Bomarzo, parco dei mostri: turismo - guida - vacanze in Lazio

Settemuse Arte Turismo Vacanze Cultura

Temi principali:
 Home   Arte   Cultura   Turismo Italia 

Altri temi:  Bestseller    Cinema    Come fare    Disegnare    Foto sfondi 
 
 Frasi utili   Musica   Poesia   Ricette   Scienze   Scrittori   Turismo Europa  

 
 

 

 

 

 

Slideshow Mostri di Bomarzo

Parco dei Mostri di Bomarzo

Vacanze in provincia di Viterbo

Come andare, cosa vedere e cosa fare a Bomarzo

Guida, itinerari, foto, mappa e storia

 

 

 

Hotel - Residence - Resort - Ville - B&B - Ostelli

 

Le migliori offerte per un soggiorno in

BOMARZO e dintorni

 

 

Guida della località


Bosco Sacro Di Bomarzo
 

Parco dei mostri di Bomarzo


Il Parco detto anche "Bosco Sacro" si trova in provincia di Viterbo nell'omonima località di Bomarzo.
 

Come arrivare a Bomarzo


Da Nord

- Autostrada A1 uscire al casello di Attigliano, per poi seguire le indicazioni stradali.

Da Sud

- Autostrada A1 uscire al casello di Orte o di Attigliano e seguire le indicazioni stradali.

 

Bomarzo - Parco dei Mostri - Mappa
 

Bomarzo - Ingresso al Parco dei Mostri

Bomarzo - Ingresso al Parco dei Mostri

Parco dei mostri di Bomarzo cenni storici


Questo parco di antichi alberi e di pietre ancora più antiche,  fu immaginato e realizzato dal Principe Pier Francesco Orsini, uomo d'armi e letterato, detto Vicino,  con l'aiuto dell'architetto Pirro Ligorio.

Realizzato, a detta del Principe "sol per sfogare il core", presumibilmente tra il 1552 ed il 1580, questo museo all'aperto fu, dai posteri, interpretato nelle maniere più diverse.

Nonostante l'interesse e la meraviglia, accesa nella fantasia degli artisti dell'epoca che, per esprimere la loro meraviglia, vollero lasciare incisi "epigrafi e versi", dopo la morte dell'Orsini, il parco venne abbandonato, completamente dimenticato ed al più usato dai locali per far pascolare gli armenti.
 


Varcando il cancello di ferro battuto, sotto le mura merlate, le prime statue che si incontreranno saranno due Sfingi, le cui epigrafi sfidano il visitatore ad indovinare se quelle opere siano fatte per amor d'arte o per incannare i sensi:
 

TV CH’ENTRI QVA PON MENTE
PARTE A PARTE
ET DIMMI POI SE TANTE
MERAVIGLIE
SIEN FATTE PER INGANNO
OVER PER ARTE.

L'altra scritta recita:

CHI CON CIGLIA INARCATE
ET LABRA STRETTE
NON VA PER QUESTO LOCO
MANCA AMMIRA
LE FAMOSE DEL MONDO
MOLI SETTE.

sottolineando che chi non gode di queste opere non saprà ammirare neanche le sette meraviglie del mondo.
 


Parco dei Mostri di Bomarzo - Una sfinge


Bomarzo - Gigante che squarcia nemico

Bomarzo - Ercole che squarcia Caco
 

Bomarzo, L'Orlando furioso o Ercole?


A fianco di questa scultura ci sono due iscrizioni, di cui una decisamente rovinata ma con un  riferimento ad Orlando(?).

La gigantesca scultura potrebbe rappresenti un episodio dell'Orlando Furioso: l'eroe (il gigante), assalito dalla follia a causa della passione per Angelica, si è liberato dell’ armatura e squarta un pastorello che gli ostacola il passo.

Altra interpretazione, forse più verosimile è quella che vede nel gigante Ercole che squarta Caco.

Bomarzo - Pegaso il cavallo Alato


Nel Giardino di Bomarzo, Pegaso, il cavallo alato, è situato proprio al centro di una fontana mentre scalcia un muro di roccia.

La leggenda dice che Pegaso, oltre che far sgorgare fonti, con la forza dei suoi zoccoli, è in grado di arrestare i terremoti.

Questa figura mitica sembra in relazione con l'ispirazione che Vicino Orsini trasse dal Sogno di Polifilo,(Hypnerotomachia Poliphili) di Francesco Colonna in cui Pegaso è illustrato in una xilografia e così descritto nel testo: "uno alato caballo che, volando in uno fastigio di monte, una mysteriosa fontana cum il calce faceva surgente".


Bomarzo - Fontana di Pegaso

Bomarzo - Fontana di Pegaso
 


Bomarzo - Parco dei Mostri

Bomarzo - Parco dei Mostri
 

Bomarzo, La tartaruga e la Fama


Nel Parco dei Mostri di Bomarzo vige la regola di trasgredire le regole e, rappresentando una tartaruga gigantesca, sormontata da una minuscola Fama Alata, si applica la regola.

La Fama immaginato da Vicino Orsini ha alcune caratteristiche che dettano regole particolari.

Solitamente, la Fama è rappresentata per celebrare le gesta dei committenti e suona solo la tromba della buona sorte, mentre questa le suona anche quella della cattiva sorte.

La Fama di Bomarzo poggia un solo piede su un globo, che la rende instabile come la Fortuna.

 

 

 

Servizio fotografico di Bomarzo (foto per sfondi desktop in formato 1024x768, scaricabili gratis)

 

 

 

Video di Bomarzo

Video Parco dei Mostri di Bomarzo

 

 

Libri e Guide su Lazio e Bomarzo

 

A piedi nel Lazio vol 1-3
Ardito Stefano, 2008, Iter

 

Alla scoperta dei monti del Lazio. Itinerario dei parchi montani 
2008, Iter

 

Al parco con i tuoi. Guida a un itinerario tra i monti del Lazio 
Belisario Filippo, 2008, Palombi

 

Gli eremi di Celestino V. 29 giorni a piedi e in treno attraverso Abruzzo, Molise, Puglia, Campania e Lazio
Carnovalini Ricc.; Ferraris  2008, Terre di Mezzo

 

Lazio. La guida per il turista curioso e goloso 
Barra Clara; Nocilla Mara; Squadrilli Luciana, 2007, Gambero Rosso GRH

 

Escursionismo d'autore nella terra degli etruschi. Viaggio nella Maremma laziale 
Menichino Giovanni, 2007, Laurum

 

Lazio perenne. Pittori, cronaca e storia tra Settecento e Novecento
De Rosa P. Andrea; Trastulli Paolo E., 2007, Artemide

 

Termalismo antico e moderno nel Lazio
2007, Quasar

 

Escursionismo d'autore nella terra degli etruschi. Viaggio nella Tuscia. I monti Cimini e le valli delle antiche civiltà rupestri
Menichino Giovanni, 2008, Laurum

 

Lazio montano. Turismo e territorio: Analisi demografica e patrimonio abitativo-Offerta ricettiva e domanda turistica
2008, Società Geografica Italiana

 

Museogirando. Bambini alla scoperta dei musei naturalistici del Lazio 
Belisario Filippo, 2008, Palombi

 

Le ville imperiali e rinascimentali nel Lazio 
Ramieri Annamaria, 2008, Colombo

Per una ricerca più completa di LIBRI - FILM - MUSICA CD/DVD: