Arte nell'Egeo

Frammento di affresco con scena di caccia Frammento di affresco con scena di caccia,
dal palazzo di Tirinto (1250 a.C. circa)
Museo Nazionale di Atene

Verso la fine del III millennio a.C., una civiltà fiorente, con un vasto potenziale d'espansione, grazie ai suoi legami commerciali marittimi, si è sviluppata sull'isola di Creta e nelle isole Cicladi.

Le opere d'arte, molto originali, prodotte in questa zona dovevano diventare modelli per la cultura micenea pochi secoli più tardi.

Il Mar Egeo, con le sue numerose isole, fu la culla della civiltà pre-ellenica.

Una cultura ampiamente diffusa apparve nell'arcipelago delle Cicladi entro la metà del terzo millennio a.C.

In questa fase iniziale l'arte cicladica fu caratterizzata da ceramiche decorate con zig-zag, corse di spirali e motivi navali che simboleggiavano le attività marine della regione.

Le isole abbondavano di marmo, che rappresentava il materiale ideale per la scultura di vasi e di idoli, i più tipici dei quali presentavano figure femminili (forse dee della fertilità).
Dea serpente Altrettanto note sono le divinità kourotrophoi (donne con bambini in braccio), musicisti (suonatori di lira e pifferi) e cacciatori-guerrieri.

Queste figure variavano sia in termini di dimensioni (da pochi centimetri a circa un metro d'altezza), che nel soggetto.

Alcuni soggetti rappresentano figure schematiche, a forma di violino o con un corpo arrotondato nella parte inferiore, mentre quelli più naturalistici hanno la testa ridotta ad un solo piano con solo il naso in rilievo.

Gli artisti seguivano un particolare stile: tutte le parti erano formalizzate, facce (naso, occhi e bocca) o nel migliore dei casi erano semplicemente abbozzate, anche se i dettagli venivano poi pitturati.

Nel corso del secondo millennio, Creta, a sud delle Cicladi, dominò nel Mar Egeo e nelle sue isole.

La prosperità di questa civiltà, chiamata minoica, dopo il leggendario re Minosse, è evidente nella costruzione dei palazzi a Cnosso, Festo e Mallia. Questi primi palazzi sono stati tutti danneggiati verso il 1700 a.C., ma furono presto ricostruiti.




Mar Egeo Ceramiche

L'arte sopravvissuta mostra lo sviluppo di originali forme e stili con un interesse particolare per la natura.

Ciò si manifesta con lavori in metallo prezioso e vasi di pietra scolpita presenti nel secondo palazzo.

Vaso di Cnosso Alcuni di questi sono decorati con teste di toro e leone, da cui fuoruscivano liquidi durante eventi rituali.

Anche molto tempo prima, la vitalità decorativa era emersa dalla sapiente colorazione screziata della superficie di articoli Vasilki e dal perfetto controllo del forno), così come dagli abbellimenti animati da motivi vegetali e da animali.

Un grande numero di ceramiche d'alta qualità fu prodotto durante il tempo dei primi palazzi (2000-1700 a.C.)

Lo stile Kamares coinvolse spesso articoli raffinati realizzati in una gran varietà di forme, con schemi di decorazioni bianche e policrome su fondo scuro, spesso complesse nell'ordinamento di entrambi i motivi geometrici e naturali.

Dopo il 1700 a.C., la magnificenza di nuovi palazzi emerse nelle aree urbane e un programma di costruzione si estese anche alla campagna.

La ceramica di questo periodo si sviluppò lentamente: semplici, formali riedizioni di fiori (margherite, gigli, rami di foglie) e animali (delfini) erano presenti in bianco su fondo marrone-nero.

S'erano sviluppati da articoli Kamares, ma avevano alcune caratteristiche originali.

Presto, abbondarono elementi naturali, raffigurati in nero su sfondo marrone chiaro e fortemente ispirati a soggetti floreali e marini.

Polipi nuotanti hanno ricoperto le superfici dei vasi, intervallati da Argonauti, stelle marine, coralli, conchiglie e rocce frastagliate.

La brillantezza tecnica dell'arte minoica è meglio visibile nei suoi prodotti in miniatura.

Statuette in fusione di bronzo mostrano maschi devoti che indossano solo un perizoma e donne con lunghe gonne e corpetti aperti che espongono i loro seni.

Un'attenta osservazione della natura è evidente nelle immagini di affreschi e vasi di vari materiali (ossidiana, cristallo di rocca e porfido).

Tra questi ritratti c'è il toro immortalato a tutta velocità nella sua carica.

I vasi di pietra, con i loro rilievi, sono giustamente famosi: un rhyton a forma di pera (recipiente per bere a forma di corno), mostra un vivace corteo di mietitori col forcone, guidato da un sacerdote, che indossa una giacca e quattro cantanti, di cui uno suono il sistro (un sonaglio di origine egiziana).

L'artigiano esprime la profondità sovrapponendo i corpi. I fianchi stretti delle figure minimizzano il contrasto della vista frontale del tronco con la vista laterale delle gambe.

Questo stile è mantenuto anche nei modelli più stilizzati di animali domestici, come tori, pecore, capre selvatiche e uccelli.

I tori sono particolarmente importanti, come sancito nella leggenda del Minotauro, un mostro con il corpo di uomo e la testa di toro.

Questa esuberanza e libertà compositiva è contrastata dalla formalità che pervade sempre di più i ritratti, dopo il 1450 a.C., in seguito all'arrivo dei signori micenei a Creta.

Questi abitanti della terraferma, la cui cultura locale in Grecia centrale e meridionale si era trasformata sotto la spinta della cultura minoica, ora approfittano della debolezza cretese per instaurare un controllo prima lì e poi in tutto il Mar Egeo.

Tali cambiamenti stilistici sono facilmente osservabili negli affreschi di processioni che adornano il palazzo di Cnosso, così come il sarcofago di pietra calcarea di Hagia Triada, risalente al 1400 a.C. circa, che è decorato con scene religiose di sacrificio e di culto.

Sono evidenti anche nella ceramica: ad esempio, il polpo è ora posizionato verticalmente, mentre i residui floreali e i motivi marini sono disposti simmetricamente e rigidamente.

Arpista seduto - Statua in marmo di Keros, Cicladi (2300 a.C.) Arpista seduto - Statua in marmo di Keros, Cicladi (2300 a.C.)
Museo Nazionale di Atene

La purezza delle linee in questo e in altri pezzi hanno influenzato artisti in tempi moderni

L'organizzazione sociale dei luoghi come Micene, Tirinto, Orcomeno ruotava intorno a una classe di capi militari, spesso identificati con i leggendari Achei, celebrati da Omero.

Essi costruirono i loro palazzi in posizioni elevate, proteggendoli poi con immense mura ciclopiche.

Quelle della cittadella di Tirinto hanno uno spessore tra i 5 e i 17 metri.

Alcune torri possono avere rafforzato le mura, mentre le esterne fonti d'acqua erano raggiungibili tramite passaggi sotterranei.

La maestosa Porta dei Leoni di Micene è stata costruita con semplici, massicci blocchi.

I due leoni, creati in posa araldica, sono posizionati sopra l'architrave, a guardia dell'ingresso e sono tra i primi esempi di scultura monumentale della Grecia continentale.

Il cuore di ogni postazione era il palazzo reale, racchiuso nel Megaron, un'area di ricevimento circondata da locali di deposito, archivi, locali di abitazione e tribunali.

Proprio come l'architettura micenea era stata presa in prestito da Creta, ma diversificata in maniera significativa da essa, così gli stili artistici si evolsero seguendo differenti percorsi.

Le pareti erano adornate da affreschi raffiguranti scene rituali, così come da immagini più violente raffiguranti battaglie.

Vasi di pietra, armi in metallo e gioielli venivano prodotti con nuove forme.

La decorazione della ceramica crebbe progressivamente sempre più stilizzata e semplice, con zone a banda riducenti l'area a motivi geometrici. Tuttavia, l'elemento pittorico rimase sempre.



Il palazzo di Cnosso

palazzo di cnosso creta Resti del Palazzo di Cnosso - Creta (1700 a.C. - 1400 a.C.)
Un terremoto catastrofico nel 1700 a.C. circa lasciò in rovine il magnifico palazzo di Cnosso.

Principe dei gigli - intonaco dipinto - palazzo di Cnosso - Museo Archeologico, Heraklion, Creta Tuttavia, un imponente ed esteso lavoro di ricostruzione produsse un nuovo palazzo ancora più bello.

Questo secondo palazzo fu costruito sulla collina a terrazze attorno a un cortile centrale, con quartieri circostanti, alti fino a quattro piani e fu realizzato con un design più interessato alla praticità che alla simmetria estetica.

Tra le molte caratteristiche vi erano ingressi monumentali, scale, saloni con colonne, bocche di lupo, bacini lustrali ed ampi magazzini di stoccaggio.

Venne fatto abbondante uso di colonne in legno, affusolate alla base, che contribuivano a dare luce, creando una atmosfera ariosa.

Gli affreschi simboleggiavano la natura, con fiori, animali ed esseri umani immersi in scenari carichi di simbolismi.

I colori brillanti, anche se non sempre strettamente realistici, rappresentavano animali ibridi e le figure umane erano ritratte ritratte con molta attenzione.

Erano pure presenti scene della vita di corte, danze rituali ed eventi sportivi.



La pittura di Akrotiri

Particolare del fregio Casa Ovest (1550 a.C.) Particolare del fregio Casa Ovest (1550 a.C.)
Akrotiri, Thera, Grecia

Ad un certo punto tra il 1620 e il 1500 a.C. (le opinioni sono discordanti sul periodo preciso), una terribile eruzione vulcanica devastò l'isola di Them (oggi Santorini).

Forse la scomparsa di una parte dell'isola ispirò il mito di Atlantide descritto da Platone, con la sua isola utopistica inghiottita dal mare.

A Thera, i meravigliosi affreschi della grande città di Akrotiri sono sopravvissuti nella roccia e cenere dell'eruzione.

Sono stati ritrovati disegni geometrici in marmo e pietra, ed anche disegni di vegetali, quali crochi, gigli, e mirti, disegni di animali come scimmie, rondini, antilopi, leoni e delfini e scene della vita in città e in campagna, con immagini di soldati in marcia o di pacifico bestiame.

Dipinti su intonaco, tutte queste immagini sono rappresentate in modo semplice, ma accurato, e gli artisti hanno prestato particolare attenzione a colori.

Episodi di un'unica, apparentemente continuativa narrazione appaiono nel fregio in miniatura della Casa d'Occidente.

La dettagliata topografia ha convinto alcuni che il fregio ritraesse un evento reale associato con popolazioni probabilmente in viaggio per mare, via Creta, verso il Nord Africa.




Il toro e il polipo

Fiasca con polipo L'arte dell'Egeo, dai suoi primi giorni di Creta e delle Cicladi, solo di rado presentava figure reali, contrariamente a ciò che avveniva nel Vicino Oriente.

Tuttavia, la mitologia, i simboli e i rituali permeavano ogni aspetto della vita quotidiana.

Un simbolo regolarmente rappresentato era il toro, presente nel rapimento di Europa da parte di Zeus e come padre del Minotauro in Pasifae, regina di Minosse.

L'affresco del Toreador, nel lato est del Palazzo di Cnosso. mostra uno sport evocato da tre figure e un toro.

Dalla Persia all'Egitto, il toro era un animale importante nel simbolismo antico, spesso ritualmente sacrificato.

L'affresco della taurocatapsia proviene dall'ala est del palazzo di Cnosso. La rappresentazione dà un'immagine completa delle varie fasi di questa gara. Quando il toro carica, gli acrobati, due ragazze e un ragazzo, gli afferrano le corna, poi fanno un salto mortale sulla sua groppa e infine saltano giù. (1400 a.C.)

L'animale rappresentava anche la figura più remota del re-dio, coi suoi corni utilizzati per tracciare la sacralità di un luogo.

Metis, secondo la mitologia greca, era una divinità molto potente, figlia di Oceano e di Teti che impersonificava la saggezza, la ragione e l'intelligenza.

La ritroviamo in due circostanze importanti: la prima quando preparò una bevanda che fece vomitare a Crono i figli che aveva inghiottito (vedi mito "La nascita del mondo"); la seconda è come prima moglie di Zeus, ma che fece una triste fine in quanto sia Urano che Gea avevano predetto a Zeus che sarebbe stato detronizzato da un figlio di Metis, pertanto quando Metis rimase incinta di Atena, Zeus la ingoiò per essere sicuro di mantenere il regno.

Alla fine, la figlia Atena nacque completamente formata. Il polipo, essendo evidentemente una testa di grandi dimensioni con molte braccia e con la capacità di cambiare colore a volontà, divenne un simbolo per la sapienza divina delle due dee e rappresentò l'astuzia.



Lo stile Kamares

Vaso Kamares Prende il nome dalla grotta santuario sul monte Ida di Creta, dove furono ritrovati importanti reperti di ceramica Kamares, a testimonianza di una tecnica raffinata e creativa.


Si ritiene che questo tipo di ceramica sia stato prodotto per il primo palazzo di Cnosso e Festo tra il 2000 e il 1900 a.C.


La decorazione dei vasi presentava una serie di motivi lineari a spirale, con molti elementi naturalistici, nonché esseri umani stilizzati, tutti dipinti di bianco, giallo, arancio, rosso e porpora-malva su un fondo metallico nero o di terra marrone.


Motivi stampati, come conchiglie e fiori, aggiungevano elementi di rilievo.


Tali forme decoravano tutti i tipi di piatti, alzate, brocche, vasi, ciotole, e tazze, alcune con pareti sottili come guscio d'uovo, altre abbastanza pesanti.



Le tombe di Micene

gara col toro Pittura a muro su intonaco di calce
15mo secolo a.C.
Museo Archeologico - Herakliou - Creta

 Dopo i suoi primi scavi a Troia, Heinrich Schliemann, l'archeologo romantico, rivolse la sua attenzione a Micene, la città del leggendario re Agamennone, assassinato dalla moglie e dal suo amante.

Maschera d'oro di AgamennoneSchliemann credeva d'aver trovato i resti del re sfortunato, al quale attribuì una magnifica maschera d'oro, che si trovava in un gruppo di tombe circondate da un perimetro in pietra all'interno delle mura della cittadella.

I tratti forti della maschera, insieme alla storia raccontata da personaggi come il viaggiatore-scrittore greco Pausania, evocano il ricordo della tragedia.

La maschera oggi non viene attribuita ad Agamennone, ma gli orpelli funerari e la profusione d'oro indicano che le tombe ospitavano dei re.

Oltre alle maschere, si è ritrovato vasellame di metallo, pietra e argilla, piccoli oggetti personali di metallo, avorio e pietra, vasi di maiolica, e armi in metallo, alcune con intricati intarsi.

Le più importanti di queste sono lame di pugnale, con scene fortemente miniaturizzate della caccia, di animali e fiori, tutte abilmente assemblate con piccoli riquadri in oro, argento e rame.






Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI