Bari: turismo - guida - foto




Guida di Bari città

Come arrivare a Bari

Mappa di BariSul Mare Adriatico, a metà della linea costiera pugliese, Bari presenta al tempo stesso i caratteri della città monumentale, della città moderna e della città industriale.

In auto:
Dall’ Autostrada del Sole (Milano-Bologna-Canosa)Collegamento con altre città della Puglia: Strada Statale e Autostrada A 14.

In treno:
Per informazioni: tel. 080/5216801


In aereo:
Aeroporto di Bari Palese a 9 km dal centro.
Per informazioni: tel. 080/538230; 080/5308133


In nave:
Il porto di Bari è in collegamento con i principali porti italiani.

Cenni storici su Bari

Porto di Bari - Foto PanoramicaInsediamento già dall'Età del Bronzo, Bari diventò "municipium cum suffragio", di Roma nel sec. III a.C.

Dopo il crollo dell’Impero romano, Bari fu occupata prima dagli Ostrogoti e poi conquistata dall'Impero Romano d'Oriente bizantino.

I secoli seguenti continuarono a portare a Bari un'importanza sempre maggiore, sia sotto la dominazione normanna (secoli. XI-XII), poi, sotto gli Svevi, nel secolo XIII, la città assunse la fisionomia che il centro storico ancora mantiene.

Tramontata la potenza degli Svevi ebbe inizio l'impoverimento e il declino della città, infeudata prima dagli Angioini di Francia, poi dagli Aragonesi e dagli Spagnoli, con una felice parentesi rappresentato dal governo del ducato degli Sforza, attraverso Isabella d'Aragona, fino alla morte di Bona Sforza (1464 al 1557).

Cenni storici su Bari

Bari - Foto del Centro StoricoL'età del vicereame spagnolo fu infelice per il Mezzogiorno: soprusi, prepotenze, violenze, rapine, assassini, tasse durissime, per non parlare delle incursioni dei pirati Turchi, che penetravano nel porto per rubare navi e sequestrare persone da vendere come schiavi.

I tentativi di rivolta finirono in lutti e rovine e, ad  aggravare la situazione fu la tremenda epidemia di peste che colpì la città nel 1656, con 12 mila vittime, seguita da una epidemia meno violenta nel 1691.

Con la guerra di successione spagnola, Bari passò all'Austria sotto l'imperatore Carlo VI, poi a Carlo III di Borbone (1738).

Per la città di Bari, il settecento fu un periodo di continui contrasti fra la nobiltà e il clero, ricchi di privilegi, e la borghesia attiva ed intraprendente.

Finalmente durante l'era napoleonica sotto il governo di Gioacchino Murat la città riprese l’espansione urbanistica ed economica, espansone e prosperità che non si è mai più fermata.  

Cosa vedere a Bari il centro storico

Bari - foto della Corte CartapanoIl Corso Vittorio Emanuele II, un'ampia arteria che divide la città Nuova dalla città Vecchia, è uno dei punti principali per il movimento cittadino: abituale luogo di passeggio, vi si affacciano il Palazzo della Prefettura e il Palazzo del Municipio.

Piazza Mercantile, l'antico centro degli affari dominato dal Sedile dei Nobili, antica sede del Municipio, accanto al quale troviamo la Colonna Infame, la gogna medioevale per debitori insolventi.

Il Lungomare Imperatore Augusto è l'ampia passeggiata che si estende dal Porto Nuovo sino al Porto Vecchio, seguendo l'andamento delle antiche mura della città vecchia, della quale si vedono sovrastare i campanili e le cupole.

Sulla punta settentrionale della penisoletta che suddivide il porto, c'è il centro storico, costituito da un nucleo raccolto attorno alla Cattedrale, fatto di viuzze e vicoletti dall’andamento tortuoso.

Cosa vedere a Bari la Cattedrale

Bari - Castello SvevoLa Cattedrale di Bari è un chiesa romanica con esterno sobrio e semplice in pietra grigia impreziosita da un bellissimo rosone scolpito con decorazioni classiche dominate dagli influssi bizantino e moreschi a fitte figure fantastiche e mostruose.

La storia dice che la cattedrale è dedicata a San Sabino e a San Nicola e fu edificata verso l'ultimo trentennio del 1100, sulle rovine del Duomo bizantino distrutto dalla furia di Guglielmo il Malo nel 1156.

Fiancheggiata da due torri campanarie mozze; l'interno è a tre navate, e sull'altare maggiore c'è un ciborio del XII secolo, molto caratteristico.

Il pavimento è orientaleggiante e nell'abside interna è posizionata la sedia episcopale della Regina di Polonia e duchessa di Bari, Bona Sforza.  

Cosa vedere a Bari il castello Svevo

Bari - Foto Facciata della Basilica di San NicolaPerfettamente inserito nell'abitato cittadino, con il lato nord rivolto verso il mare, il Castello di Bari sorge intorno al 1131 per volontà di Ruggero il Normanno su preesistenti strutture abitative di epoca bizantina.

Di questo primo castello rimane ben poco a causa dell'assalto, intorno 1156, di Guglielmo il Malo che ridusse il Castello a poco più di un rudere.

Ricostruito nel 1235 da Federico II a pianta trapezoidale e munito di quattro torrioni angolari, fu ampliato, agli inizi del cinquecento diventando dimora della duchessa di Bari, Isabella d'Aragona, che trasformò il Castello in una lussuosa dimora fortificata, con un cortile centrale ed una scalinata a doppia rampa, meta di letterati, artisti e potenti.

Grazie alla duchessa il complesso fu munito sui tre lati, verso terra, da una cinta bastionata, rafforzata da poderosi baluardi protetti da un ampio fossato.

Cosa visitare a Bari la Basilica di San Nicola

Architettura magnifica, considerata uno dei più riusciti prototipi dello stile  romanico pugliese, la Basilica di San Nicola fu eretta nel 1087 e consacrata oltre un secolo dopo.

La costruzione della grande basilica fu determinata dall’arrivo a Bari delle reliquie di San Nicola, vescovo di Mira (Turchia), portate da mercanti baresi.

L’ esterno, in pietra calcarea, è semplicissimo.

L’ interno, di tipo basilicale, fu in parte alterato nel Seicento.

Di grande importanza è l’arredo originario della basilica, in particolare si segnalano il pavimento, la cattedra episcopale ed il ciborio, tutte opere del XII secolo.

La cripta, sostenuta da colonne dotate di notevoli capitelli romanici e bizantini, contiene la tomba del santo.

Molto prezioso è il Tesoro della basilica, conservato nel Museo omonimo allestito all’ interno della chiesa stessa.  

Cosa visitare a Bari i Tesori di San Nicola

Bari - Chiesa di San SebastianoDa non perdere all'interno della Basilica di San Nicola  "Il Tesoro", comprendente anche dipinti e sculture.

Uno dei maggiori Tesori è il capolavori scultorei del romanico pugliese, costituito da una Cattedra Episcopale realizzata al termine dell'XI secolo, caratterizzata dagli ornamenti molto curati, e soprattutto, per le espressive sculture che reggono il trono chiamati i Telamoni, per analogia dell'immane peso sostenuto dal genere umano a causa del peccato.

Cosa visitare a Bari la Pinacoteca

Bari - marmo della PinacotecaSituata all'ultimo piano del Palazzo della Provincia, vi si accede dal cancello principale che si affaccia sul bellissimo Lungomare Nazario Sauro.

La Pinacoteca espone frammenti di sculture e dipinti medioevali locali, opere di Pittori Veneti ed alcune opere ottocentesche.

Un'ala della Pinacoteca è adibita a esposizioni artistiche temporanee.






seguici su facebook    



Trova le offerte di alloggi più convenienti

Booking.com




Annunci o altre pagine interessanti:





Libri e Guide sulla Puglia e Bari

  La Pinacoteca provinciale di Bari. La donazione Grieco
Farese Sperken Christine, Poligrafico dello Stato
  Bitritto nella storia della Terra di Bari. Dall'età peuceta all'area metropolitana
De Bellis Vito, Colonna Rosa, Wip Edizioni
  Bona Sforza. Regina di Polonia duchessa di Bari

Campanella Angela,  Laterza Giuseppe Edizion

  La Pinacoteca provinciale di Bari
Gelao Clara, Ist. Poligrafico dello Stato
  Puglia a braccia aperte    L'abbazia dimenticata. La Santissima Trinità sul Gargano tra Normanni e Svevi
  Puglia   Puglia e Basilicata 
  Bari bizantina. 1071-1156 il declino
Lavermicocca Nino,  Edizioni di Pagina
  Pietre di Puglia. Il restauro del patrimonio architettonico in terra di Bari tra Ottocento e Novecento
Guarnieri Anita,  Gangemi
  Il profilo turistico dei comuni del parco nazionale del Gargano    Donne allo specchio. Voci di donne in una Puglia misteriosa ed ancestrale
  Gli eremi di Celestino V. 29 giorni a piedi e in treno attraverso Abruzzo, Molise, Puglia, Campania e Lazio    Il libro dei pesci del parco nazionale del Gargano
  Polignano a Mare e la sua storia    Puglia