Guida di Radda in Chianti

Radda in Chianti

Mappa di Radda in Chianti Radda in Chianti, è un piccolo borgo agricolo, posto su una collinetta alta 500 metri s.m. che segna l'ideale spartiacque tra le valli della Pesa e dell'Arbia.

Come arrivare a Radda in Chianti

In auto:

- Da Arezzo, Roma e Firenze con l'autostrada A1 uscire a Valdarno, a Montevarchi prendere la direzione Cavriglia/Radda con la SS408 e poi seguire le indicazioni per Radda in Chianti
- Da Siena SS222 fino a Castellina e da Castellina in Chianti percorrere la SS429, via Chiantigiana per 12 km.

In treno:

La stazione ferroviaria più vicina è quella di Castellina Scalo sulla linea Firenze Roma a circa km 22.
In aereo:
Gli aeroporti più vicini sono quelli di Firenze (45km) e Pisa (90 km)

Radda in Chianti cenni storici

 Radda in Chianti -Palazzo del Podestà Come la maggior parte dei Borghi del Chianti, Radda e la sua storia furono legate alle guerre tra Siena e Firenze.
I primi insediamenti risalgono agli etruschi, insediamenti che vennero consolidati dall'anno 1000 come risulta da alcuni documenti che ricordano la presenza di un castello sotto la giurisdizione della Badia Fiorentina.

Già allora il territorio era coltivato a oliveti e vigneti fino a che, nel 1200, il territorio venne acquistato dai Conti Guidi.

Verso la fine del secolo, al termine di un'aspra contesa fra i Guidi, Siena e Firenze, quest'ultima conquista e annette definitivamente Radda in Chianti al proprio contado.

Nei due secoli successivi Firenze la protegge con massicce fortificazioni, e costruisce bei palazzi per i rappresentanti della Lega del Chianti e la sede podestarile della lega stessa.

Dello storico castello oggi restano solo avanzi di torri e tratti di mura, ma si conserva la struttura dell'antico borgo medievale, raccolto attorno alla antica Chiesa di S. Niccolò ed al quattrocentesco Palazzo del Podestà, oggi sede del Comune.

Le Leghe erano nate tra i "popoli" del contado fiorentino nei primi anni del Trecento per rispondere a precise esigenze difensive.

Radda in Chianti Palazzo del PodestàA capo di ogni Lega era un capitano, o podestà, nominato dalla Signoria di Firenze.

Il Podestà  aveva obbligo di residenza nel capoluogo della Lega e, nel 1384 Radda in Chianti, divenne capoluogo della lega e sede del podestà, in sostituzione di Castellina in Chianti.

Nel 1400, durante un assedio, Radda in Chianti subì un incendio, ma fu proprio la fine delle ostilità fra Siena e Firenze a segnare la decadenza del borgo che aveva perso la sua importanza militare.


Da vedere nei dintorni di Radda in Chianti

Radda in Chianti torre avvistamento Radda è un importante centro vitivinicolo, ma anche nodo viario del Chianti, raccordo di quel reticolo di strade che unì ed unisce ancora i piccoli borghi e le fattorie isolate.

Il paese conserva parte di edifici civili e religiosi risalenti al XIII e XIV secolo, quando fu sede del Podestà che aveva giurisdizione sui terzieri di Radda, Gaiole e Castellina.

Attorno, nel raggio di pochi chilometri, si trovano luoghi e paesaggi di particolare interesse: il Convento francescano di Santa Maria al Prato, sicuramente eretto nel Mille ma fortemente restaurato nel Seicento, la Pieve di S. Maria Novella, Albola, Badia Montemuro e, quasi alle falde del monte Querciabella, Volpaia, che, con il suo castello del X secolo, conserva ancora oggi la severa atmosfera medievale.

Borghi del Chianti nei dintorni di Radda

Dintorni di Radda in ChiantiRadda in Chianti è in una posizione privilegiata per visitare la zona del Chianti Classico di cui è capitale;
Siena, S. Gimignano e le sue torri, Firenze, Staggia, Castello di Strozzavolpe, Monteriggioni e Castellina in Chianti.









Foto di Radda in Chianti

slideshow
slideshow



Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI



Libri e Guide su Toscana e Radda in Chianti

  Chianti e Crete senesi in bicicletta
Masotti Fabio, 2007, Ediciclo
  Chianti. Arte, storia, tradizioni
Fabbri Carlo, 2007, Aska
  Il Chianti e il fascismo
2007, Firenzelibri
  Chianti. Guide pratiche dei Meridiani
2007, Editoriale Domus
  Il Chianti. Toscana
2007, Bonechi
  Chianti e dintorni. Territorio, storia e viaggi
Prontera Francesco; Rombai Leonardo; Stopani Renato, 2006, Polistampa
  Musei del senese. Siena, Chianti, Valdelsa, Crete, val d'Arbia, val d'Orcia, monte Amiata, val di Merse, val di Chiana
2007, NIE
  Il Chianti. Storia, arte, cultura, territorio. Vol. 25: La nascita del Chianti moderno.
2007, Polistampa
  Valdarno. Tra il Chianti e il Pratomagno
Bernacchioni Fulvio, 2007, Aska
  San Donato in Perano
Marchetti Francesca; Tognaccini Donatella, 2006, Polistampa
  Museo del paesaggio. Bosco le Pici. Nuove scoperte archeologiche in Chianti
Goggioli Silvia; Roncaglia Giovanni, 2006, Aska
  Chianti
2005, Editoriale Domus
  Chianti classico
Salemi Maria, 2005, Nardini
  Enciclopedia del Chianti senese
Anichini Ferdinando, 2005, Cantagalli