Jean_leon_gerome pigmalione_e_galatea 1890




Pigmalione

Il mito di PigmalioneIl mito di Pigmalione, è giunto a noi dalle Metamorfosi di Ovidio, ed è un esempio di "agalmatofilia", cioè “amore per una statua”.

Pigmalione, giovane Re di Cipro, era famoso per la sua abilità di scultore ed era così devoto all'arte, da dedicarvisi totalmente, rinunciando al matrimonio.

Lo scultore passava la sua vita da scapolo dormendo di notte da solo, ma, grazie alla felice ispirazione dettatagli dal suo talento artistico, scolpì in candido avorio una figura femminile di bellezza superiore a quella di qualsiasi donna vivente, innamorandosi di lei.

Questa statua aveva l'aspetto di una fanciulla vera, tanto che la si sarebbe creduta viva e desiderosa di muoversi, se non l'avesse impacciata il pudore.

Pigmalione stesso, preso dall’immagine di quel corpo, contemplandolo si innamorò di lei: spesso allungava le mani verso la sua opera per accertarsi se fosse fatta di carne o di avorio. Quasi non credendo alle sue dita, negava che fosse avorio.

La baciava e gli sembrava che lei rispondesse ai suoi baci.

Le parlava, la stringeva e credeva che le sue dita affondassero nelle membra che toccava, temendo persino di lasciarle dei lividi sulla pelle.

Storia di PigmalionePigmalione, sempre più pazzo, la colmava di tenerezze e le portava quei doni che le fanciulle amano: conchiglie, sassolini levigati, piccoli uccelli, fiori variopinti, gigli, palle colorate e gocce d'ambra dall'albero delle Eliadi. Le metteva addosso dei bei vestiti, le infilava anelli alle dita, lunghe collane intorno al collo e pendenti di perle alle orecchie.

Di notte lo scultore, che la chiamava Galatea, considerandola la sua amante, le faceva appoggiare la testa su morbidi cuscini di piume, come se lei se ne rendesse conto.

Il giorno della festa di Afrodite, che chiama al tempio della protettrice tutta la gente di Cipro per sacrificare alla dea giovenche candide come la neve, con le corna ricurve rivestite d'oro e per bruciare incensi, anche Pigmalione porta il suo dono agli altari, davanti a cui si ferma sussurrando timidamente: "O dèi, se è vero che voi potete concedere tutto, io ho un desiderio: vorrei che fosse mia sposa..." (e non osa dire "la fanciulla d'avorio" ma dice) "una donna simile a quella d'avorio!".

La dea Afrodite, che era presente alla sua festa, percepì il significato reale di questa supplica ed ecco che la fiamma sull'altare, interprete della benevolenza della dea, tre volte si riaccese e guizzò verso l'alto.

Pigmalione, non appena tornato a casa, si recò dalla statua della sua fanciulla e sdraiandosi sul letto accanto a lei, prese a baciarla: gli sembrava di toccare qualcosa di tiepido.

Pigmalione a teatro Di nuovo accostò la bocca e le toccò il petto con le mani: al tocco l'avorio si ammorbidì, lasciando la sua rigidità cedette sotto le dita, come la cera d'api che si fa morbida al sole e, lavorata dal pollice, assume varie forme e rende di più quanto più la si usa.

Pigmalione restò attonito, si stava lasciando andare alla gioia, ma, temendo di sbagliarsi, pieno d'amore toccò più e più volte l'oggetto dei suoi desideri: era proprio un corpo vivo! Le vene pulsavano sotto la pressione delle sue dita.

Finalmente il giovane re traboccante di gratitudine cercò le parole per ringraziare la dea.

Pigmalione premeva le sue labbra su una bocca vera e dava baci che la fanciulla sentiva: arrossendo lei levò timidamente lo sguardo verso di lui e ai suoi occhi apparve contemporaneamente la visione del cielo e quella dell’uomo che l'amava.

Afrodite, soddisfatta, presenziò al matrimonio di cui era stata artefice e dopo che "per nove volte la luna ebbe congiunto le sue corna a completare il cerchio" (dopo nove mesi), la sposa generò Pafo, da cui l'isola prese il nome.

Pafo, successore di Pigmalione, fu il padre di Cinira, che fondò a Cipro la città di Pafo e vi costruì il famoso tempio di Afrodite.


Torna all'indice Temi Mitologici up






Annunci e Argomenti correlati




Libri sulla Mitologia

  Dizionario di mitologia classica. Dei, eroi, feste
Biondetti Luisa,
  Miti in controluce. La mitologia vista da uno psicopatologo
Lusetti Volfango, 2009, Armando Editore
Ricerca etimologica e ricostruzione culturale. Alle origini della mitologia comparata
Bologna M. Patrizia, 1988, Giardini
Miti e mitologia greca e latina. Le favole immaginose della religione pagana
Pipitone Giorgio, 2005, Carello
  Le origini del male nella mitologia indù
Doniger Wendy, 2002, Adelphi
Mitologia presente/involucro. Ediz. italiana e inglese
Magrini Boris, Schenini Elio, 2006, Capelli
  Mitologia pei giovinetti
Durante Antonio M., 2007, Sacco
  Enciclopedia della mitologia
Grimal Pierre, 1999, Garzanti Libri
Mitologia e significati delle presenze, luoghi, viaggi ideali nel mondo antico
Modenini Doriano, 2000, Spazio Tre
Mitologia catara. Il favoloso mondo delle origini
Greco Alessandra, 2000, Fondazione CISAM
  Dizionario di mitologia greca e romana
Grimal Pierre, 1987, Paideia
  La mitologia greca. Fonti, luoghi e iconografia
Buxton Richard, 2006, Logos
Mitologia delle origini. Simboli, dei e miti attraverso la letteratura mitologica
Modenini Doriano, 2000, Spazio Tre
  Mitologia
Steer Dugald, 2008, Rizzoli