Taranto: turismo - guida - vacanze in Puglia

Settemuse Arte Turismo Vacanze Cultura

Temi principali:
 Home   Arte   Cultura   Turismo Italia 

Altri temi:  Bestseller    Cinema    Come fare    Disegnare    Foto sfondi 
 
 Frasi utili   Musica   Poesia   Ricette   Scienze   Scrittori   Turismo Europa  






 
Taranto Monumento ai marinai

Taranto città


Vacanze in provincia di Taranto

Come andare, cosa vedere e cosa fare a Taranto

Guida, itinerari, foto, mappa e storia





Hotel - Residence - Resort - Ville - B&B - Ostelli

 

Le migliori offerte per un soggiorno in
TARANTO e dintorni

 

Guida della località

Come arrivare a Taranto


Taranto è detta “la Città dei due mari”; Il Mar Grande è il tratto di Mare Ionio delimitato dalle Isole Cheradi; Il Mar Piccolo è invece un vasto bacino marino interno, connesso all’esterno da due canali navigabili.


In auto:

Dal Nord - autostrada del Sole (Milano - Bologna - Canosa), proseguendo poi con la  Superstrada Bari - Lecce, collegandosi alla Superstrada Lecce - Taranto.


In treno:

Taranto con le Ferrovie di Stato è collegata a tutte le città italiane. tel. 099/4711801
 

In aereo:
L’ Aeroporto più vicino è quello di Grottaglie di Taranto.
 

In nave:
Taranto è collegata con tutti i porti Italiani principali ed è con La Spezia la 231Base Navale italiana.
 


Mappa di Taranto

Taranto Mappa
 


Taranto Mare Piccolo


Taranto Mare Piccolo
 

Taranto cenni storici



Il primo insediamento umano nell’area in cui poi sorse Taranto risale al II millennio a.C.

Colonia greca fondata nel VIII secolo a.C., Taras, dal nome del figlio di Nettuno, il dio del mare, fu una delle più ricche città della Magna Grecia.

Romana dal 272 a.C, nel Medioevo passò dai Bizantini che lasciarono una forte impronta alla città, ai Saraceni e poi ai Normanni.

Nel XIII secolo divennero Taranto fu un feudo degli Angioini, e nel Cinquecento, Dominio Spagnolo.
 
Nel Settecento passò ai Borboni e nel 1799 aderì alla Repubblica Partenopea.

I tre volti di Taranto



Taranto è divisibile in tre quartieri, il nucleo più antico è quello situato sull’isoletta compresa tra i due canali di comunicazione fra il Mar Grande ed il Mar Piccolo.
 
La parte che si è sviluppata sulla terraferma orientale è quella moderna, essenzialmente ottocentesca.
 
Infine c’è il triangolo di terraferma a nord-ovest rispetto alla città vecchia, detto il Borgo, che è la zona industriale sorta nel secondo dopoguerra.
 
La città vecchia è la più folcloristica e turisticamente interessante: presenta un tracciato di tipo medievale con angusti ed intricati vicoletti tagliati da pittoresche scalinate.

 
Taranto - Colonne di Poseidone
Taranto - Colonne di Poseidone
 

 
Taranto Castello Aragonese
Taranto Castello Aragonese
 

Cosa fotografare a Taranto - Il Castello



Il Castello è una bella Fortezza Rinascimentale, attualmente sede del Comando della Marina.

Realizzata sotto il dominio Aragonese tra il 1481 ed il 1492, consiste di un massiccio corpo murario munito di quattro torrioni cilindrici e di baluardi.
 
Al suo interno c’ è la Cappella di S. Leonardo, storicamente importante, rifatta nel Cinquecento.

Cosa visitare a Taranto - Il Duomo



Il Duomo di Taranto, costruito nel XI secolo sopra una chiesa preesistente, è una Chiesa Normanna. 

Dopo le varie modifiche, la facciata che oggi ammiriamo, è del settecento, in stile Barocco.
 
All’interno, belle colonne di marmi vari, con capitelli antichi, romani e bizantini, dividono le tre navate ed un vestibolo quattrocentesco conduce al Battistero.

L’ elemento più notevole della chiesa è la Cappella di San Cataldo, detta il Cappellone.

L’altare del Cappellone è particolarmente sfarzoso e custodisce le reliquie del Santo Patrono della città, il Vescovo irlandese morto a Taranto nel VII secolo.
 

Taranto Interno Duomo S. Cataldo
Taranto Interno Duomo S. Cataldo

Taranto   lungomare
Taranto   lungomare
 

Cosa vedere a Taranto Nuova - Il Lungomare



Costruita sul Mar Grande il Lungomare di Taranto è fiancheggiato da imponenti palazzi moderni, ottocenteschi e del primo novecento.

Qui si trovano i maggiori palazzi pubblici: il Palazzo della Prefettura, il Palazzo delle Poste, la Banca d’ Italia.
 
All’ inizio del viale, abbellito da palme, pini ed oleandri, si apre la suggestiva terrazza semicircolare della Rotonda a mare.

La Concattedrale Madre di Dio, realizzata da Gio Ponti nel  1971 in una originale reinterpretazione degli elementi e dei temi formali del gotico.

Cosa fare a Taranto - Shopping e Folklore



Taranto è una citta di mare, pertanto le maggiori attività sono legate alle spiagge.

Il centro storico medievale della città, dove ci sono le piccole botteghe tipiche dei vicoletti del centro, offre uno shopping turistico di souvenirs.

La parte moderna della città, come le più prestigiose città europee, lungo i suoi grandi viali, come Via d’ Aquino, si susseguono prestigiosi negozi e boutique di stampo internazionale.

Il Folklore tarantino è tutto nei riti religiosi, primo fras gli altri c’è quello dei Perdoni, in cui i confratelli della chiesa del Carmine, scalzi, vestiti di bianco,nel pomeriggio di Giovedì Santo, con un crocifisso sulle spalle e il rosario, fanno un pellegrinaggio tra le chiese del Borgo Antico e del Borgo Nuovo, camminando dondolando e roteando le “troccole”.

Nella altrettanto importante Processione dei Misteri del Venerdì Santo e dell’Addolorata dove da quattrocento anni i Gruppi Sacri della Via Crucis, seguono un lungo percorso attraverso la città.
Taranto   Processione dei Perdoni

Taranto   Processione dei Perdoni
 

Taranto  - Cozze arraganate

Taranto  - Cozze arraganate

Cosa mangiare a Taranto



Nella cucina tarantina il pesce, i frutti di mare cucinati o accompagnati da verdure o ortaggi sono alla base delle specialità culinarie di questa terra.

Veramente particolari sono il “tarantello” e le “cozze arraganate”; il “tarantello” è una rarità nel campo degli insaccati, fatto con un impasto di ventresca di tonno macinata e speziata; molto elaborate sono anche le “cozze arraganate”: cozze farcite di mollica di pane, origano, aglio, olio, prezzemolo e pomodoro e  passati in forno.

Senza dimenticare le note Orecchiette con le cime di rapa, ricordiamo che tra le specialità primeggia il Risotto ai frutti di mare, il Polipo alla griglia, i Cavatelli con le cozze, il tutto servito con pomodori, peperoni, melanzane e legumi.




Servizio fotografico Taranto  (foto per sfondi desktop in formato 1024x768, scaricabili gratis)

Taranto Castello Aragonese
Taranto Castello Aragonese
     




Video di Taranto (foto per sfondi desktop in formato 1024x768, scaricabili gratis)

Taranto da mare a mare

 

 

Libri e Guide su Puglia e Gargano

 

Dolceguida. Percorsi enogastronomici di Puglia, Basilicata e dintorni 2008

 

Gli ebrei in Puglia

 

Donne allo specchio. Voci di donne in una Puglia misteriosa ed ancestrale

 

Gli eremi di Celestino V. 29 giorni a piedi e in treno attraverso Abruzzo, Molise, Puglia, Campania e Lazio 

 

Puglia a braccia aperte 

 

L'abbazia dimenticata. La Santissima Trinità sul Gargano tra Normanni e Svevi

 

Puglia 

 

Puglia e Basilicata 

 

Girapuglia. Alla guida del gust

 

Guida di Carpignano e Serrano. Testimonianze del passato nella Grecia salentina

 

Guida ai vini di Puglia e Basilicata 2008

 

Guida di Tricase, Caprarica, Depressa, Lucugnano, Sant'Eufemia, Tutino e Le Marine

 

Il profilo turistico dei comuni del parco nazionale del Gargano 

 

Folclore garganico

 

Flora e fauna delle acque interne del parco nazionale del Gargano

 

Il libro dei pesci del parco nazionale del Gargano
 

 

Polignano a Mare e la sua storia 

 

Puglia