Video di Civita Bagnoregio con drone







Guida di Civita Bagnoregio

Come arrivare a Civita Bagnoregio

Questo piccolo gioiello chiamato "la città che muore" è a 30 km da Viterbo, a 110 km a nord di Roma.

Civita è situata a circa 1 Km da Bagnoregio, da dove bisogna passare per arrivare al borgo, ed è visitabile sempre e gratuitamente.

Il parcheggio si trova a poche centinaia di metri dal borgo, dove si accede solo a piedi.

 
In auto:
Dall'Autosole A1 uscita al casello di Orvieto,  prendere per Castiglione Teverina e seguire le indicazioni per Bagnoregio e poi Civita di Bagnoregio.

Da Roma evitando l'autostrada, seguire il GRA fino all'uscita della Cassia (bis) Veientana.
Seguire la Cassia Cimina fino Viterbo e proseguire sulla Strada Teverina fino a Bagnoregio.





Civita Bagnoregio - Cenni storici

Civita Bagnoregio Balneum regis, letteralmente "bagno del re", è un toponimo di origine goto-longobarda del VI secolo d.C.

Non è quindi improbabile l'esistenza di una fonte termale di cui esistono poche testimonianze, ma una leggenda, secondo la quale, le acque del luogo, avrebbero guarito le ferite del re longobardo Desiderio.

Nei secoli, il principale nemico del paese furono (e sono) gli elementi naturali, quali le frane, il lavorio di erosione delle acque del Rio Chiaro e del Rio Torbido che scorrono nelle valli sottostanti, gli smottamenti, le piogge e il vento che stanno sgretolando, lentamente ma inesorabilmente il blocco di tufo su cui è stato costruita Civita Bagnoregio situata a circa 520 metri sul livello del mare.

Cosa vedere a Civita Bagnoregio - Il Belvedere

Civita Bagnoregio - I calanchiIl Belvedere è il balcone naturale sul bordo dello strapiombo, ideale per fotografare il paesaggio irreale dei calanchi argillosi che assediano il borgo con i loro colori tetri che contrastano con quelli dorati del tufo.

Civita di Bagnoregio è un borgo medievale unito al resto del mondo solo da uno stretto ponte lungo 300 metri, costruito dopo che un terremoto, nel 1794, fece crollare il ponte naturale che collegava Civita alla borgata della Rhota.

A quel punto la maggior parte degli abitanti abbandona il colle e si stabilisce alla Rhota, la contrada sorta nel XIII secolo e che oggi costituisce il centro storico di Bagnoregio.

Cosa fotografare a Civita Bagnoregio

Civita Bagnoregio - accesso al borgoSul bordo orientale del Belvedere, dove c’era il convento francescano, è scavata nel tufo una grotta detta di S. Bonaventura.

Dopo il Belvedere ci si inoltra fra le case medievali fino al primo importante monumento che si incontra: la Porta S. Maria, sormontata da una coppia di leoni che artigliano due teste umane, simbolo dei tiranni sconfitti dai bagnoresi.

Cosa visitare a Civita Bagnoregio

La romanica Chiesa di S. Donato, rimaneggiata nel XVI secolo, custodisce  all'interno uno stupendo Crocefisso ligneo del quattrocento, della scuola di Donatello e un affresco della scuola del Perugino.

Un evento particolare e caratteristico di Civita di Bagnoregio è il presepe vivente, che si realizza ogni anno a nel periodo delle feste natalizie nelle vie di Civita, con effetti scenografici.

Da vedere è il secolare Palio della Tonna che si svolge la prima domenica di Giugno e settembre: il Palio della Tonna è rappresentato dalle contrade di Civita di Bagnoregio che si sfidano a cavallo di asini.

Cosa vedere a Civita Bagnoregio - Palazzi storici

Civita Bagnoregio - Case del  borgoI palazzi rinascimentali delle famiglie nobili dei Colesanti, dei Bocca e degli Alemanni, si impongono nelle viuzze con le tipiche case basse con balconcini e scalette esterne dette “profferli”, caratteristiche dell’architettura viterbese del medioevo.

Passeggiando per le viuzze di Civita si incontrano visitatori che camminano assorti in quella strana atmosfera magica di paese semi abbandonato, scoprendo fra i muri di tufo dorato angoli di giardini lussureggianti.

Cosa vedere a Bagnoregio - Le Chiese

La Cattedrale di S. Nicola all'interno conserva oggetti artistici importanti come la  Bibbia del XII secolo in pergamena miniata, forse appartenente a S. Bonaventura e la teca in argento  a forma di braccio benedicente nella quale si conservano le reliquie del Santo.

Da vedere anche la Chiesa romanico-gotica dell’Annunziata, affiancata da uno slanciato campanile del 1735 e ricca di opere pittoriche.

Notevoli il chiostro realizzato nel 1524 su disegno dell’architetto Michele Sammicheli e il pozzo centrale del 1604, opera di Ippolito Scalza.

Cosa acquistare a Civita Bagnoregio

A Civita Bagnoregio ci si può fermare per un panino al prosciutto, salsiccia, capocolli e lombetti, pancetta arrotolata con spezie e aromi o porchetta, per poi acquistarne qualche pezzo da portare a casa.

Qui tutto è assolutamente artigianale, anche la lavorazione della carne suina prodotta ed offerta al pubblico dalle macellerie, che sono anche norcinerie.

Da ricordare però che il piatto del borgo sono le fettuccine rigorosamente fatte con il sugo interiora di pollo e ottime sono le bruschette.

Civita Bagnoregio



Foto di Civita Bagnoregio

slideshow
slideshow


Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI



Libri e Guide su Lazio

  A piedi nel Lazio vol 1-3   Alla scoperta dei monti del Lazio. Itinerario dei parchi montani 
  Al parco con i tuoi. Guida a un itinerario tra i monti del Lazio    Gli eremi di Celestino V. 29 giorni a piedi e in treno attraverso Abruzzo, Molise, Puglia, Campania e Lazio
  Lazio. La guida per il turista curioso e goloso    Escursionismo d'autore nella terra degli etruschi. Viaggio nella Maremma laziale 
  Lazio perenne. Pittori, cronaca e storia tra Settecento e Novecento   Termalismo antico e moderno nel Lazio
  Escursionismo d'autore nella terra degli etruschi. Viaggio nella Tuscia. I monti Cimini e le valli delle antiche civiltà rupestri   Lazio montano. Turismo e territorio: Analisi demografica e patrimonio abitativo-Offerta ricettiva e domanda turistica