Antichi regni: Egitto età dell'oro




Egitto: L'età dell'oro

rappresentazione della terra di PuntCon il ripristino, da parte dei principi di Tebe, dell'autorità faraonica e la tradizione della discendenza divina del re, Tebe divenne la magnifica capitale del Nuovo Regno (dinastie XVIII-XX, 1570-10б9 a.C.).

Lo splendore e la stravaganza dell'arte di questo periodo è esemplificato in un'eccezionale varietà di forme pittoriche e plastiche.

Il realismo descrittivo che aveva caratterizzato le configurazioni del Regno di Mezzo è stato ripreso, in particolare nella pittura funeraria, che ora raffigura scene naturalistiche della vita quotidiana.

Anche se ancora ispirate dallo stile tradizionale, le figure si svincolarono dalle loro antiche rigidità statiche e vennero dipinte più liberamente di prima.


La rappresentazione della terra di Punt (una zona sulla costa dell'Africa orientale), nel tempio funerario della regina Hatshepsut a Deir el-Bahri dedica una minuziosa attenzione per le piante, le case e le persone di Punt, sigillando per sempre il ricordo della spedizione in quel luogo esotico.

Colori originali nel Tempio di Tuthmosis III - KarnakLe scene e i rilievi di una natura reale e commemorativa sono molto più convenzionali. Dal regno del successore di Hatshepsut, Tuthmosis III, viene il più antico reperto di un rilievo monumentale, sulla parete sud del settimo pilone di Karnak.

La classica scena del faraone vittorioso che ha sconfitto i numerosi nemici dell'Egitto, è trattata qui su scala gigantesca, risalendo per l'intera altezza del pilone.

Scolpito in rilievo, il gruppo di asiatici, che il re sta trascinando per i capelli, è strutturato in una serie ordinata, in modo quasi grafico, con alcune teste di profilo e altre frontali.

 
Colonne della Sala ipostila nel Tempio di Karnak a Luxor, EgittoColori originali nel Tempio di Tuthmosis III - Karnak

Cortigiani, piante e animali sacri figurano accanto ai simboli religiosi e geroglifici nei rilievi policromi della cappella di Tuthmosis III, dedicata alla dea Hathor.

Con la tradizionale decorazione dei santuari, viene posta grande enfasi al sacrificio rituale, offerto dal re agli dei.

Dopo la rivoluzione politica e religiosa che ha caratterizzato l'epoca di Amenophis IV (1379-1Зб2 a.C.) e il restauro conseguente sotto Tutankhamon, il faraone Ramesside (XIX-XX dinastia) spostò la capitale a Piramesse nel Basso Egitto.

Il faraone Ramses II, seduto, con barba rituale e coronaEssi tuttavia continuarono ad erigere templi e santuari nella regione di Tebe e di Nubia.

L'attività edilizia fu intensa in questo periodo: ad Abido, la città sacra a Osiride, Seti, iniziò la costruzione di un vasto complesso di templi, che fu completato da suo figlio, Ramses II.

Lì, per l'ultima volta, fu concesso l'uso di bassorilievi, presto sostituiti da meno costosi affreschi.

Ramesse II, il più grande costruttore del Nuovo Regno, fu l'artefice delle innumerevoli colonne nella sala ipostila di Karnak, del Ramesseo di Tebe e dei templi di Abu Simbel; opere che lasciano ancora senza fiato, per la loro maestosità, gli attuali visitatori. 
Colonne della Sala ipostila nel Tempio di Karnak a Luxor, Egitto

I rilievi che ricoprono le pareti rappresentano un concetto del tutto nuovo nell'arte egizia: si occupano di eventi storicamente identificabili in cui il re non è più rappresentato come una figura generica rituale, ma agisce in un contesto specifico.

Le statue del tempo sono anche famose per le loro proporzioni monumentali.

Forse il pezzo più impressionante è l'effigie da seduto, in granito nero, di Ramesse II, con la moglie e il figlio maggiore, Nefertari inciso su una scala più piccola.

 
Il faraone Ramses II, seduto, con barba rituale e corona.
In piccolo le statue della regina Nefertari, principi e principesse.
(Grande tempio di Abu Simbel, Egitto)

Storie della battaglia con i "Popoli del mare" (che hanno cercato di invadere l'Egitto da nord), sono raccontate nel tempio di Medinet Habu, vicino a Tebe, costruito da Ramses III, l'ultimo sovrano potente del Nuovo Regno.

Questo complesso, che appare come una fortezza inespugnabile, segna la conclusione ideale per il primo ciclo di arte egizia.








L'era di Amenophis IV - Akhenaton

regina Nefertiti La produzione artistica acquisì nuova forza durante il breve regno di 17 anni di Amenhotep IV, successore alla morte di suo padre, Amenofi III (circa 1379 a.C.).

Nel suo quinto anno di governo, Amenhotep IV cambiò il suo nome in Akhenaton, per coerenza con le modifiche religiose da lui avviato.

Eretico monoteista, Akhenaton eliminò il culto del dio Amon, riconoscendo il disco solare di Aton, come la divinità suprema e istituì Akhetaten (l'odierna Tell el-Amarna) come nuova capitale.

