Pisa: turismo - guida - foto

Logo settemuse

arte cultura svago turismo ricerche



Scegli dove vuoi andare con Booking.com

Hotel - Residence - Resort - Ville - B&B - Ostelli
Le migliori offerte per un soggiorno a Pisa

Guida di Pisa

Come arrivare a Pisa

Mappa di PisaPisa è tra i maggiori centri culturali d’Italia e conserva un ricco patrimonio artistico, originale rielaborazione medievale di influenze islamiche.

In auto:
- Da Firenze, Bologna, Roma,: Autostrada A11 Firenze - Mare, uscita Pisa nord e poi ss. Aurelia fino a Pisa;
- Da Genova, Rosignano: Autostrada A12 Genova - Livorno - Cecina, uscita Pisa nord o Pisa centro.
In treno:
La città di Pisa è ben collegata con Firenze, Lucca, Viareggio, Prato e altre città, grazie al fatto che si trova nella linea ferroviaria Roma - La Spezia ed utilizza due stazioni, la Stazione di Pisa Centrale e la Stazione di Pisa S. Rossore.

In aereo:
L'Aeroporto internazionale Galileo Galilei di Pisa è collegato ogni 10 minuti con con il Centro di Pisa e varie corse di linea collegano l'aeroporto con Prato, Pistoia, Montecatini e Siena.

Pisa cenni storici

Pisa - Mappa del XII secoloAd un primitivo insediamento greco, nella zona dove sorge la città, si sostituì nel V secolo a.C. il popolo etrusco, ma tre secoli dopo il territorio fu conquistato dalle legioni Romane.

I Romani fondarono il Portus Pisanus che divenne un importante municipio e porto romano.

Con l'Impero Romano d’Occidente, cadde anche la Potenza pisana, ma la città si oppose strenuamente alle invasioni barbariche e lottò Goti e Longobardi.

Fra il IX ed il X secolo, la flotta pisana combatte i pirati saraceni e la città getta le basi per i futuri traffici commerciali.

Poco dopo il Mille, Pisa è una delle quattro Repubbliche Marinare con Amalfi, Genova e Venezia che espande i suoi domini sulla Sardegna, la Corsica, il Nord Africa, le isole Lipari, Reggio Calabria e Palermo.

Come arrivare a Pisa

Pisa - LungarnoDopo aver raggiunto il suo massimo splendore nel XII secolo, la rivalità con le città vicine, alimentata da lotte intestine fra Guelfi e Ghibellini innescò l'inizio della decadenza politica di Pisa.

Dopo la sconfitta della Meloria (1284), seguì la conquista della città nel 1290, da parte di Genova e Lucca e decenni di governo delle Signorie ricche di contrasti interni ed esterni fino al 1406, quando Pisa, accerchiata dai Fiorentini, deve cedere per fame e il Commissario della Repubblica Fiorentina, Pier Capponi, prende possesso della città, umiliata e sconfitta.

La calata in Italia del re francese Carlo VIII (1494), Pisa spera nell'aiuto imperiale e si ribella ai fiorentini ma nel 1509, dopo un nuovo assedio, i Pisani devono cedere ancora una volta.

Da questo momento la storia di Pisa si confonde ormai con quella di Firenze e nel 1860, col Granducato di Toscana, Pisa fu unita per plebiscito al Regno d’Italia.

Cosa fotografare a Pisa - La Piazza dei Miracoli

La bellissima Piazza del Duomo raccoglie i principali monumenti religiosi della città, tanto armoniosa e preziosa da meritarsi l’appellativo di Piazza dei Miracoli di D'Annunzio.

In questo straordinario Museo a cielo aperto, svetta la Torre Pendente accanto al Duomo, al Battistero ed al Campo Santo, un generoso assaggio della ricchezza artistica della città.

Cosa vedere a Pisa - La Torre Pendente

Pisa - Il DuomoLa Torre Pendente è il monumento più noto di Piazza del Duomo ed emblema della città di Pisa.

Costruita tra il XII e il XIV secolo, la Torre pende perché il terreno ha ceduto già nelle prime fasi di costruzione e da allora è rimasta così.
Anche se salirvi è un po' una prova di coraggio la torre non cadrà mai perché l’asse verticale che passa per il suo baricentro, cade entro la sua base.
La paternità della torre non è certa, qualcuno pensa che la Torre sia stata progettata da Diotisalvi, lo stesso architetto che nello stesso periodo stava costruendo il Battistero.

Cosa visitare a Pisa - Il Duomo di Pisa

Il Duomo di Pisa, dedicata a Santa Maria Assunta, fonde in se la tradizione classica ed elementi dell’arte normanna, bizantina, paleocristiana e araba anticipando lo stile Rinascimentale fiorentino.

La sua costruzione iniziò nel 1064, ,in concomitanza con la ricostruzione della Basilica di San Marco a Venezia ed i pisani con questa grandiosa opera volevano sottolineare la ,grandezza che la loro Repubblica Marinara aveva raggiunto.

L’aspetto impeccabile del Duomo è il frutto di continui interventi di restauro.

L'ampio interno a cinque navate conserva fra le numerose opere d'arte il famoso Pulpito scolpito da  Giovanni Pisano, gli affreschi di varie scuole dal Trecento al Seicento, il pavimento in tarsie di marmo policromo, statue di vari artisti ed un soffitto ligneo del cinquecento a cassettoni dorati.
 

Cosa visitare a Pisa - Il Battistero di Pisa

Pisa - Interno BattisteroLa costruzione del Battistero di Pisa iniziata nel 1153, è opera dell’architetto Diotisalvi.

L'interno, sorprendentemente semplice e privo di decorazioni è ritmato da archetti che circondano il Fonte Battesimale.

Il fonte battesimale ottagonale, posta l centro su tre scalini, è datato al 1246 e fu costruito da Guido Bigarelli da Arogno; la scultura bronzea di San Giovanni Battista al centro del fonte è opera egregia di Italo Griselli.

Vicino all’altare maggiore, sorge il pulpito del 1260, scolpito del grande Nicola Pisano con scene della Vita di Cristo.

Il soffitto non è stato affrescato, come prevedeva il progetto, testimonia le mutate condizioni economiche della città, presa fra le lotte fra Guelfi e Ghibellini.

Camposanto Monumentale

Nel Camposanto Monumentale di Pisa sono seppelliti i personaggi pisani più illustri e vi si trovano opere d’arte dall’età etrusca, a quella romana e medievale fino a capolavori del secolo scorso.
Quando nell’Ottocento il Camposanto è stato risistemato, i sarcofagi ed i monumenti che stavano nel giardino esterno sono stati spostati sotto le arcate.

Il fatto di rappresentare la celebrazione della storia e di suggerire riflessioni sulla morte, rese il Camposanto uno dei monumenti più visitati dai Romantici dell’Ottocento.

Cosa fare a Pisa - Lo shopping

A Pisa, importante centro di cultura, è facile imbattersi in antiquari di libri e stampe antiche, artigiani rilegatori e fornitissime librerie.

Sulle bancarelle di Piazza dei Miracoli tra i innumerevoli souvenir, classici si possono trovare ccessori in pelle prodotti nella zona.

Le statuine raffiguranti la Torre, il Duomo e il Battistero vanno per la maggiore specialmente quelli in Alabastro che è la pietra tipica locale.

Per gli amanti delle grandi firme, le boutique di Corso Italia, del Borgo Stretto e del Borgo Largo potranno soddisfare la vostra voglia di capi d’alta moda.

D’obbligo una visita al pittoresco mercato mattutino delle Vettovaglie, emblema della vita quotidiana, dove comprare pecorino, vini e verdure permette di riassaporare la dolce e benefica lentezza.

Passeggiate sui Lungarni

Pisa - Festa di San RanieriOltre ad essere famosa per Piazza dei Miracoli, Pisa è nota anche per i suoi spettacolari lungarni che sono punti di ritrovo per i giovani pisani ed affascinanti punti di riferimento per i turisti per fotografare edifici di impianto medievale ma con aspetto rinascimentale, per i rimaneggiamenti dei secoli successivi.

Tra i vari lungarni, il più noto è quello mediceo che ospita i maggiori edifici storici della città, come il Palazzo de' Medici, il Palazzo Toscanelli e la Chiesa di San Matteo in Soarta.

Qui si trovano anche numerosi pub, ristoranti e bar in cui trascorrere piacevoli serate.

Ogni 16 giugno, in occasione delle celebrazioni del Santo patrono, i lungarni vengono illuminati da numerose fiammelle che esaltano i contorni di tutti gli edifici creando suggestivi giochi di luci e colori.

