Simboli della natura nell'Arte -  il significato delle piante

Significato simbolico della Natura nell'arte

Dal 1749 l'Illuminismo porta chiarezza nelle conoscenze umane.

Si stampano le prime Enciclopedie, ricche di informazioni ben catalogate e con le prime spiegazioni a carattere scientifico.

Il conte di Buffon, Georges-Louis Leclerc, direttore del giardino delle piante, inizia a stampare e pubblicare il primo volume della Histoire Naturelle.

Proseguirà nell'impresa fino ad arrivare a 44 volumi, realizzati in mezzo secolo.

Questo lavoro seguirà le vicende europee dall'Ancien Régime all'apogeo di Napoleone.

L'opera è la perfetta dimostrazione dei principi illuministici di chiarezza, organizzazione e applicabilità pratica della conoscenza.

Grazie agli scienziati e ai letterati dell'Illuminismo il sapere umano assumerà dimensioni concrete, con confini definibili e precise indicazioni di percorso.

Però, allo stesso tempo, è ovvio che si perde qualcosa: quel senso di misteriosa e magica comunione o addirittura commistione fra le creature, aperto all'imprevedibile, al fantasioso, al mostruoso.

Nell'opera scientifica non vi è più spazio per la fantasia, trionfa la realtà nuda e cruda come realmente la vediamo.

L'arte, durante il flusso dei secoli, aveva dedicato molto spazio agli elementi simbolici della natura, associando a piante, animali, insetti, fiori, ecc. precisi significati simbolici, con la compiacente partecipazione della religione.

Ecco allora che una semplice "natura morta" può celare un significato ancestrale straordinariamente ricco. Un fiore o un animale non rappresentano solo un fiore o un animale, ma sono coinvolti in significati astratti che esulano dalle loro specifiche caratteristiche fisiche e comportamentali.

In queste pagine illustriamo vari esempi di questo mondo simbolico, integrato in opere di grandi maestri dell'arte figurativa.

Simbolo dell'Albero

Origini mitologiche: Adone nasce da un albero

Significato: Vita, morte, bene, male

Episodi e personaggi: Attributo di san Bonifacio e san Bavone.

In Oriente l'albero è associato al culto della Madre Terra e ai riti sulla fertilità dei raccolti.

Nella religione cristiana l'albero è simbolo di grande importanza. Il Signore fa germogliare nel giardino dell'Eden ogni specie di pianta, tra cui l'albero della vita e quello della conoscenza del Bene e del Male.

Adamo ed Eva tentati dal serpente mangiano il frutto proibito della conoscenza, pagando personalmente le conseguenze di una colpa che ricadrà su tutto il genere umano.

Spesso nei dipinti della Passione e della Resurrezione di Gesù appaiono un albero secco ed uno fiorito, che stanno ad indicare la redenzione contrapposta al peccato.

Sin dal Medioevo alla nascita di Gesù ed ai suoi antenati è associato un albero genealogico, l'albero di Jesse.

Simbolo del grano

Origini mitologiche: Attributo di Cerere, dea delle messi.

Significato: Simbolo eucaristico, attributo dell'allegoria dell'Estate, dei mesi di giugno e luglio e dell'Abbondanza.

Episodi e personaggi: Sacrificio di Caino, sogno del faraone, sogno di Giuseppe, parabola della zizzania e del seminatore, Ultima Cena.

Il grano compare in molti passi della Bibbia.

L'immagine del grano e del pane è strettamente legata all'Eucarestia.

Nell'Ultima Cena Gesù benedice il pane e il vino. Spesso ricorre anche nella Natività, dove il giaciglio di Gesù è composto da spighe di grano.

La stessa simbologia compare nelle nature morte dei pittori, oppure con la Vergine e il Bambino che stringe in mano qualche spiga di grano.

Il grano rappresenta l'abbondanza.

La palma

Origini mitologiche: Prima della nascita di Romolo e remo, due palme appaiono in sogno a Rea Silvia.

Significato: Vittoria, fama, trionfo sulla morte. Simbolo di martirio e della Vergine Maria, simbolo dell'Asia

Episodi e personaggi: Annunciazione, entrata di Cristo a Gerusalemme. annuncio della morte della Vergine, attributo dei santi Cristoforo, Giovanni Evangelista, Paolo l'eremita.

E' la pianta che, grazie alla sua armoniosa disposizione delle foglie, rappresenta da sempre il mito del Sole, evocando immagini di gloria e immortalità.

La palma è offerta ai vincitori come emblema di vittoria e portata in trionfo.

La Vite

Origini mitologiche: Pianta sacra a Bacco, dio del vino.

Significato: Attributo di Cristo, simbolo eucaristico, sangue di Cristo nella sua passione, attributo dell'Autunno, del mese di settembre, attributo delle figure allegoriche di Allegrezza, Aiuto e Aiuto coniugale, Amicizia.

Episodi e personaggi: Ebbrezza di Noè. è parabola dei lavoratori nella vigna. Ultima cena, cena in Emmaus.

L'Alloro

Origini mitologiche: Pianta sacra ad Apollo e a Giove.

Significato: Vittoria, vita eterna, attributo dell'allegoria della Vittoria.

Episodi e personaggi: Attributo della Vergine Maria

L'Ulivo

Significato: Pace, concordia, attributo delle figure di Mansuetudine, Misericordia, Pace, Unione civile, emblema dell'ordine Oliverano.

Episodi e personaggi: Annunciazione, Noè e la fine del diluvio, entratqaa di Gesù a Gerusalemme. orazione ell'orto, attributo della Vergine Maria, di san Bruno, santa Barbara e sant'Agnese.

L'Edera

Origini mitologiche: Pianta sacra a Bacco, attributo di Bacco e delle Menadi.

Significato: Vita eterna, devozione e fedeltà, simbolo della croce di Gesù e immagine di Gesù.

Il Mirto

Origini mitologiche: pianta sacra a Venere, Dionisio porta nell'Ade rami di mirto.

Significato: Fedeltà, amore eterno, lutto.

Episodi e personaggi: Attributo di Venere e delle tre Grazie, attributo della Vergine Maria e del profeta Isaia.

Il Salice

Origini mitologiche: albero delle dee lunari, Giunone sarebbe nata sotto un salice.

Significato: Peccato, lutto, fede, attributo dell'allegoria della Carestia.

Il Pioppo

Origini mitologiche: le Eliadi che pianogno la morte di Fetonte si trasformano in pioppi.

La Quercia

Origini mitologiche: albero sacro a Giove.

Significato: Albero della vita, salvezza, fermezza della fede dei santi, allegoria della Fortezza e della Prosperità della vita, emblema della famiglia della Rovere.

Episodi e personaggi: Attributo della Vergine Maria.

Il Ginepro

Origini mitologiche: Medea addormenta il drago custode del vello d'oro con rami di ginepro.

Significato: Castità, eternità, Passione di Cristo.

Il Cipresso

Origini mitologiche: Albero sacro a Plutone, il giovane Ciparisso viene trasformato in cipresso dopo aver ucciso un cervo sacro.

Significato: simbolo del lutto e della morte, della Vergine Maria, di Cristo e della Chiesa, legno della croce di Gesù, attributo della figura allegorica della Disperazione.

Nella pagina successiva: I FIORI nel simbolismo

Torna all'indice Temi vari up


CONTENUTI SIMILI

linea

6 offerta ibsLibri sul tema dell'arte rupestre e degli Animali nell'arte

Arte rupestre del Fezzan. Missioni Graziosi 1967 e 1968
Graziosi Paolo, 2006, Ist. Italiano di Preistoria
Capire l'arte rupestre
Anati Emmanuel, 2007, Centro Camuno
Arte rupestre. Una rassegna regionale
Anati Emmanuel, 2004, Centro Camuno
L'arte rupestre della Valcamonica
Marvulli Margherita, 2003, Ist. Poligrafico dello Stato
Sui sentieri dell'arte rupestre. Le rocce incise delle Alpi. Storia, ricerche, escursioni
Arcà Andrea, Fossati Angelo, 1995, CDA & VIVALDA 
Simboli sulla roccia. L'arte rupestre della Valtellina centrale, dalle armi del bronzo ai segni cristiani
Sansoni Umberto, Gavaldo Silvana, Gastaldi Cristina, 1999, Centro Camuno
Il museo immaginario della preistoria. L'arte rupestre nel mondo
Anati Emmanuel, 1995, Jaca Book
Tikatoutine. 6000 anni d'arte rupestre sahariana
Sàbe Alain, 1991, Silva
Il santuario rupestre di S. Biagio a San Vito dei Normanni
Semeraro Herrmann M. Luisa, 1982, Schena
La Chiesa di S. Maria della Valle a Matera. Storia, arte e fede in un santuario rupestre
Di Pede Mariagrazia, 2001, Altrimedia
Il sacello rupestre di S. Michele presso la Chiesa dei Ss. Nazaro e Celso a Verona
2004, Cierre Edizioni
La memoria dell'arte. Le pitture rupestri dell'Acacus tra passato e futuro
2008, All'Insegna del Giglio
Art of Rupestrian civilization in Fasano during the Middle Ages
Semeraro Herrmann M. Luisa, Semeraro Raffaele, 2006, Schena
La cultura rupestre di età storica in Sicilia e a Malta. I luoghi del culto
Giglio Salvatore, 2002, Lussografica
Le chiese rupestri di Puglia e Basilicata
Dell'Aquila Franco, Messina Aldo, 1998, Adda
Incisioni rupestri e megalitismo nel Verbano, Cusio, Ossola
Copiatti Fabio, De Giuli Alberto, Priuli Ausilio, 2003, Grossi


(pubblicita' VI CP)