La secolarizzazione imposta dal sovrano portò ad un nuovo realismo della rappresentazione artistica, evidente sia in quella statuaria che scultorea.

Akhenaton, Nefertiti, e le principesseLe figure furono rappresentate con estremo naturalismo e le caratteristiche individuali vennero enfatizzate.

Nella scultura a rilievo e nei dipinti, gli artisti rappresentarono scene di vita domestica, che mostravano il re con sua moglie Nefertiti o mentre giocava con la figlia sulle ginocchia.

Il delicato ritratto della regina Nefertiti, trovato durante gli scavi di Amarna nel 1912, è forse l'opera d'arte più memorabile del Nuovo Regno dell'Egitto.


Rilievo calcareo che mostra Akhenaton, Nefertiti, e le principesse sotto i raggi di Aton.
Staatiche Museen, Berlino



Tutankhamun

Nut saluta Tutankhamon Maschera d'oro della sepoltura di TutankhamonNut saluta Tutankhamon
Rituale dell'apertura della bocca, effettuata su Tutankhamun come Osiris

Nel 1922, l'archeologo inglese Howard Carter scoprì nella Valle dei Re la tomba del faraone bambino, Tutankhamon, completa del suo favoloso tesoro dei tesori.

Maschera d'oro della sepoltura di Tutankhamon
La mummia reale, col volto coperto da una maschera d'oro, è stata inserita all'interno di tre bare in una camera sepolcrale ornata con dipinti.

In una stanza adiacente erano statuette d'oro, collane, e casse di pietre preziose.

Trono di Tutankhamon

Gli arredi erano talmente ricchi, da superare qualsiasi ritrovamento di tombe e decorazioni precedenti.

Sedie, letti e divani mostravano un patrimonio di simbolismo magico: le gambe di questi pezzi, a volte con intarsi in oro e avorio, erano state scolpite a Trono di Tutankhamonforma di piedi d'animali, con l'intento di servire al morto come veicolo celestiale verso l'eternità.

Trono d'oro di Tutankhamon (particolare dello schienale)

Il trono di Tutankhamon è un capolavoro di finiture magistrali, ricoperto d'oro, d'argento e pasta vitrea.

Lo schienale è decorato con immagini della giovane coppia reale, ed i braccioli sono protetti da un uraeus alato (il simbolo sacro del cobra).

Trono d'oro di Tutankhamon (particolare dello schienale)Sarcofago di Tutankhamon

Il regno di Tutankhamon, cui successe Akhenaton che restaurò il culto di Amon, ha rappresentato una fase transitoria in Egitto e questo è evidente dal repertorio delle figure e dalla scelta dei soggetti.

Accanto alla coppia reale sul trono vi è uno scrigno con scene di battaglia che raffigurano il faraone mentre combatte i nemici asiatici e nubiani. La "maledizione" di Tutankhamon Con il termine "Maledizione di Tutankhamon" viene indicata una presunta moria che avrebbe colpito inaspettatamente tutti coloro che parteciparono alla ricerca ed alla scoperta, da parte dell'archeologo Howard Carter, della tomba del faraone Tutankhamon, rinvenuta nella Valle dei Re nel 1922, scoperta sovvenzionata da un ricco nobile inglese, Lord Carnarvon.

La maledizione di Tutankhamon è in realtà da considerarsi una trovata pubblicitaria dell'epoca, anche in funzione delle pochissime notizie che trapelavano sia per la lentezza delle operazioni di "svuotamento" della tomba (l'autopsia del faraone risale al 1925, tre anni dopo la scoperta), sia per l'esclusiva mondiale data ad un giornale americano dallo stesso Lord Carnarvon, che tagliò fuori tutti gli altri quotidiani dell'epoca da ogni informazione, innescando così una violenta campagna denigratoria nei confronti della scoperta.

Sarcofago di TutankhamonInfatti, l'unica morte che potrebbe essere fatta coincidere con la scoperta della tomba, è proprio quella di Lord Carnarvon (morto poco dopo la scoperta); ma la sua morte avvenne per cause naturali: nel febbraio 1923, infatti, tre mesi dopo la scoperta, il nobile inglese fu punto da un insetto; nel clima egiziano, umido e caldo, e su un fisico già indebolito (a causa di un incidente stradale nel 1901) come quello di Lord Carnarvon, ogni piccola infezione poteva risultare fatale; e qualche giorno dopo, radendosi la barba, inavvertitamente egli riaprì la ferita. E l’infezione, nonostante l’immediato trattamento con tintura di iodio, non si fece attendere.

Dopo pochissimo tempo il Conte di Carnarvon venne costretto a letto da una fortissima febbre che presto si trasformò in polmonite. Morì dopo una lunga agonia il 5 aprile del 1923 al Cairo.

Tutte le altre morti dei partecipanti alla scoperta avvennero poi a diversi anni di distanza da quest'ultima.






Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI & CONSIGLI


Cerca su IBS - il distributore tutto italiano

Logo IBS

Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport