Ravenna: turismo - guida - vacanze in Emilia Romagna

Settemuse Arte Turismo Vacanze Cultura

Temi principali:
Home  Arte  Cultura   Turismo in Italia

Altri temi: Bestseller  Cinema   Come fare  Disegnare  Foto sfondi  Frasi utili  Musica   Poesia  Quiz  Ricette  Scienze  Scrittori  Turismo Europa
 

 

 

 

 

 

 

Slideshow Ravenna città

Ravenna città

Vacanze in provincia di Ravenna

Come andare, cosa vedere e cosa fare a Ravenna

Guida, itinerari, foto, mappa e storia

 

 

 

 

Guida della località


Ravenna
 

Come arrivare a Ravenna

Ravenna, città imperiale, la Bisanzio dell'Occidente, avvolta in una atmosfera di nostalgico incanto, conserva le più belle e più ricche testimonianze d'arte cristiana primitiva.
I suoi mosaici valgono da soli il viaggio che si può fare:

In treno:
Ravenna è raggiungibile in treno con le linee ferroviarie Bologna - Ravenna, Ferrara - Ravenna e Rimini - Ravenna.

In auto:
Da Venezia, percorrendo la SS 309 Romea
Da Ferrara, la SS 16 Adriatica
Da Bologna, con l'Autostrada A14 bis e la SS 253 S. Vitale
Da Forlì, con la SS 67 Tosco-Romagnola
Da Roma, con la Superstrada E45
Da Ancona, con l'Autostrada A14, uscire al casello di Cesena Nord e percorrere la E45.

In nave:
Ravenna è collegata con la linea  Ravenna - Catania

In aereo:
Ravenna è servito dagli aeroporti di Bologna, Forlì e Rimini

 

Ravenna Mappa
 

Ravenna _ Mausoleo di Teodorico

Ravenna - Mausoleo di Teodorico

Ravenna cenni storici

Le origini di Ravenna risalgono agli insediamenti lagunari prima etruschi e poi umbri.

Fu colonia romana nel II secolo a.C. e venne scelta come capitale dell’Impero d’Occidente nel 402 per diventare snodo e passaggio fra la cultura bizantina e quella romana.

Con la caduta dell’Impero, Ravenna, diventa la capitale del regno di Odoacre e poi di quello di Teodorico ricoprendo, così, il suo ruolo di potenza bizantina in Italia (553-751).

Nel Medioevo, terminati i rapporti con l’Oriente, la città affronta un periodo di forte degrado e isolamento che finirà solo nel 1400 con la dominazione veneziana in cui la città tornerà a splendere e a svilupparsi specialmente dal punto di vista urbanistico.

A partire dal XVI secolo Ravenna verrà inclusa nello Stato Pontificio che la governerà per tre secoli e mezzo portandola, di nuovo, al degrado perdurato fino al dopoguerra.
 

Cosa vedere a Ravenna Santa Apollinare in Classe

Edificata da Giuliano Argentario durante la prima metà del VI sec., la Basilica di Santa Apollinare in Classe è una delle basiliche cimiteriali più perfette di Ravenna e un monumento della cultura bizantina.

Oltre alla ammirevole struttura architettonica, Santa Apollinare è famosa per i mosaici ed i dieci sarcofagi in marmo degli antichi arcivescovi, disposti lungo le navate laterali.

Il campanile cilindrico è ornato di monofore, bifore e trifore messe in progressione per alleggerirlo.

All’interno, magnifiche colonne di marmo greco verde, con il basamento è cubico e con capitelli bizantini a foglie d’acanto, sostengono il soffitto a capriate.

I grandiosi mosaici di varia epoca nel catino dell’abside, rappresentano l'allegoria della Trasfigurazione (sec.VI), la mano di Dio che aiuta l’uomo e le pecore che rappresentano i fedeli, immagini riprese comunemente nella iconografia cristiana in molte altre chiese.

Ravenna - Campanile di Santa Apollinare in Classe

Ravenna - Campanile di Santa Apollinare in Classe
 

Ravenna - Mausoleo di Galla Placidia
Ravenna - Mausoleo di Galla Placidia

Ravenna -Il Mausoleo di Galla Placidia

Eretto (forse) da Galla Placìdia, figlia dell'Imperatore Teodosio, prima prigioniera dei Visigoti e poi loro regina ed Imperatrice, si trova in un giardino vicino a S. Vitale.

L’interno è ornato di mosaici, fra i quali spicca nel mezzo della cupola, quello raffigurante una nuvola con all’interno la mano di Dio.

Nei bracci della croce sono conservati tre sarcofagi antichi, di cui uno è ritenuto il sepolcro di Galla Placidia, il chè è impossibile perchè, storicamente, Galla fu sepolta a Roma.

L'atmosfera del mausoleo di Galla Placidia è sicuramente magica: entrando nel piccolo edificio a croce greca si rimane colpiti dall'improvviso passaggio dalla luce del giorno alla riproduzione dell'atmosfera notturna.

Le innumerevoli stelle della cupola hanno colpito la fantasia e la sensibilità dei visitatori di Ravenna che l'hanno immortalata in letteratura, pittura e persino in musica.
 

Cosa vedere a Ravenna - San Vitale

L'ottagonale basilica di S. Vitale è fra i monumenti più importanti dell'arte paleocristiana in Italia soprattutto per la bellezza dei suoi mosaici, per la ricchezza dei marmi e per l’originalità della struttura.

L'influenza orientale, sempre presente nell'architettura ravennate, assume qui un ruolo dominante.

Consacrata nel 548 è sormontato da una cupola costruita in modo particolare per renderla leggerissima. 
Quando si entra nella basilica di San Vitale lo sguardo è catturato dagli alti spazi, dalle stupende decorazioni musive dell'abside, dagli ampi volumi e dagli affreschi barocchi della cupola.

Luminosi mosaici rivestono le pareti con scene del vecchio testamento, il redentore fra S. Vitale e il vescovo Ecclesio, Teodora e il suo corteo, Gesù con una veste color porpora a fianco di angeli e degli uomini capi delle 12 tribù ebraiche.

 

Ravenna - San Vitale, interno

Ravenna - San Vitale, interno

 

Vedere Ravenna Dall'alto- Ravennainvolo

Ravenna - RAVENNAINVOLO
 

Cosafare a Ravenna - il divertimento

Ravenna è una città d'arte in riva al mare con nove località balneari in 35 chilometri di costa.

I lidi di Ravenna sono situati in armonia fra la spiaggia, le pinete e le valli e propongono al visitatore e al turista un ambiente caratterizzato da ospitalità in alberghi, campeggi, case e appartamenti, in ampie spiagge di sabbia fine, in pinete che furono cantate da Dante e da Byron e che offrono una grande varietà di occasioni di svago.

Ultima e nuovissima occasione di conoscere dal cielo, fotografando e filmando a piacimento i monumenti paleocristiani tutelati da Unesco, le Oasi e le Pinete del Parco Naturale del Delta del Po, vengono fatte scoprire mediante servizi di lavoro aereo audio guidati di RAVENNAINVOLO. (www.ravennainvolo.it )

Cosa mangiare a Ravenna

La cucina ravennate, rispecchia in tutto e per tutto quella che è la cucina romagnola in modo particolare per il gusto della pasta all'uovo fatta in casa.

I primi che si possono gustare a Ravenna si concentrano su tortelli, tortellacci, pappardelle, cappelletti e tortelli "alla maniera di Cotignola".

Un piatto servito solo qui è la "tardura", ossia pasta con uovo e prezzemolo da servire in brodo.

Anche i piatti a base di pesce sono il forte della cucina di Ravenna in particolare Il Brodetto e le Polpette di Mare.
Un piatto dal nome curioso è la "frittatina agli uomini nudi", ed un piatto in via di estinzione è il "Brodo di Rane".
Passando ai dolci, qui si trovano il "savor" e il "sugal" due antiche marmellate fatte con il mosto d'uva il savor e con l'uva il sugal.
Un dolce "moderno" è il dolce di San Michele o più precisamente "Dolz ad San Michele".
 

Ravenna - Cucina Tradizionale

Ravenna - Cucina Tradizionale

 

Ravenna - Apside Santa Apollinare in Classe

 

 

 

Ravenna - Il Labirinto - San Vitale

Ravenna - Il Labirinto - San Vitale

 

Ravenna - Mosaico San Vitale

Ravenna - Mosaico San Vitale

 

 

Ravenna - Mausoleo di Galla Placidia

Ravenna - Mausoleo di Galla Placidia

 

Ravenna - Mausoleo di Galla Placidia

Ravenna - Mausoleo di Galla Placidia

 

 

Ravenna Porto

Ravenna - Vecchia Porta

 

 

Ravenna - Piazza

Ravenna - Piazza

 

 

 

Servizio fotografico di Ravenna (foto per sfondi desktop in formato 1024x768, scaricabili gratis)

 

 

 

Video di Ravenna

Video di Ravenna - San Vitale

 

 

Libri e Guide su Emilia-Romagna - Ravenna

Arata e Ravenna. Opere e progetti nella

Arata e Ravenna. Opere e progetti nella città di Corrado Ricci 

 

La cura del bello. Musei, storie, paesaggi per Corrado Ricci. Catalogo della mostra (Ravenna, 9 marzo-22 giugno 2008) 

Sant'Apollinare in Classe di Ravenna e i

Sant'Apollinare in Classe di Ravenna e il suo bosco perduto 

Felix Ravenna. La croce, la spada, la ve

Felix Ravenna. La croce, la spada, la vela: l'alto Adriatico fra V e VI secolo 

 

A piedi e in bici. Da Bologna a Firenze sull'antica strada romana e per sentieri di montagna

 

L'altra faccia di Bologna

 

Bologna 

 

Bologna centrale. Città e ferrovia tra metà Ottocento e oggi

Delta del Po

Il Delta del Po

Bologna e Emilia Romagna

Bologna e Emilia Romagna 

 

Le dolcezze dell'Emilia Romagna

Emilia Romagna

Emilia Romagna

 

L'Emilia da bere. La Romagna da bere (2008-2009). Cofanetto

 

Emilia Romagna 

 

Deliziose e sane ricette dell'Emilia Romagna

Emilia Romagna rinascimentale

Emilia Romagna rinascimentale 

castelli dell'Emilia Romagna

I castelli dell'Emilia Romagna 

cooperazione in Emilia Romagna. Dalla Re

La cooperazione in Emilia Romagna. Dalla Resistenza alla svolta degli anni settanta 

Emilia Romagna 1:200.000

Emilia Romagna 1:200.000

Neomedievalismi. Recuperi, evocazioni, i

Neomedievalismi. Recuperi, evocazioni, invenzioni nelle città dell'Emilia Romagna

 

I luoghi d'arte contemporanea in Emilia-Romagna. Arti del Novecento e dopo

Italia in bicicletta. Nord. Dalla Valle

L'Italia in bicicletta. Nord. Dalla Valle d'Aosta all'Emilia-Romagna gli 86 itinerari più belli di cicloturismo e mountain bike

 

Anelli appenninici per tutte le stagioni. Venti itinerari tra Emilia Romagna e Toscana

cattedrali dell'Emilia Romagna. Storia,

Le cattedrali dell'Emilia Romagna. Storia, arte, liturgia 

 

Bologna straordinaria 2009. Ediz. italiana e inglese

 

Tradizioni popolari nella Romagna dell'Ottocento

Per una ricerca più completa di LIBRI - FILM - MUSICA CD/DVD: