro così astratto che i funzionari si rifiutarono di credere che fosse scultura: Brancusi fu accusato di aver clandestinamente introdotto una parte industriale negli Stati Uniti.

Nel 1928 viaggiò nuovamente negli Stati Uniti, dove aveva numerosi compratori e dove vinse il suo caso giudiziario.

Ultimi anni di vita

Il Maharajah di Indore andò a vedere Brancusi a Parigi nel 1933 e gli commissionò la creazione di un tempio che ospitasse le sue sculture.

Brancusi ha lavorato diversi anni per creare questo tempio, e nel 1937 è andato in India per invito del maharajah.

La morte di quest'ultimo, tuttavia, ha impedito a Brancusi di realizzare il progetto.

Nel frattempo era tornato a New York per una nuova mostra alla Brummer Gallery nel 1933, e nel 1934 partecipò alla mostra "20th Century Painting and Sculpture" alla Chicago Renaissance Society.

Tornò in Romania di nuovo nel 1937 e nel 1938 per l'inaugurazione di tre monumentali opere in un giardino pubblico a Tîrgu Jiu: nuove enormi versioni in acciaio della Colonna Infinita , Porta del Bacio e Tavola del silenzio.

Morirà a Parigi, il 16 marzo 1957.

Brancusi ha voluto presentare al Musée National d'Art Moderne di Parigi tutto ciò che il suo laboratorio conteneva (più di 80 sculture) a condizione che l'officina stessa venisse trasferita al museo e riportata al suo stato originale. Parte di questo dono comprendeva centinaia di stampe fotografiche che ha preso, a partire dagli anni '20, del suo lavoro e dei suoi studi.






Galleria opere d'arte di Brancusi Constantin

(altre opere dopo gli annunci)

Annunci




Annunci e Argomenti correlati