Cosa mangiare a Pisa - Cucina tipica di Pisa

Pisa - Pecorino PisanoSemplice e genuina, simile a quella toscana in genere, al di là di qualche piatto tipicamente locale, in cui fa capolino il pesce, è in genere più speziata.

Segnaliamo le zuppe (di verdura, di fagioli, di riso e arselle), la zuppa di ranocchi, la minestra di fagioli bianchi di San Michele o le bavettine sul pesce.

Comune il risotto al nero di seppia, seguito dalle seppie in umido con i piselli, la "testicciola alla pisana’"(testina di vitello bollita e condita con salsa di capperi), la trippa e le rinomate "cee" (ceche), anguille appena nate che risalgono dal mare a Bocca d’Arno e vengono servite impanate e fritte con olio e salvia, secondo una ricetta ripresa dall’Artusi.

Sono considerati piatti popolani il muggine e il baccalà alla griglia, il pesce ragno bollito e lo stoccafisso in agrodolce.

Tra i contorni, i saporiti "fagioli all’uccelletta", stufati in salsa di pomodoro; come dolci tradizionali le "fave dei morti", biscotti  alle mandorle o la Torta Co’ Bischeri che è un prodotto artigianale pisano.  

Le spiagge di Pisa

Spiaggia a Marina di PisaIl litorale pisano, si estende per circa 15 km, e comprende varie località la cui economia si basa sul turismo estivo e solo in parte sulla pesca per rifornire trattorie e ristoranti della zona.

Nel Comune di Pisa, si trova Calambrone, Tirrenia e Marina di Pisa.

Alle spalle delle spiagge c'è il Parco Naturale Regionale a cavallo tra le province di Pisa e Lucca istituito per la tutela delle caratteristiche naturali, ambientali e storiche del litorale.

La zona di Pisa è pianeggiante, ma, scendendo di pochi km a sud, ci si trova immersi nel più classico dei paesaggi toscani, fatto di colline, boschi e antichi borghi che invitano a interessanti gite.

Cosa vedere nei dintorni di Pisa

L'Arno a PisaPisa offre al turista molte occasioni di divertimento e di crescita culturale, la sua Marina rende felice ogni amante del mare e degli sport acquatici, ma a pochi minuti d'auto si possono trovare veri gioielli d'arte immersi nella verde campagna toscana.

A mezz'ora di macchina su può arrivare a Livorno, a Lucca o a Viareggio; per arrivare a Volterra ci vuole un'ora...ma ne vale la pena.




Altri argomenti che ti potrebbero interessare:






Libri e Guide su Pisa

Incanto di Boccadarno. Marina di Pisa 17 L'Incanto di Boccadarno. Marina di Pisa 1759-1944
Bertelli Pierluigi, 2012, ETS
Cep. La calcolatrice elettronica pisana. Cep. La calcolatrice elettronica pisana. Scenario, storia, realizzazione, eredità
Mancino Otello G., Sprugnoli Renzo, 2012, Plus
grande traversata della Toscana a piedi. La grande traversata della Toscana a piedi. 700 chilometri tra Pisa, Firense, Arezzo, Siena e l'Isola d'Elba
Moscati Vincenzo, Romano Milena, 2012, Terre di Mezzo
Emozioni da Pisa-Emotions from Pisa Emozioni da Pisa-Emotions from Pisa
Pasqualetti Stefano, 2012, Felici
Marina di Pisa per immagini. Foto antich Marina di Pisa per immagini. Foto antiche e recenti di Marina di Pisa
Bernardi Gianfranco, 2011, Felici
Madonne di Pisa. Edicolette ed immagini Le Madonne di Pisa. Edicolette ed immagini religiose poste nei giardini e sulle facciate delle case sparse per le vie della città
Villani Maurizio, 2010, Felici
  Le mura di Pisa. Fortificazioni, ammodernamenti e modificazioni dal XII al XIX secolo
Bevilacqua Marco G., Salotti Cristina, 2011, ETS
  Architettura della conoscenza. Musei e spazi espositivi nel territorio pisano
Bracaloni Federico, Dringoli Massimo, 2011, Pacini Editore
Tradizione & folclore nel pisano. Ediz. Tradizione & folclore nel pisano. Ediz. italiana e inglese
Canestrelli Alessandro, 2011, Pacini Editore
 

Cerca su IBS





Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport









Contatto

Per qualsiasi esigenza scrivi a: