Biografia e vita di Angliker Chrissy (Svizzera, 1983)


angliker_chrissy

Chrissy Angliker, nata a Zurigo, in Svizzera, è cresciuta a Greifensee e Winterthur.

Le sue prime ambizioni erano di diventare una donna famosa e di fare arte.

Fin da piccola ha fatto esperimenti con la pietra e l'argilla e altri materiali.

A partire dal 1996 ha avuto la fortuna di studiare con l'artista russo Juri Borodachev, che è diventato il suo mentore artistico per diversi anni.

Nel 1999, all'età di 16 anni, Chrissy si è trasferita negli Stati Uniti per studiare Belle Arti alla Walnut Hill School di Natick, Massachusetts, e, dopo molti incoraggiamenti da parte dei suoi genitori, ha conseguito una laurea in disegno industriale presso il Pratt Institute di Brooklyn, New York.

Chrissy ha sviluppato una profonda comprensione del design tridimensionale, delle relazioni tra gli oggetti e della creazione del carattere attraverso la forma.

Durante i suoi studi al Pratt Institute, Chrissy ha vinto numerosi premi di design nazionali e internazionali.

È stata selezionata per numerosi spettacoli con giuria, tra cui ICFF.

Ha un portafoglio diversificato che abbraccia il mondo del design, tra cui mobili, illuminazione, design di prodotti, ricerca di strade, design di display e branding nei settori della bellezza e della salute.

Chrissy ha coltivato il proprio lavoro nell'arte e nel design, che continua a incorporare la sua prospettiva politica, spirituale e umanitaria.

Il suo lavoro è stato pubblicato su riviste e libri in tutto il mondo.

Il fulcro della sua ultima serie di pittura risiede nella "creazione di un rapporto equilibrato tra il controllabile e l'incontrollabile.

Ad ogni segno intenzionale, segue una goccia in caduta libera, sfidandolo.

L'artista è alla ricerca di un senso di grazia nel passaggio tra questi due elementi opposti.

Questa serie è nata dalla sua sensazione che la vita stessa sia un equilibrio tra controllo e caos.

Come persone abbiamo intenzioni, ma dobbiamo anticipare l'intervento di forze esterne al di là del nostro potere.


(pubblicita' AR A1)




In ogni ritratto estremi opposti sono giustapposti: brutto contro il bello, il dolore contro l'euforia, l'ordine contro il disordine.

Ogni essere vivente è costituito da una miscela unica di opposti, quindi per ritrarre onestamente un soggetto, è necessario includere l'oscurità e l'ombra, al fine di evidenziare la profondità e la bellezza.

Il dipinto finito cattura la relazione creata cercando di bilanciare questi estremi per mostrare una rappresentazione completa e franca del soggetto .

Oggi lavora a Brooklyn, NY, e ha la doppia cittadinanza in Svizzera e negli Stati Uniti.

Il suo sito web ufficiale è http://www.chrissy.ch/.



(pubblicita' VI AF)



Galleria opere d'arte di Angliker Chrissy

angliker_chrissy
Mele

angliker_chrissy
Fabian e Solveigh

angliker_chrissy
Isabel


(pubblicita' VI F1)


angliker_chrissy
Main

angliker_chrissy
In spiaggia

angliker_chrissy
Senza titolo


(pubblicita' VI F3)


angliker_chrissy
Autoritratto 1

angliker_chrissy
Autoritratto 2

angliker_chrissy
Senza titolo 2




CONTENUTI SIMILI

linea

6 offerta ibsLibri sull'Arte del Novecento

Ambienti. Percorsi letterari del Novecento italiano
Chiuchiù Angelo, Pace Asciak Giuseppe, Pace Asciak Marion, 2010, Guerra Edizioni
Futurismo esoterico. Contributi per una storia dell'irrazionalismo italiano tra Otto e Novecento
Cigliana Simona, 2002, Liguori
Identificazione di un'arte. Scrittori e cinema nel primo Novecento italiano
Andreazza Fabio, 2008, Bulzoni
L'arte del disegno nel Novecento italiano
Crispolti Enrico, Pratesi Mauro, 1990, Laterza
L'arte itinerante di Novecento italiano
Cribiori Guido, Colombo Nicoletta, 2011, Allemandi
Arte e critica in Italia nella prima metà del Novecento
cur. De Lorenzi G., 2010, Gangemi
Le illustrazioni in Italia tra Otto e Novecento. Libri a figure, dinamiche culturali e visive
Bacci Giorgio, 2009, Olschki
Storia dell'arte e anacronismo delle immagini ì
Didi-Huberman Georges, 2007, Bollati Boringhieri
La somiglianza per contatto. Archeologia, anacronismo e modernità dell'impronta ì
Didi-Huberman Georges, 2009, Bollati Boringhieri


(pubblicita' VI CP)