Guida di Anghiari

Come arrivare a Sansepolcro

Mappa di SansepolcroSansepolcro è la città più importante della Valle del Tevere aretina e la Città di Piero della Francesca.

In auto:
Arrivando da sud o da nord con l'Autostrada A1 uscire ad Arezzo, poi seguire le indicazioni stradali sulla SS73.
Da Cesena percorrere la E45 con uscita a Sansepolcro.

In autobus:
Collegamenti pubblici regolari da Arezzo.

Informazioni: Ufficio Informazioni Turistiche tel./fax 0575/740536

Curiosità: Ogni due anni Sansepolcro diventa, nel mese di settembre, la città del merletto, una vetrina con espositori che provengono dall'Italia e dall'estero.

Mercato settimanale: Martedì.

Sansepolcro Cenni storici

Sansepolcro - Centro StoricoSansepolcro - Madonna Della MisericordiaInteressante dal punto di vista militare per la sua posizione strategica, Sansepolcro è stata lungamente contesa da guelfi e ghibellini, danneggiata da battaglie e da rovinosi terremoti.

Nonostante le lesioni del tempo, l'assetto urbanistico all'interno della cinta delle mura quadrilaterali, è rimasto quello medioevale, arricchito nei secoli da nobili edifici rinascimentali e barocchi.

Il potere della Borghesia, che aveva fatto grande e potente Sansepolcro, passa di mano nel periodo tardo-feudale durante il domino dei Malatesta (1370-1430, per finire dominata dalla nobiltà fiorentina nel 1441.

Anche sotto la dominazione di Firenze la storia di Sansepolcro prosegue per un altro secolo, ma ha una battuta d'arresto nel '600 trasformatasi in un periodo di vera crisi nel '700, crisi che durerà fino alla metà dell'Ottocento con la nascita del Regno d'Italia.





Cosa vedere a Sansepolcro - Museo Civico

Sansepolcro - Il Volto SantoDopo aver visitato la casa di Piero della Francesca, artista illustre nato proprio in questa città agli inizi del XV secolo, il visitatore troverà le sue opere al Museo Civico, ospitato nel Palazzo Comunale del XIV secolo. In questo Museo è possibile ammirare parecchie opere famose oltre il polittico della "Madonna della Misericordia" (1462) e l'affresco della "Resurrezione" (1463) di Piero della Francesca nel quale si vede Cristo uscire dalla tomba, mentre i soldati romani ai suoi piedi, portano armature rinascimentali e sembrano sospesi nel tempo.

Un'altra opera interessante da vedere al Museo Civico di Sansepolcro è la "Crocifissione", di Luca Signorelli, risalente al XV secolo.

Cosa vedere a Sansepolcro - Cattedrale

La Cattedrale romanica di San Giovanni Evangelista è uno fra gli edifici di maggior interesse di Sansepolcro, che si è sviluppata intorno alla grande abbazia benedettina.

Sotto il campanile della Badia, l'attuale Cattedrale accoglie il visitatore nelle architetture dipinte da Piero della Francesca, inserendolo magicamente in un altro tempo.

Sansepolcro - Loggia delle LaudiNella Cattedrale l'opera più ammirata è il "Volto Santo", un  Crocifisso ligneo di epoca carolingia

Sansepolcro - Loggia delle Laudi

Accanto alla Cattedrale vi è il Palazzo delle Laudi, di forme manieristiche, oggi sede del Comune, e la Loggia delle Laudi (sec. XVI).

Cuore del centro storico è la piazza Torre di Berta, nella quale, la seconda domenica di settembre si svolge il tradizionale Palio della Balestra.

Durante l'evocazione storica, i costumi indossati dai figuranti, sono ispirati ai dipinti di Piero della Francesca.

San Francesco

Sansepolcro - Chiesa di San FrancescoSansepolcro - Deposizione di Rosso FiorentinoLa chiesa di S. Francesco si trova nella piazza omonima; la costruzione dell'edificio e dell'attiguo convento, primo esempio di stile gotico nella città, avvenne tra il 1258 e il 1321, sul terreno concesso al frate francescano Tommaso da Spello dal Comune di Sansepolcro.

All'esterno, la chiesa conserva i caratteri dell'architettura trecentesca: la torre campanaria e, sulla facciata, il portale gotico ad arco trilobo e il grande occhio.

L'interno, completamente rinnovato nel Settecento, mantiene l'originario impianto a navata unica, tipico degli Ordini mendicanti, l'altare in pietra, a forma di sarcofago con colonne tortili, è datato 1304; da ammirare il bel dipinto di Passignano.

Cosa vedere a Sansepolcro - Affreschi

A Sansepolcro, oltre ai lavori del suo più famoso cittadino, Piero della Francesca, raccolti nel Museo e ammirabili nelle chiese e nei nobili Palazzi, si può ammirare, nella chiesa di S. Lorenzo, la bella tavola  "Deposizione", di Rosso Fiorentino.

Bellissimi affreschi sulla Storia della Passione (1588), si posso ammirare nell’oratorio della Compagnia del Crocifisso, lavoro di Alessandro Alberti e dei fratelli Cherubino e Giovanni.




Foto di Sansepolcro

slideshow
slideshow


Monumento alle merlettaie



Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI



Libri e Guide sulla Toscana

  L'età del ferro a Sansepolcro. Attività produttive e ambiente nel sito di Trebbio
cur. Iaia C., Moroni Lanfredini A., 2009, Aboca Edizioni
  Borgo Sansepolcro. Città di cavalieri e pellegrini
Varisco Alessio, 2012, Mimep-Docete
   Il museo civico di Sansepolcro nel costume cittadino. Da piccola raccolta d'arte all'inaugurazione come istituzione comunale. Con CD-ROM
Verrazzani Enrico, 2009, EDIFIR
   Terre d'Arezzo. Arezzo, Casentino, Valdarno, Valdichiana, Valtiberina. Cofanetto
2009, Aska Edizioni
  In Pratomagno. 14 itinerari trekking tra Valdarno e Casentino
Buccianti Oliviero, Cellai Nicoletta, 2011, Società Editrice Fiorentina
  Ai confini della Repubblica di Firenze. Poppi dalla signoria dei conti Guidi al vicariato del Casentino (1360-1480)
Bicchierai Marco, 2005, Olschki
  Monte San Savino in età repubblicana
Stanghini Luca,  Zona
  Val di Chiana. Castiglion Fiorentino, Civitella in Val di Chiana, Cortona, Foiano della Chiana, Lucignano, Marciano della Chiana, Monte San Savino. Ediz. inglese
Tenucci Giovanni,  Aska
  Michelangelo nasce in Casentino. Storia delle contese tra Chiusi e Caprese
Manetti Andrea, 2006, Polistampa
  Bucine e la val d'Ambra nel Dugento. Gli ordini dei conti Guidi (rist. anast. 1208)Il Leccio
  La scultura delle pievi. Capitelli medievali in Casentino e Valdarno
Angelelli Walter, Gandolfo Francesco, Pomarici Francesca, 2003, Viella
  Terre di Arezzo in tavola. Ricette e capolavori dei 39 comuni della provincia di Arezzo
cur. Del Santo R., Ceccarelli Z., 2010, Nicolò Caleri Editore
  (1302-1311)
Cipriani Urbano, 2008, FruskaIvi è romena. Dante in Casentino (1289,
  A tavola in Casentino
Agostini Mario, 2005, Fruska
  Ai confini della Repubblica di Firenze. Poppi dalla signoria dei conti Guidi al vicariato del Casentino (1360-1480)
Bicchierai Marco,  Olschki
  Vivere al castello. Diario della vita in un castello in tempi di pace e di guerra. Libro pop-up
Crosbie Duncan, Emme Edizioni
  Poppi. Il borgo medievale e il castello dei conti Guidi
Quercioli Mauro, Ist. Poligrafico dello Stato
  Gli estimi medievali conservati nell'archivio storico del Comune di Poppi in Casentino
Ist. Poligrafico dello Stato