Faleria: turismo - guida - vacanze in Lazio

Settemuse Arte Turismo Vacanze Cultura

Temi principali:
 Home   Arte   Cultura   Turismo Italia 

Altri temi:  Bestseller    Cinema    Come fare    Disegnare    Foto sfondi 
 
 Frasi utili   Musica   Poesia   Ricette   Scienze   Scrittori   Turismo Europa  






 

Slideshow Faleria

Faleria


Vacanze in provincia di Viterbo

Come andare, cosa vedere e cosa fare a Faleria

Guida, itinerari, foto, mappa e storia





Hotel - Residence - Resort - Ville - B&B - Ostelli

 

Le migliori offerte per un soggiorno in
CIVITA CASTELLANA e dintorni

 

Guida della località

Come arrivare a Faleria


Il paese di Faleria si trova nella Tuscia, nome antico dato all'Etruria meridionale; già importante stazione di posta sulla via Flamini, Faleria è raggiungibile facilmente.

In auto:
Da Nord utilizzare l'autostrada A1 ed uscire al casello di Magliana Sabina; prendere la direzione per Roma prima su SR148 e poi, dopo Civita Castellana, la SS3 seguendo le indicazioni stradali per Fiano.


Da Sud utilizzare l'autostrada A1 ed uscire al casello di Ponzano Romano-Fiano e seguire la strada SP30b, poi seguire i cartelli stradali.


Informazioni:
http://www.comunedifaleria.it/raggiungici.html
 

 

Mappa di Faleria
Link Comune di Faleria
 

Faleria - Panorama


 

Faleria cenni storici


Faleria, in realtà, dovrebbe chiamarsi Stabia, nome derivante, forse, dalla vicina stazione per il cambio di cavalli (detta "Stabulum"), che il paese ebbe fino al  1872 e come risulta dalle carte precedenti l'800.

Abitata dagli Etruschi Falisci, nel X e IX secolo avanti Cristo, il borgo primitivo costruito sullo sperone di roccia, nel medioevo verrà chiamato "Piedicastello".

Durante il Medioevo Stabulum allarga il territorio verso sud con opere di fortificazione, completate nel 1290 con la costruzione del Castello Anguillara.

Di proprietà degli Anguillara il borgo, ormai chiamato Stabia, venne ceduto nel 1660 ai Borghese.

Cosa vedere a Faleria - Cinta Muraria


Il borgo antico si arrocca sull’estremità triangolare del promontorio tufaceo delimitato, ai lati, da due valli profonde e difeso, lungo la fronte posteriore del Palazzo Anguillara, da una cinta muraria con un'unica porta d'accesso oggi ancora conservata.

L’antica porta d’accesso al nucleo fortificato originario fu trasformata in torre con stemma degli Anguillara e collegata al Palazzo come la contigua torre della saracinesca dell’antica cinta.

Contemporaneo è un notevole ampliamento dell’abitato con strade ortogonali che venne racchiuso in una cinta quadrilatera tuttora esistente sul versante orientale con torri e due porte interne.
 

Faleria - Cinta Muraria

Faleria - Cinta Muraria


Faleria - Castello Anguillara

Faleria - Castello Anguillara


 

Cosa fotografare a Faleria - Palazzo Anguillara


Alla fine del XIII secolo, a ridosso della fortificazione, nacque il primo nucleo del Castello costituito da un recinto merlato racchiudente una torre quadrata, una circolare e pochi ambienti di servizio.

Nel secolo seguente venne aggiunta una cappella affrescata e, tra la fine del XV e gli inizi del XVI secolo, Flaminio Anguillara lo trasformò in un grandioso palazzo, con portale marmoreo, cortile interno, una loggia, scalone di accesso al piano nobile e, sulla facciata verso la chiesa, ricchi balconi rinascimentali.

La stradina che costeggia il Castello, porta alla Piazza della Collegiata dove si trova la Chiesa di San Giuliano.

Cosa visitare a Faleria - Chiesa di S. Giuliano


Del primitivo edificio, costruito nell'VIII - IX rimangono i massicci muri perimetrali e una piccola parte della facciata in posizione arretrata rispetto all'attuale.

Quello che oggi vediamo è la facciata rifatta nel IV secolo, mentre il campanile risale al secolo dopo.

Del bel pavimento cosmatesco (marmo intarsiato a disegni geometrici) del XIII secolo, rimane un rosone.

Il campanile romanico fu costruito probabilmente nel 1504 e presenta bifore chiuse in basso e bifore con colonnina quelle sopra: la campana più grande risale al 1343 e la più piccola al 1504.

Faleria - Campanile

Faleria - Campanile
 

Faleria - Un angolo del centro storico

Faleria - Un angolo del centro storico

Cosa visitare nei dintorni di Faleria


Faleria ha sempre avuto un destino agricolo, la terra è buona per vigneti ed ulivi e solo da un paio di decenni sta convertendosi al turismo, quindi pur essendo un borgo bello ed interessante, si visita in una mattinata.

Fuori da Faleria, sull'antica via che conduceva a Falerii Novi, si trovano i resti di Castel Paterno, dove morì nel 1002 l'imperatore Ottone III.

Ad ovest di Castel Paterno al di là di un vallo tufaceo,  sorgono i resti di Castel Fogliano, appartenuto alla famiglia Strozzi e poi agli Anguillara.

Spingendosi più avanti sarà possibile visitare lo straordinario Borgo di Calcata, Civita Castellana, Nepi e decine di piccoli nuclei di case di antico e sicuro stampo medievale.

Sagre e folklore a Faleria


Una volta l'anno, in luglio, Faleria organizza una sontuosa "Cena Romana", che si svolge in una delle più belle piazze del Borgo, Piazza della Collegiata, tra Palazzo Anguillara e la Chiesa di S. Giuliano, capace di far fare ai commensali un salto nel passato, gustando la cucina tipica della tradizione laziale e soprattutto, facendo conoscenza con la tradizionale "Botte da Passeggio".

Ma la maggiore e più vistosa tradizione di Faleria è la Festa del Santo Patrono San Giuliano, che si svolge il fine settimana intorno al 9 Gennaio, e si ripete, per il terzo week-end di Maggio.
La festa si divide in diversi passaggi tra processioni, messe, fuochi d'artificio e lo scambio del Santo tra le famiglie che lo ospitano.

La sera tra il 5 ed il 6 Gennaio per tradizione si canta "la Pastorella" accompagnata dalla tradizionale fisarmonica che ultimamente è oggetto di un concorso.

A Faleria vengono allestite anche manifestazioni che propongono mostre fotografiche o artistiche o religiose come il Presepio vivente fra il 25 dicembre e 6 gennaio.
 

Una festa a Faleria

Una festa a Faleria



 

Cosa mangiare a Faleria


Faleria è rimasta legata strettamente alla sua cultura contadina e tutti i suoi piatti, anche se spesso un poco rustici, sono decisamente genuini e sani.

Ceci, fagioli, testina di vitella, pasta fatta in casa  lumache, polli  ruspanti con le verdure di cui il Lazio è fortunato produttore.

Questo è il menù di una "Cena Romana": fusaja al sale in cartoccio, insalata di facioli cretaroli e ceci, nervetti di alsecaliccia alla papalina, mezzemaniche all'amatriciana, pollastro rusperino spadellato con peperoni, ciumache striate con cassa alla mentuccia.





Servizio fotografico di Faleria (foto per sfondi desktop in formato 1024x768, scaricabili gratis)

 




Video di Faleria

 

Video di Faleria

 


Libri e Guide su Lazio e Faleria

Escursionismo d'autore nella terra degli
Escursionismo d'autore nella terra degli etruschi. Viaggio nella Tuscia. I monti Cimini e le valli delle antiche civiltà rupestri 
Menichino Giovanni, 2008, Laurum
Dodici meraviglie della Tuscia. Le vie a
Dodici meraviglie della Tuscia. Le vie attraverso i monti Cimini 
2005, SD Editore
Tuscia magia della natura
Tuscia magia della natura 
2006, Gangemi
Tuscia. Paesaggi e giardini
La Tuscia. Paesaggi e giardini 
Varoli Piazza Sofia, 2007, De Luca Editori d'Arte
 

Lazio. La guida per il turista curioso e goloso 
Barra Clara; Nocilla Mara; Squadrilli Luciana, 2007, Gambero Rosso GRH
eremi di Celestino V. 29 giorni a piedi
Gli eremi di Celestino V. 29 giorni a piedi e in treno attraverso Abruzzo, Molise, Puglia, Campania e Lazio Carnovalini Ricc.; Ferraris  2008, Terre di Mezzo
 
Lazio perenne. Pittori, cronaca e storia tra Settecento e Novecento De Rosa P. Andrea; Trastulli Paolo E.Artemide
 
A piedi nel Lazio vol 1-3
Ardito Stefano, 2008, Iter
 
Alto Lazio antico
Calisse Fabrizio, 2007, Fabrica 
 
Lazio montano. Turismo e territorio: Analisi demografica e patrimonio abitativo-Offerta ricettiva e domanda turistica
2008, Società Geografica Italiana

Per una ricerca più completa di LIBRI - FILM - MUSICA CD/DVD: