GRECIA: ISOLE VARIE Foto e Guida




Isole della Grecia: Racconto di un viaggio in barca

grecia isole racconto
Una delle esperienze più emozionanti della mia vita, una di quelle che mentre le stai vivendo ti fanno dire: qui ed ora , non vorrei essere in nessun altro posto.

L’esperienza in questione si riferisce ad una fantastica vacanza in barca a vela. Il nome della barca è Dimitrios, la destinazione: le isole della Grecia. Ma per capire il senso profondo della storia, è necessario fare un rewind, riavvolgere il nastro e ripartire dall’inizio di questa magica avventura. I protagonisti sono un gruppo di amici decisi a fare una vacanza diversa, stimolante, fuori dai soliti schemi, uno di quei viaggi che ti arricchiscono a tal punto da renderti migliore. 

Gli ingredienti necessari sono sembrati essere: il mare, una barca a vela, l’entusiasmo per desiderare di conoscere e apprendere nuove realtà e l’umiltà che la legge del mare impone per farle profondamente proprie. E’ bastata una cena in una calda serata di Giugno per avvicinare le anime di otto ragazzi tese al raggiungimento del medesimo obbiettivo: navigare. 

Come in tutti gruppi che si rispettino, ogni componente ha un suo ruolo, nel nostro Sabina fece da tramite, fu lei infatti a prendere i contatti con l’organizzazione che ci avrebbe accompagnato nel viaggio. AMISTA’: organizzazione di charter in barca a vela. Il nome risultò altisonante, AMISTA’, e gli operatori cordiali e competenti. 

L’equipaggio, così ormai ci consideravamo, dopo aver navigato, virtualmente, sul sito www.amista.it effettuò una rapida consultazione. Trovato l’accordo sul periodo, prima settimana di Settembre e sul tipo di barca, il mitico Dimitrios, partì il count-down finale che ci avrebbe condotto direttamente alla prima tappa della nostra crociera: Lefkas, isola ionica meridionale della Grecia nonché porto d’imbarco. 

Così come Sabina si era occupata di prendere contatti con l’AMISTA’, un’altra componente l’equipaggio, l’intraprendente Rosanna, individuò per prima lo skipper che ci attendeva sulla banchina pronto a salpare. 
L’incontro fu molto piacevole, Gianfranco si rivelò sin dall’inizio simpatico e stimolante, avevamo tutti una gran voglia di salpare, lui per primo. Una volta caricati i bagagli ed effettuata una rapida perlustrazione del Dimitrios, l’adrenalina era a mille. L’interno della barca, costituito da cinque cabine, tre bagni e dinette, ci era sembrato immediatamente accogliente e lo sarebbe diventato ancora di più in seguito.

Con il passare del tempo alcuni di noi, essendosi totalmente ambientati, avendo fatta propria quella realtà, avrebbero cominciato a chiamarla casa. Infatti quando eravamo a terra per fare rifornimenti o per cenare e visitare le varie località, non era raro poter ascoltare frasi del tipo: ‘quando torniamo a casa…’ e la casa in questione non era Roma da cui noi tutti eravamo partiti, bensì il Dimitrios che aveva permesso alle nostre menti di sostituire il concetto di abitazione costituito da fredde e immobili mura, con la possibilità di pensare ad una casa itinerante che traducesse allo stesso tempo senso di protezione e libertà.

Le anime erano sgombre da ogni sorta di preoccupazione che avevamo sapientemente lasciato a terra. Faceva bene al cuore pensare di avere come unico problema quello dell’assegnazione delle cabine. Il metodo dell’estrazione a sorte sciolse ogni dubbio. Definita la sistemazione per la notte e indossato il costume ci ritrovammo tutti nel pozzetto decisi a partire il prima possibile nonostante il tempo.

Vi ricordate quale fu la caratteristica dell’estate 2002? Forse il maltempo? Risposta esatta. Una delle stagioni estive più piovose degli ultimi anni. Quel giorno, il primo giorno di navigazione, ancora non pioveva, dico ancora perché il cielo era plumbeo e non prometteva nulla di buono.

Noi da neofiti inizialmente avevamo qualche esitazione, ci domandavamo se fosse stato il caso di salpare con quelle condizioni climatiche, e l’alta probabilità di trovarci nel bel mezzo di un temporale e con il mare in burrasca. Non avevamo la consapevolezza dei rischi a cui andavamo incontro, non riuscivamo ad immaginare quali sarebbero state le nostre reazioni, ma soprattutto a frenarci era il fatto che ignoravamo nella maniera più assoluta quanto potesse essere ugualmente bello ed eccitante navigare quando il mare è un po’ nervoso, il vento gli fa il verso e le nuvole si divertono a fare i dispetti con l’acqua.

Così consultammo il comandante, che fatte le sue valutazioni decretò che la situazione era sotto controllo e che sarebbe spettato soltanto a noi decidere ma che avremmo potuto correre il rischio di privarci di un’esperienza entusiasmante. Esperienza entusiasmante? I nostri sensi erano talmente affamati di questo tipo di cibo che nessuno di noi aveva voglia di perdersi una simile occasione.

Nemmeno Germana che era partita da Roma con una borsetta piena di Xamamina, cerotti e braccialetti perché memore di brevi precedenti esperienze fatte in barca a motore, temeva di soffrire il mal di mare. Ancora una volta tutti d’accordo decidemmo di tentare, non prima ovviamente di esserci ‘K-way muniti’.

Ci guardavamo gli uni con gli altri e i nostri volti tradivano il sorriso di chi sa di aver fatto la scelta giusta e per questo si sente appagato e più libero nello spirito.

Lo skipper data la lunga esperienza di navigazione e dotato di una spiccata sensibilità colse immediatamente l’entusiasmo e la voglia di fare che traspariva dai nostri occhi, così prendendo in mano la situazione propose all’equipaggio di partecipare alle manovre.

Era quello che tutti noi speravamo ci venisse richiesto, ma per il timore, dato che questa era la nostra prima esperienza, non osavamo domandare. Ecco fatto, in un secondo, Ciccio, Carlo, Andrea e Danilo sono alle postazioni suggerite da Gianfranco, mentre Lalla, Sabina e Rosanna sono sedute nel pozzetto insieme a Germana che tenta di imparare a riavvolgere le cime.

Finalmente si parte ed insieme a noi le prime gocce dal cielo che non ci intimidivano ne disturbavano anzi contribuivano a renderci euforici permettendoci di scherzare uno con l’altro prendendoci in giro riguardo gli ‘imbacuccamenti’ - modo buffo di coprirsi per combattere le intemperie - vari. Germana, scherzando ricordava all’equipaggio come, in quel momento chiudendo gli occhi, il mare agitato riproducesse i medesimi scuotimenti di una giostra molto divertente del Luna- Park : il Tagatà a dimostrazione di come aveva dimenticato ogni timore di soffrire il mal di mare.

Fra risate, scherzi e anche una pur necessaria buona dose di concentrazione per eseguire le manovre ordinate dal nostro skipper, procedevamo sereni verso Vliho. Nel frattempo il cielo iniziava a concederci una tregua, lentamente si schiariva fino ad aprirsi e permetteva ad un timido sole di fare capolino.

Fu solo allora che Germana si ricordò di non aver per nulla sofferto, anzi di essersi divertita e aver provato sensazioni forti che l’avevano fatta sentire viva e vera come poche esperienze prima d’ora e avendo potuto constatare l’inutilità dei suoi farmaci sentenziò: ‘ormai per me la barca è solo a vela’ ,dichiarazione seguita da un fragoroso applauso dell’equipaggio e conseguenti ringraziamenti accompagnati da un inchino da parte di Germana.

Dunque dicevamo primo giorno di navigazione e prima destinazione: Vliho via Nydry dove il sole splendeva caldo e potemmo godere del primo bagno al tramonto. Il mare era straordinariamente calmo, l’acqua era calda e tutto intorno era così quieto da trasmettere benefiche sensazioni. Fu proprio a Vliho che a nostra insaputa, lo skipper, grazie alle conoscenze e alle amicizie locali, strette in tanti anni di approdi nelle località in cui si apprestava a condurci, aveva organizzato una cena con tanto di torta e candeline per festeggiare il compleanno di Sabina.

Fu un ottimo inizio, l’occasione per sentirci più vicini a Gianfranco, promovendolo a pieni voti e adottandolo all’unanimità. L’equipaggio era più unito che mai, così brindammo in onore della festeggiata e della crociera.
Tornati in barca decidemmo di concludere la serata bevendo dell’Ouzo, rinomato liquore greco, riparati dal tendalino del nostro pozzetto non prima ovviamente di aver provveduto all’ascolto di ottima musica e di aver acceso delle piccole candele allo scopo di creare un’atmosfera suggestiva. Questo diventò il rito con il quale eravamo soliti concludere le lunghe giornate.

isole della grecia
Il secondo giorno ci vide navigare da Vliho a Langada fino a Sivota dove avemmo la fortuna di provare una forte e difficilmente descrivibile emozione. Avvistammo un branco di delfini dal quale imparammo la prima lezione riguardo la navigazione: in barca prendere il sole va benissimo ma lo si deve fare con un occhio chiuso ed uno aperto per non rischiare di perdersi i meravigliosi spettacoli che la natura ci offre. Noi eravamo ignari, era solo l’inizio, ogni giorno che seguì ci riservò nuove ed indimenticabili sorprese.

Difatti il terzo giorno di navigazione che prevedeva il raggiungimento di Itaca via Atoko ci permise, purtroppo di poter vedere molto da vicino una testuggine. Purtroppo perché questi simpatici amici sono soliti nuotare in profondità e quando capita di vederne uno in superficie non è un buon segno. Noi eravamo dispiaciuti ma allo stesso tempo incuriositi ci chiedevamo quante altre occasioni avremmo avuto di avvicinarci ad un simile animale per poterlo osservare.

Quando non scendevamo a terra eravamo soliti trascorrere le serate cenando in pozzetto in compagnia di buon cibo, buon vino, buona musica, le immancabili candele e tante risate provocate dal nostro costante buon umore, dalle cantate a squarciagola e qualche volta anche da giochi di società ereditati dalla terrestre vita sociale. 

Ritagliavamo anche uno spazio per decidere tutti insieme l’itinerario del giorno successivo. Noi credevamo di poter scegliere, di essere in grado di decidere cosa fosse meglio fare, ma non era così. Ad aprirci gli occhi c’èra fortunatamente Gianfranco che prontamente ci riportava a quella che era la migliore delle realtà possibili. Nel senso che l’ignoranza in materia ci faceva compiere errori clamorosi come nel caso in cui la nostra ostinazione vinse sul buon senso e volemmo tentare l’esperienza di dormire una notte in banchina. 

Fino ad allora non lo avevamo mai fatto seguendo il consiglio di Gianfranco che non lo riteneva entusiasmante quanto potersi svegliare al mattino in una caletta, ma noi intestarditi e forse anche mossi da qualche piccola ‘esigenza terrestre’, soprattutto da parete delle ragazze, volemmo ugualmente provare. 

Quanto ce ne siamo pentiti. L’odore della nafta al mattino, il rumore del chiacchiericcio appena svegli, al quale non eravamo più abituati, non aveva termini di paragone con l’odore del mare portato dalla brezza mattutina ed il silenzio di cui si poteva godere svegliandosi in una baia. 

La sera del quarto giorno in cui da Itaca arrivammo ad Astakos, il nostro skipper ci fece un’altra gradita sorpresa portandoci a cena presso una trattoria locale ove era possibile ascoltare musica greca e volendo anche ballare. Ovviamente non potemmo sottrarci all’invito del simpatico proprietario che ci esortava ad unirci alle danze.Germana si accorse che la tovaglia di carta su cui stavamo mangiando riproduceva parte degli itinerari che avevamo percorso, così decise di prenderla come souvenir. 
Ma le sue vere intenzioni erano diverse e ce ne accorgemmo il giorno seguente quando la scoprimmo intenta a tracciare sopra quella stessa tovaglia la rotta della nostra navigazione.

Il quinto giorno da Astakos via Dragonera raggiungemmo Pandalemonia dove trascorremmo la notte in una baia e per sveglia mattutina usufruimmo dei campanelli dei collari delle caprette e dei versi dei maialini selvatici. 
Come descrivere la sensazione di totale fusione con l’habitat naturale e la tenerezza suscitata da tale presenza, per altro testimoniata, dalla miriade di foto scattate, come del resto gia era avvenuto in precedenza per i delfini, le fregate, la testuggine e gli spettacolari tramonti.

Il sesto giorno fu testimone della rivincita dell’equipaggio femminile su quello maschile sulla rotta Castos- Mitica. Le ragazze si resero protagoniste dell’esecuzione della miglior manovra effettuata durante tutto l’arco della crociera. 

Ovviamente i ragazzi tentarono di sminuire la prova effettuata e di smorzare l’entusiasmo che ne conseguiva, ma il tentativo fu vano perché il giudizio finale spettava al nostro comandante che complimentandosi ci diede un dieci e lode per la velocità, per la tecnica e per l’affiatamento dimostrato. 

Ora avevamo un motivo in più per festeggiare, anche se il fantasma della malinconia cominciava ad aleggiare visto che i giorni erano trascorsi veloci, troppo veloci e la fine della crociera si avvicinava. Questa fu l’occasione per capire come, la condivisione di esperienze così uniche, favorisca l’avvicinarsi delle anime che solitamente si nascondono dietro l’ingannevole commercio delle parole, adottando una falsa comunicazione che rivela la sua fittizia natura, solo quando viene smascherata dalla profonda complicità di cui ci si scopre capaci. 

Quella sera infatti non facevamo altro che scambiarci grandi pacche sulle spalle per ricordarci a vicenda, che era pur vero che il viaggio stava per terminare, ma che saremmo tornati con un bagaglio in più dove avremmo riposto tutte le visioni, i rumori, i profumi e le sensazioni provate in quei giorni.

Così arrivammo al settimo ed ultimo giorno di navigazione: Kalamos- Lefkas. A Kalamos approdammo in una baia dove è sita un’antica chiesetta abbandonata, scenario ideale per scattare ancora delle foto e fare l’ultimo bagno immersi in un’acqua color smeraldo. 

A dir la verità questo fu uno dei bagni più lunghi, e testimoniava proprio la voglia di non tornare più a casa. Ma l’ora di salpare arrivò così risalimmo sul Dimitrios giurando che il prossimo anno avremmo organizzato una crociera di due settimane, era evidente che sette giorni ormai, per dei lupi di mare come noi, non sembravano essere più sufficienti.

Ma l’avventura non era ancora terminata, il rientro a Lefkas ci regalò l’ultima emozione. Il tempo che a parte il primo giorno, era stato clemente con noi, decise di guastarsi quasi a voler riproporsi alla fine della vacanza nello stesso modo in cui si era presentato all’inizio, dandoci l’impressione che stesse tentando di chiudere il cerchio degli eventi che si erano susseguiti. 

Questa volta però ce la mise tutta, il mare era più che nervoso, a me piacque pensare che fosse arrabbiato perché stavamo per abbandonarlo, anche il vento ci soffiava in faccia la sua rabbia e le nuvole non meno incupite versavano giù i loro lacrimoni. I ragazzi erano intenti alle manovre e noi ragazze nonostante la pioggia e il freddo quasi ipnotizzate da quello spettacolo della natura eravamo rimaste sedute nel pozzetto in compagnia dei nostri pensieri.

Questo fino a quando Rosanna, interrompendo per un attimo le sue riflessioni e sentendosi infreddolita al punto giusto, decise di scendere in coperta svegliando anche noi altre che la seguimmo non senza provare qualche piccolo senso di colpa nei confronti dei ragazzi che erano rimasti alla guida della barca.

Sensi di colpa per altro inutili perché dai comodi divani della dinette potevamo sentirli ridere. Complici furono proprio quei divani che dovevano essere stati veramente comodi visto che ci addormentammo nonostante la bufera in corso per risvegliarci non appena tutto fu nuovamente calmo e il sole era tornato a sorridere. 

Purtroppo però eravamo giunti nuovamente a Lefkas. L’approdo fu sottolineato dalla colonna sonora che ci aveva accompagnato durante tutta la navigazione e che sarebbe rimasta impressa a lungo nella nostra memoria e nei nostri cuori.

Noi nove eravamo fieri, felici e uniti in un unico sentire: quello che provavamo in quel momento era gioia allo stato puro.




Trova le offerte di alloggi più convenienti

Booking.com


Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI & CONSIGLI


SERVIZIO PRENOTAZIONE TRAGHETTI

Servizio traghetti a cura di Traghettilines

Cerca su IBS - il distributore tutto italiano

Logo IBS

Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport