SUMMERTIME

Veronica Conti  - Summertime

C'è in me uno strano
vento d'Africa

non li conosco
e non m'amano i passeri emigranti

e neppure i datteri pesanti
sulle foglie di palme al mattino

quando i melograni arpeggiano
il fruscio dell'aria
per accogliere il sole
da profondere in terra

e l'amico mare che muove
le branche del pensiero
e spumeggia per dirmi...
eccovi le nuove stagioni!

Io non so...
e quanta meraviglia ancora
finché non so...

chi dunque?

Ho forse chiesto?

e i canti...la musica amore?

solitarie tortore
per raggiungerti
perchè tu non m'ami,
ma ti cercherò ancora
tra le canne
ai lati del fiume asciutto

e passerò sull'una
e l'altra sponda
come uccello
di grandi ali
per tessere il cielo

finché una nuvola
non rapirà il mio cuore
e la pioggia ritornerà
a far fiorire ancora
l'ibisco

Torna all'indice poesie di Veronica up





Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI