foto corrente liberty




Cos'é il Liberty o Stile Floreale

Liberty o Stile Floreale - Zecchin VittorioLiberty o Stile Floreale - Vetrata a PalermoIl Liberty o Stile Floreale è un forma d'arte italiana trasversale, che deriva  dall'Art Deco e che coinvolge, oltre la pittura, molte arti minori e l'artigianato, con lo scopo di opporsi alla pianificazione indotta dalla industrializzazione che ormai aveva invaso tutti gli aspetti della vita.

Il termine Liberty dal nome dell’inglese Arthur Lasenby Liberty (1858-1919), commerciante londinese di oggetti d’arte e di alta qualità destinati al largo consumo.

Allo Stile Liberty italiano corrispondono, nei diversi paesi europei, il Modernismo in Spagna, l’Art Nouveau in Francia ed in Belgio, lo Jugendstil in Germania, il Modern Style o Art Decore in Inghilterra e il Secession Stil in Austria.

Si tratta fondamentalmente di uno stile decorativo, che trovò espressione in un'ampia gamma di forme artistiche, dall'architettura al design di interni, dalla produzione di mobili alla grafica, dall'arte della lavorazione dei metalli e del vetro alla ceramica, dai disegni delle stoffe alle illustrazioni di libri, giornali e manifesti.

Lo scopo dello Stile Liberty o Stile Floreale

VCorrente Liberty o Stile Florealeerso la metà dell'800 in Europa si era imposta la Rivoluzione Industriale che stava producendo oggetti costruiti prima artigianalmente, pezzo per pezzo, fatti a mano e perciò, diversi l'uno dall'altro.

L'obiettivo del Liberty fu quello di migliorare, decorandoli, gli oggetti prodotti dalle industrie per evitare di banalizzare la produzione in serie, con l'automatico rifiuto dei consumatori.
Le decorazioni preferite derivavano da forme stilizzate dai tipici colori pastello, ispirate al Dolce Stil Nuovo, di fiori, frutta e grappoli d’uva, anfore, corone d’alloro, uccelli del paradiso, disegni geometrici, da questo la denominazione alternativa di Stile Floreale.

I tempi dello Stile Floreale o Liberty

Lo Stile Floreale, chiamato successivamente Liberty, cominciò ad affermarsi in Italia nell'ultimo ventennio del 1800 e fu lo stile più applicato fino all'inizio della prima guerra mondiale.

Durante questi anni si crea un nuovo linguaggio espressivo, un nuovo gusto che spesso impronta di sé tutte le arti, che rivaluta le linee curve, ispirate alle forme sinuose del mondo vegetale e combinate a elementi di fantasia.

Le immagini così ottenute producevano effetti decorativi molto suggestivi e di grande eleganza, ma che in genere tendevano all’astrazione più pura.

Quando nel Liberty comparivano delle immagini, queste risentivano molto del clima Simbolista, in voga in quegli anni.

La stilizzazione delle figure era sempre molto evidente, risolte tutte sul piano della bidimensionalità con l’uso della linea funzionale di contorno

Gli interpreti del Liberty o Stile Floreale

Corrente Liberty o Stile FlorealeLo stile Liberty in Italia interessa in modo particolare l'architettura di edifici e le decorazioni degli interni.

Il primo esempio resta il Palazzo Castiglioni di Milano, ideato dall'Architetto Giuseppe Sommaruga nel 1901, che è considerato la realizzazione che meglio esprime il Liberty italiano.

L'esponente che raccolse fama internazionale, fu l'Architetto Raimondo D'Aronco a cui si devono i disegni per i padiglioni dell'Esposizione Universale di Torino del 1902, nei quali si uniscono elementi ispirati dalla Secessione austriaca con motivi di origine orientale.

Altri interpreti del Liberty o Stile Floreale

Adolfo Wildt fu un altro personaggio italiano di spicco in questo ambito, con le sue originali decorazioni che non si risolvono in esuberanza decorativa Corrente Liberty o Stile Florealefloreale, ma in un rigoroso stilismo, con linee acute che sostituiscono le linee curve, realizzando eleganti forme assottigliate e allungate.

Altro nome famoso resta quello dell'architettoErnesto Basile che nel 1902 firma il progetto per l’Esposizione di Palermo e che, con la Manifattura Ducrot, mette in opera i famosi arredi destinati al Grand Hotel Villa Igea di Palermo.



Le Forme del Liberty o Stile Floreale

Corrente Liberty o Stile FlorealeIl fenomeno estetico culturale dell'Art Deco' in Italia viene chiamato anche "floreale" per il gusto di forme biologiche, naturali e ramificate.

Ritornano nella pittura, nella scultura, nelle arti applicate e in ogni oggetto della vita quotidiana i motivi floreali, le morbide nervature del legno, i "giardini d'inverno" dove tralci e viticci segnano i profili delle cose, come se fra gli oggetti della quotidianità e la natura non ci fossero confini.

Le forme flessuose con cui vengono rappresentate le decorazioni legano questo stile con il Movimento Preraffaellita ottocentesco.

La pittura nel Liberty o Stile Floreale

Corrente Liberty o Stile Floreale Liberty o Stile Floreale - Hungaria Palace Hotel - Venezia Nel campo pittorico non vi fu un vero e proprio stile Liberty, che rimase utilizzato soprattutto nella grafica o nelle arti applicate.

Influenze e suggestioni liberty sono avvertibili in alcuni pittori che operarono in quegli anni come Gaetano Previati e Giovanni Segantini, che già nel penultimo decennio dell'ottocento, dimostrano l'elaborazione del nuovo gusto estetico.

Con gli anni novanta il gusto Liberty si diffonde presso gli artisti italiani come Giovanni Boldini, Felice Casorati, e Vittorio Zecchin.

Galileo Chini pubblica illustrazioni in puro stile Liberty e con lui molti altri artisti di matrice Simbolista, i Divisionisti toscani e liguri come Plinio Nomellini, Giorgio Kierniek, Benvenuto Benvenuti, Giuseppe Cominetti ai quali fanno presto seguito esponenti del Futurismo quali Umberto Boccioni e Giacomo Balla.


Liberty a Firenze Liberty o Stile Floreale - a Milano Liberty o Stile Floreale - a Milano
Palazzo Dato a Palermo
Liberty o Stile Floreale - Chiosco a Palermo
Liberty o Stile Floreale - Villa Igea a Palermo
Liberty o Stile Floreale - Salsomaggiore Corrente Liberty o Stile Floreale Liberty o Stile Floreale a Lucca


Torna all'indice Correnti artistiche up




Annunci e Argomenti correlati






Libri sul tema delle Arti Decorative, Art Nouveau, Liberty

  Art nouveau. Ediz. multilingue
2009, Logos
  Milano liberty. Dall'art nouveau allo stile Florealee
Ogliari Francesco, Bagnera Roberto, 2006, Selecta Editrice
  Art Nouveau. Ediz. italiana
Sembach Klaus-Jürgen, 2008, Taschen
  Art nouveau a Faenza. Il Cenacolo baccariniano. Catalogo della mostra (Faenza, 24 febbraio-27 maggio 2007)
2007, Mondadori Electa
  Liberty. Art Nouveau
Vinca Masini Lara, 2009, Giunti Editore
  Il liberty. Art Nouveau
Vinca Masini Lara, 2006, Giunti Editore
  Palazzo Montecitorio. The Art Nouveau Building
2010, Mondadori Electa
  Itinerario nell'arte. Vol. 5: Dall'art nouveau ai giorni nostri. Ed. gialla.
Cricco Giorgio, Di Teodoro Francesco Paolo, 2006, Zanichelli
  I sentieri d'arte. Art nouveau
2007, Logos
  Tardogotico, barocco, Art Nouveau. Contaminazione di linguaggi nelle architetture del mediterraneo
2004, CLEAN
  L'arte tra noi. Vol. 4: Dal Barocco all'art nouveau.
Beltrame Laura, Demartini Elena, Tonetti Lavinia, 2009, Mondadori Bruno
  Art Nouveau. Le arti decorative alle origini del moderno
Serafini Giuliano, 2003, Giunti Editore
  Art Nouveau
Escritt Stephen, 2002, Phaidon
  Art nouveau tile designs. Ediz. multilingue. Con CD-ROM
Van Roojen Pepin, 2008, The Pepin Press
  Dell'arte e degli artisti. Vol. 4: Dall'art nouveau ai giorni nostri.
Adorno Piero, Mastrangelo Adriana, 2002, D'Anna
  Torino art nouveau e crepuscolare. Poeti e luoghi della poesia
2007, Crocetti
  Klimt, Kokoschka, Schiele. Dall'art nouveau all'espressionismo
2001, Mazzotta
  Art nouveau
Tahara Keiichi, 2001, Logos
  Art Nouveau
Fahr Becker Gabriele, Ullmann
  Art Nouveau
2000, Taschen