Baia dei Faraglioni: turismo - guida - vacanze in Puglia

Settemuse Arte Turismo Vacanze Cultura

Temi principali:
Home  Arte  Cultura   Turismo in Italia

Altri temi: Bestseller  Cinema   Come fare  Disegnare  Foto sfondi  Frasi utili  Musica   Poesia  Ricette  Scienze  Scrittori  Turismo Europa

 

 
 

 

 

 

 

Baia dei Faraglioni

(o Baia delle Zagare)

 

Vacanze in provincia di Foggia

Come andare, cosa vedere alla Baia dei Faraglioni

Guida, itinerari, foto, mappa e storia

 

 

 

 

Guida della località

Baia delle Zagare - Baia dei Faraglioni

Come arrivare alla Baia dei Faraglioni


In auto:
Dal Nord percorrere l'Autostrada A14 Bologna - Taranto  ed uscire al casello di Poggio Imperiale, poi prendere la Superstrada del Gargano seguendo le indicazioni per Vieste
Dal Sud è meglio uscire al casello di Foggia.

In treno:
Foggia è servita da treni provenienti da tutta Italia, Eurostar, interregionali e regionali.

In autobus:
Tutti i principali paesi del Gargano, sono serviti da linee su rotaia e  su ruota. In entrambi i casi, i punti di partenza privilegiati sono Foggia e San Severo.

In aereo:
Il Gargano è servito dall'Aeroporto Gino Lisa di Foggia.


Baia Zagare e Faraglioni mappa

Mappa Baia dei Faraglioni e Baia delle Zagare

 

Gargano - Mattinata - Baia delle Zagare

Gargano - Mattinata - Baia delle Zagare

Baia dei Faraglioni o Delle Zagare


La Baia dei Faraglioni, che si apre verso sud subito dopo la Baia di Campi, fra Vieste e Mattinata, è una delle baie più belle del Gargano ed è per questo che sul promontorio ci sono gli hotel più lussuosi della zona.

Incastonata nell'alta scogliera dalle bianche pareti rocciose, la baia offre una scorcio mozzafiato.

Da Vieste e da Mattinata partono i battelli che portano i turisti lungo la costa per vedere le bellissime grotte marine, scavate dal vento e dall'acqua nella roccia bianchissima.

I grandi scogli che escono dall'acqua verde-blu indicano, idealmente, la boa che segna, per i battelli, l'ultima tappa prima del rientro dalla gita.
 

Baia delle Zagare - La spiaggia


Sulla riva del mare, davanti ai faraglioni, una larga spiaggia tappezzata di lucido ghiaietto rosato è l'ideale per uno splendido bagno, ma qui si giunge dal mare o con l'ascensore degli hotel sul promontorio.

Posta proprio sulla punta del Gargano, la Baia delle Zagare è la meta classica delle gite in barca, che prevedono una sosta per un bagno.

 

Gargano - Mattinata - Baia delle Zagare
 


Gargano - Monte Barone

Gargano - Monte Barone
 

Baia delle Zagare - L'Interno


La Baia si trova all'interno del Parco Biogenetico di Monte Barone e, oltre ad avere una posizione invidiabile per gli amanti del mare, è un ottimo punto di partenza per scoprire le bellezze naturalistiche dell'interno del Gargano che offre itinerari storici, culturali e naturalistici di grande fascino, protetti dall'Ente Parco del Gargano.

Cosa vedere nei dintorni della Baia delle Zagare


Anche se il mare cristallino ed il sole caldo invitano a starsene stesi sulla spiaggia per ore, sarà bene rubare qualche ora all'ozio per visitare le bellissimi e famose località della zona.

A sud della Baia delle Zagare è assolutamente da visitare Mattinata, Manfredonia, le saline di Margherita di Savoia, San Giovanni Rotondo e Monte Sant'Angelo.


Gargano - Mattinata, una via interna

Gargano - Mattinata, una via interna

 

Gargano - Vieste

Gargano - Vieste

Cosa vedere nei dintorni della Baia delle Zagare


A nord della Baia delle Zagare, a pochi km c'è da vedere la Baia di Campi e Vieste con il pittoresco borgo medievale che si inerpica in stretti vicoli fra case bianche.

Proseguendo sulla litoranea, fino a Rodi Garganico che è l'ultimo paese abbarbicato sulla scogliera si incontra la baia di Manacore, San Menaio ed infine Peschici, costruito su uno sperone di roccia, difeso da alte mura.

Dopo Rodi Garganico, la costa si abbassa, insabbiandosi nei due laghi, il Lago di Varano ed il Lago di Lesina, rifugio per molte specie di uccelli e   luogo ideale per gli allevamenti di pesci tra cui le famose anguille.
 

Cosa vedere nei dintorni della Baia delle Zagare


La Foresta Umbra che copre il cuore del Gargano è un monumento della natura che dal mare sale fin oltre i mille metri.

Qui alberi vecchi centinaia d'anni sono chiamati per nome: c'è Zeppino dello Scorzone, un pino d’Aleppo di 700 anni visibili nei pressi della strada tra Peschici e S. Menaio, e  c'è Cerro di Vico, vecchio di 400 anni, con 5 metri di circonferenza che si trova davanti al Santuario francescano di Vico.

Il Colosso della Foresta è un faggio che vegeta nei pressi del laghetto di Cutino d’Umbra e che si innalza per più di 40 metri circondato da faggete tra le più belle d’Italia, con giganteschi esemplari alti e possenti.
 


Gargano - Foresta Umbra
 

 

 

 

Servizio fotografico Baia dei Faraglioni e Baia delle Zagare
(
foto per sfondi desktop in formato 1024x768, scaricabili gratis)

Gargano - Baia dei Faraglioni e delle Zagare
Gargano - Baia dei Faraglioni e delle Zagare
Gargano - Baia dei Faraglioni e delle Zagare
Gargano - Baia dei Faraglioni e delle Zagare
Gargano - Baia dei Faraglioni e delle Zagare
Gargano - Baia dei Faraglioni e delle Zagare
Gargano - Baia dei Faraglioni e delle Zagare
Gargano - Baia dei Faraglioni e delle Zagare
Gargano - Baia dei Faraglioni e delle Zagare

 

 

 

Video della Baia dei Faraglioni (foto per sfondi desktop in formato 1024x768, scaricabili gratis)

Vacanza sul Gargano in moto

 

 

Libri e Guide su Puglia e Gargano

Gargano, Tremiti, Monti Dauni Gargano, Tremiti, Monti Dauni 
2005, Touring
 

Gargano
2006, Adda

Donne allo specchio. Voci di donne in un

Donne allo specchio. Voci di donne in una Puglia misteriosa ed ancestrale
Boi Patrizia, 2008, L'Autore Libri Firenze

eremi di Celestino V. 29 giorni a piedi

Gli eremi di Celestino V. 29 giorni a piedi e in treno attraverso Abruzzo, Molise, Puglia, Campania e Lazio 
Carnovalini Riccardo; Ferraris Roberta, 2008, Terre di Mezzo

Puglia a braccia aperte Puglia a braccia aperte 
Bouraoui Hédi, 2008, Wip Edizioni
abbazia dimenticata. La Santissima Trini L'abbazia dimenticata. La Santissima Trinità sul Gargano tra Normanni e Svevi
Fulloni Sabina, 2006, Liguori
Puglia

Puglia 
2008, Touring

Puglia e Basilicata Puglia e Basilicata
Hardy Paula; Hole Abigail; Pozzan Olivia, EDT
 

Girapuglia. Alla guida del gusto
Sinibaldi Alma; Porcelli Pasquale,Tirsomedia

 

Guida di Carpignano e Serrano. Testimonianze del passato nella Grecia salentina
Bandiera Emilio; Peluso Vincenzo, Congedo

 

Guida ai vini di Puglia e Basilicata 2008
2008, Tirsomedia

 

Guida di Tricase, Caprarica, Depressa, Lucugnano, Sant'Eufemia, Tutino e Le Marine
Peluso Mario;Peluso Vincenzo,  Congedo

profilo turistico dei comuni del parco n Il profilo turistico dei comuni del parco nazionale del Gargano 
2007, Franco Angeli
 

Folclore garganico
Tancredi Giovanni, 2004, Grenzi

 

Flora e fauna delle acque interne del parco nazionale del Gargano
Scirocco Tommaso; Cilenti Lucrezia, Grenzi

 

Il libro dei pesci del parco nazionale del Gargano
Ciavarella Gennaro, 2005, Grenzi

Polignano a Mare e la sua storia

Polignano a Mare e la sua storia 
Romano Roberto, 2008, Palomar di Alternative

Puglia

Puglia 
2008, Touring