Jacques Prévert - poesie e biografia

Settemuse Arte Turismo Vacanze Cultura

Temi principali:
 Home   Arte   Cultura   Turismo Italia 

Altri temi:  Bestseller    Cinema    Come fare    Disegnare    Foto sfondi 
 
 Frasi utili   Musica   Poesia   Ricette   Scienze   Scrittori   Turismo Europa  

 
 

 

 

 

 
Jacques Prévert biografia e poesie

Jacques Prévert

 

Biografia, poesie famose, libri

 

 

 

 

Selezione di poesie di Jacques Prévert

 Jacques Prévert - I ragazzi che si amano

I ragazzi che si amano

 Jacques Prévert - Per te amore mio

Per te amore mio

 Jacques Prévert - Barbara

Barbara

Jacques Prévert - Questo amore

Questo amore

Jacques Prévert - Paris at night

Paris at night

 Immenso e rosso Prevert

Immenso e rosso

Jacques Prévert - La disperazione siede su una panchina

La disperazione siede su una panchina

Jacques Prévert - Canzone

Canzone

Jacques Prévert - Il mazzo di fiori

Il mazzo di fiori

Jacques Prévert - Sono quella che sono

Sono quella che sono

   

 

 

 

Jacques Prévert biografia

 

Jacques Prévert - biografia e poesieJacques Prevert nasce a Neuilly-sur.Seine nel 1900, cittadina del dipartimento della Seine, da padre bretone e da madre originaria dell'Alvernia in un ambiente piccolo borghese e molto devoto.

In Bretagna trascorre diversi anni della sua infanzia e le tradizioni popolari bretoni eserciteranno sulla sua opera una grande influenza.

Prévert si dimostra fin dalla sua più giovane età amante della lettura e dello spettacolo.
A 15 anni, dopo aver frequentato le scuole a Parigi e ottenuta la certificazione di studi, inizia a guadagnarsi da vivere intraprendendo piccoli lavori.

Nel 1920, il giovane inizia il servizio militare e raggiunge il suo reggimento prima a Lunéville, dove conosce "Roro", un ragazzo di Orléans e il pittore dadà Yves Tanguy (che sarà inviato poco dopo in Tunisia) e con essi forma un affiatato trio.

Prévert, con la carica di caporale, parte per Bisanzio che stava per cambiare il suo secondo nome (Costantinopoli) in Istanbul dove fa propaganda antimilitare e stringe amicizia con Marcel Duhamel che sarà il futuro autore e direttore di collane di Umor Nero.

Di ritorno a Parigi nel 1922, Jacques si stabilisce con i suoi due amici artisti e col fratello Pierre, regista, al 54 di Rue del Château a Montparnasse che sarà presto il punto di riunione del movimento surrealista al quale partecipano Robert Desnos, Georges Malkine, Louis Aragon, Michel Leiris, Antoine-Marie-Joseph Artaud, Raymond Queneau senza dimenticare il capo fila André Breton, con il quale Prévert manterrà sempre ottimi rapporti malgrado la crisi e i dissensi che si verificarono all'interno del movimento surrealista nel 1929.

I suoi primi testi risalgono al 1930 quando il poeta pubblica sulla rivista "Bifur" Souvenirs de famille on l'ange gardechiourme (Ricordi di famiglia ossia l'Angelo aguzzino).

L'anno seguente sulla rivista "Commerce", dove lavora Giuseppe Ungaretti come redattore, esce il Tentative de description d'un diner de têtes à Paris-France (Tentativo di descrizione di un banchetto a Parigi, Francia) e recita in un film di Marc Allégret, Pomme de terre.

Tra il 1932 e il 1936 Prévert svolge un'intensa attività teatrale, lavorando con la compagnia "Gruppo d'Ottobre", della Federazione Teatro Operaio, che intende promuovere un "teatro sociale".

Per il gruppo Ottobre, Prévert fornisce un inno diventato popolare anche in Italia: Marche ou crève (Marcia o crepa). Scrive La Bataille de Fontenoy (La battaglia di Fontenoy) che viene rappresentata a Mosca nel 1933 durante una Olimpiade internazionale del Teatro Operaio alla quale partecipa anche come attore.

Nello stesso periodo inizia le sue collaborazioni cinematografiche producendo gli scenari di alcuni dei vertici poetici del cinema francese.

Scrive il testo e la sceneggiatura di L'affaire est dans le sac, diretto dal fratello Pierre e nel 1935 Le crime de Monsieur Lange per Jean Renoir.

Nel 1936 pubblica sulla rivista "Soutes", La crosse en l'air e su "Les Cahiers G.L.M." Evénement.
Scrive i testi delle sue prime canzoni che, musicate da Joseph Kosma, verranno interpretate da famosi cantanti come Juliette Greco, Yves Montand, Mouloudji, Agnès Capri, Marianne Oswald e Les Frères Jacques.

Nel 1937 ritorna al cinema collaborando con Marcel Carné e scrive per il regista il copione di Drōle de drame (Lo strano dramma del dr. Molineaux) e nel 1938, dopo un soggiorno di un anno negli Stati Uniti a Hollywood, il soggetto del celebre film Quai des brumes (Porto delle nebbie), interpretato da Jean Gabin, Michèle Morgan, Pierre Brasseur, Michel Simon.

Negli anni che vanno dal 1939 al 1945 egli continua la sua attività di soggettista e sceneggiatore scrivendo Disparus de Saint_Agil per Christian-Jacques e Pierre Laroche, Le jour se lève (Alba tragica) e Les portes de la nuit (Le porte della notte) (Mentre Parigi dorme) per Carné, Les visiteurs du soir (L'amore e il diavolo), per Carné e Laroche, Remorques e Lumière d'été per Jean Grémillon, Adieu e Lèonard per il fratello Pierre, Aubervilliers per Eli Lotar.
Di questi anni è anche il capolavoro uscito dalla collaborazione Prévert- Carné, Les enfants du paradis (Gli amanti perduti) con Jean-Louis Barrault.

Nel 1944 escono, su "Les Cahiers d'Art", Promenade de Picasso e Lanterne magique de Picasso. Nel frattempo il poeta, dimesso dall'esercito nel 1939, aveva lasciato Parigi per trasferirsi a sud a la Tourette-de-lupe dove Joseph Kosma, il fotografo Trauner e molti altri lo avevano raggiunto per lavorare con lui alla realizzazione dei film.
Farà ritorno a Parigi nel 1945, a guerra terminata.

Nel 1948, cade da una finestra degli uffici della Radio e precipita sul marciapiede dei Champs-Elysées rimanendo in coma per diverse settimane. Ripresosi si trasferisce con la moglie e la figlia a Saint-Paul de Vence, dove rimane fino al 1951.

Scrive nel frattempo un nuovo soggetto, Les Amants de Vérone, per il regista André Cayatte, e pubblica una nuova edizione del suo best-seller "Paroles" che erano state riunite per la prima volta nel 1945 da René Bertelé, la raccolta "Spectacle" e "La Grand Bal du Printemps".

Negli anni successivi si stabilisce nella sua dimora di Omonville-la-Petite, nel dipartimento della Manche, ma colpito da grave malattia conduce vita ritirata ricevendo solamente alcuni dei suoi più cari amici, come Yves Montand, Juliette Greco, Raymond Queneau, il regista Joseph Losey, l'attore Serge Reggiani e pochi altri.

L'11 aprile 1977 Prévert muore a Omonville-la-Petite, di cancro al polmone.


 

 

 

 

Libri di Jacques Prévert

 

Per te amore mio. Poesie per giovani innamorati. Testo francese a fronte
Prévert Jacques, 2008, Salani

 

Amori. Testo francese a fronte
Prévert Jacques, 2007, TEA

 

Gran ballo di primavera. Testo francese a fronte
Prévert Jacques, 2007, Guanda

 

Poesie d'amore. Testo francese a fronte
Prévert Jacques, 2007, Guanda

 

Poesie. Testo francese a fronte
Prévert Jacques, 2007, Guanda

 

Significati. Emozioni poetiche in ricordo di J. P.
Mammì M. Grazia, 2007, MGM'

 

Spettacolo. Testo francese a fronte
Prévert Jacques, 2007, Guanda

 

Fatras. Testo originale a fronte
Prévert Jacques, 2006, Guanda

 

Le foglie morte. Testo francese a fronte
Prévert Jacques, 2006, Guanda

 

Storie e altre storie. Testo francese a fronte
Prévert Jacques, 2006, Guanda

 

La pioggia e il bel tempo. Testo francese a fronte
Prévert Jacques, 2005, Guanda

 

Poesie d'amore e libertà. Testo francese a fronte
Prévert Jacques, 2005, Guanda

 

Le isole passeggere
Prévert Jacques, 2004, Salani

 

Parole. Testo francese a fronte
Prévert Jacques, 2004, Guanda

 

L'amore e altro. Aforismi per una vita libera
Prévert Jacques, 2003, Guanda

 

Prévert. Vita di un poeta
Courrière Ives, 2003, Guanda

 

Spettacolo. Testo francese a fronte
Prévert Jacques, 2003, Guanda

 

Tornerà il tempo delle giraffe
Prévert Jacques, 2002, Salani

 

Quand'ero bambino
Prévert Jacques, 2001, Guanda

 

Fatras
Prévert Jacques, 1999, Guanda

 

Il Prévert di Prévert. Testo originale a fronte
Prévert Jacques, 1998, Guanda

 

Questo amore. Poesie per giovani innamorati
Prévert Jacques, 1998, Salani

 

Gran ballo di primavera
Prévert Jacques, 1997, Guanda

 

Graffiti. Poesie di una vita. Testo a fronte
Prévert Jacques, 1995, Guanda

 

Le foglie morte. Testo a fronte
Prévert Jacques, 1993, Guanda

   

Per una ricerca più completa di LIBRI - FILM - MUSICA CD/DVD: