Grotte di Castro: turismo - guida - foto

Logo settemuse

arte cultura svago turismo ricerche




Scegli dove vuoi andare con Booking.com

Hotel - Residence - Resort - Ville - B&B - Ostelli
Le migliori offerte per un soggiorno a Bolsena

Guida di Grotte di Castro

Come arrivare alle Grotte di Castro

Grotte di Castro sorge su una rupe tufacea dei Monti Volsini.
 
In auto:
Con autostrada A1 uscire al casello di Orvieto, poi seguire la segnaletica, prima per Bolsena poi per Castel Giorgio, S. Lorenzo Nuovo e Grotte di Castro.
Da Siena si può prendere la SS2 Cassia, uscire a S. Lorenzo Nuovo e proseguire per Grotte di Castro.

In aereo:
Grotte di Castro è servito dall'aeroporto di Roma Fiumicino raggiungibile da Montalto di Castro con la SS1 Aurelia  direzione Tarquinia fino a Civitavecchia, e poi con l'autostrada A12 Roma-Civitavecchia.




Grotte di Castro cenni storici

Grotte di Castro - PanoramaNella zona, nella seconda metà del VII secolo avanti Cristo, esisteva Civita un attivo e vivace centro Etrusco che divenne sempre più grande fino allo scontro con la civiltà romana tra la fine del IV e gli inizi del III secolo.

Durante le invasioni barbariche, i pochi sopravvissuti  si riunirono in piccoli centri, dando origine ai paesi di S. Lorenzo Vecchio ed alle Grotte, che purtroppo subirono ancora lutti ad opera dei Saraceni nei secoli IX e X.

Gli abitanti, in un primo momento, furono costretti ad utilizzare come abitazione le grotte, in parte già esistenti e in parte appositamente scavate nella roccia tufacea: da qui derivò per il paese l'appellativo “Castrum Criptarum”.

Grotte di Castro ancora storia

Grotte di Castro - Museo ArcheologicoNel 1119 Grotte fu sottoposto al dominio di Orvieto che fortificò il paese cingendolo di mura.

Dopo vari secoli di dispute e episodi bellici, nel XVI secolo Grotte entrò a far parte del Ducato di Castro, governato dal 1537 dai Farnese.

Sotto i Farnese la popolazione trovò un clima di pacifica convivenza e di tranquilla amministrazione, che le permise di ingrandirsi e prosperare, ma tutto ciò durò fino al 1649 quando la città fu annessa allo Stato della Chiesa.
 
Grotte di Castro rimase fino all'unità d'Italia sotto il dominio dello Stato Pontificio.

Cosa vedere a Grotte di Castro - Il Museo

AGrotte di Castro - Facciata  S.Maria delle Colonne Grotte di Castro si trovano interessanti luoghi e monumenti da visitare: la Necropoli di Pianezze, particolarmente ricca di tombe rupestri a pianta complessa e la necropoli di Vigna la Piazza, dove invece sono diffuse quelle a cassone, entrambe a testimonianza dell'antico passato Etrusco.

In pieno centro storico, nel Palazzo che un tempo ospitava il Podestà, a poca distanza dall'edificio comunale, è attivo dal 1993 il Museo Archeologico e delle Tradizioni Popolari che custodisce più di 160 reperti Etruschi.

Cosa visitare a Grotte di Castro - la Basilica

Grotte di CastroIl primo nucleo abitativo di Grotte di Castro sorse nel luogo dove oggi si può ammirare la Basilica di Maria Santissima Del Suffragio, in stile barocco.
 
La chiesa che vediamo oggi fu costruita nel 1625, sopra una struttura preesistente dell'VIII secolo, dedicata a S. Giovanni Battista, di cui rimangono alcune parti inglobate nella chiesa ed i sotterranei.

Al suo interno si possono ammirare preziosi intarsi in legno d'epoca barocca e una statua di legno colorato che raffigura la Madonna del Suffragio, la cui festa si celebra ogni dieci anni.

Nel sottosuolo della Basilica si aprono numerosi ambienti dell'antica pieve, che  ospitano un Museo in cui si possono ammirare paramenti ed oggetti sacri.

Cosa vedere a Grotte di Castro - Il centro storico

Grotte di Castro - Palazzo del ComuneAttraversando il paese si incontra il Palazzo Comunale con la facciata abbellita da una doppia scalinata monumentale e dotato all'interno di un'ardita "scala a lumaca" interamente scolpita in durissima pietra lavica.

Il Palazzo fu costruito su disegno del Vignola, dopo il disastroso terremoto del 1563.

Poco distante si trova a Chiesa di S. Pietro Apostolo, fatta costruire da Matilde di Canossa nel XI secolo.

Cosa vedere a Grotte di Castro - Il centro storico

La costruzione della Fontana Grande, ricorda il 1886, anno in cui l'acqua raggiunse il centro abitato.

Purtroppo, dei secoli in cui Grotte fu un vero e proprio castello cinto da mura possenti, con due porte tra la Rocca e la Casa del Podestà, collegato alla Piazza della Libertà con un ponte levatoio, non rimane più traccia.

I terremoti del 1563 ed il più recente del nel 1921 abbatterono le mura tufacee e gli eventi naturali sbriciolarono tutto.


Grotte di Castro - Necropoli di Pianezze

Cosa fotografare a Grotte di Castro - le Necropoli

Grotte di Castro - Necropoli di PianezzeSull'altura vulcanica posta a levante dell'odierno centro abitato che conserva nel nome il ricordo dell'antico centro, la "Civita", di cui oggi restano soltanto cunicoli, cisterne ed alcuni tratti della cinta difensiva, si trova la Necropoli delle Pianezze, la più estesa tra quelle che cingevano l'abitato.

La necropoli comprende dalle più antiche tombe "a cassone" del VII secolo a.C., foderate e coperte da lastre di tufo e destinate a contenere un solo defunto, alle tombe a camera, monumentali e destinate ad uno o più nuclei familiari.

Sagre e Folklore a Grotte di Castro

Grotte di Castro - Percorso GastronomicoGrotte di Castro è un centro agricolo che da alcuni anni sta aprendo anche al turismo, utilizzando come leva, il folclore delle antiche feste paesane ed i piatti della tradizione locale, genuini e sani.

Per quanto concerne le feste tradizionali citiamo:
le due Fiere annuali l'8 maggio e la prima domenica dopo l'8 settembre.

Il 7 maggio si festeggia il Patrono: S.Flavio.

La Prima Domenica d'Agosto: Vivi il Lago, giornata di festa in riva al lago con Sagra della Panzanella e tavolata gastronomica con esposizione di piatti tipici locali.
 
Dall'11 al 15 Agosto - Sagra della Patata con degustazione di piatti della tradizione paesana a base di patate.

Cosa mangiare a Grotte di Castro

E' naturale pensare che gli abitanti della Tuscia, mangino an Grotte di Castro - Sagra delle Patatecora quello che mangiavano i loro avi, gli Etruschi che, se non hanno tramandato le ricette tradizionali tuttora in uso presso gli abitanti di queste zone, hanno certamente tramandato attraverso gli affreschi delle tombe i loro menù prediletti che comprendevano anche le tagliatelle (o qualcosa di molto simile), magari di farro.

Le scene di caccia e di pesca ci suggeriscono anche un'abbondanza di carne e di pesce con contorni di verdure e legumi mediterranei più comuni, come le cipolle, i carciofi, gli asparagi, i cavoli, i fagioli ecc.

Questo per dire che se ci si ferma a mangiare a Grotte di Castro, mangerà genuino e si sentirà un poco etrusco.


Foto di Grotte di Castro

Passa a slideshow
foto slide



Libri e Guide su Lazio

  A piedi nel Lazio vol 1-3   Alla scoperta dei monti del Lazio. Itinerario dei parchi montani 
  Al parco con i tuoi. Guida a un itinerario tra i monti del Lazio    Gli eremi di Celestino V. 29 giorni a piedi e in treno attraverso Abruzzo, Molise, Puglia, Campania e Lazio
  Lazio. La guida per il turista curioso e goloso    Escursionismo d'autore nella terra degli etruschi. Viaggio nella Maremma laziale 
  Lazio perenne. Pittori, cronaca e storia tra Settecento e Novecento   Termalismo antico e moderno nel Lazio
  Escursionismo d'autore nella terra degli etruschi. Viaggio nella Tuscia. I monti Cimini e le valli delle antiche civiltà rupestri   Lazio montano. Turismo e territorio: Analisi demografica e patrimonio abitativo-Offerta ricettiva e domanda turistica

Cerca su IBS

TDA5CF : Buono sconto di 3 euro per un acquisto di almeno 29 euro di DVD, Blu-ray, dischi, videogiochi, giocattoli e articoli sportivi,
valido fino al 31/07/15





Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport





arte cultura svago turismo ricerche



Contatto

Per qualsiasi esigenza scrivi a: redazione@settemuse.it
Approfondimento uso dei cookies

Seguici su Facebook