Selezione di poesie di Nazim Hikmet

Sei la mia schiavitù - Hikmet
Sei la mia schiavitù

amo in te - Hikmet
Amo in te

anima mia - Hikmet
Anima mia

Addio - Hikmet
Addio

il più bello - poesia di Hikmet
Il più bello

Il cavaliere - poesia di Hikmet
Il cavaliere...

sei - poesia di nazim hikmet
Sei

Ti amo come - - poesia di Hikmet
Ti amo come

i tuoi occhi - poesia di Hikmet
I tuoi occhi

I giorni son sempre più brevi- poesia di Hikmet
I giorni son sempre più brevi

Le sedie dormono in piedi - poesia di Hikmet
Le sedie dormono in piedi

E' l'alba - poesia di Hikmet
E' l'alba

Notte d'autunno - poesia di Hikmet
Notte d'autunno

Poesie dal carcere - di Hikmet
Poesie dal carcere

Poesie dall'esilio - di Hikmet
Poesie dall'esilio



Nazim Hikmet biografia

Hikmet nasce a Salonicco nel 1901.

Hikmet è una delle più importanti figure della letteratura turca del Novecento e uno dei primi poeti turchi ad usare i versi liberi.

Hikmet diventa, ancora da vivo, uno dei poeti turchi più conosciuti in Occidente e i suoi scritti sono stati rapidamente tradotti in diverse lingue.

Condannato per marxismo è il solo scrittore d'importanza ad evocare i massacri armeni del 1915 e 1922.

Nato a Salonicco (attualmente in Grecia) dal funzionario Nazim Hikmet Bey e dalla pittrice Aisha Dshalila studia nel liceo francese di Galatasaray (Istanbul) e nell'Accademia della Marina militare, che deve però lasciare per ragioni di salute.

Durante la guerra d'indipendenza, si schiera subito con Atatürk (Mustafa Kemal) in Anatolia e lavora come insegnante a Bolu. Studia poi sociologia presso l'università di Mosca (1921-1928) e diventa membro del partito comunista turco negli anni venti.

Dopo il suo ritorno in Turchia nel 1928, senza visto, Hikmet scrive articoli, scenari ed altri scritti. E' condannato alla prigione per il suo ritorno irregolare, ma amnistiato nel 1935.

Nel 1938, è condannato a 28 anni e 4 mesi di prigione per le sue attività anti-naziste e anti-franchiste e per essersi opposto alla dittatura di Kemal Ataturk.

Grazie all'intervento di una commissione internazionale della quale facevano parte, tra gli altri, Pablo Picasso, Paul Robeson, Jean-Paul Sartre sconta "solo" 12 anni e nel 1950 viene liberato.

Si sposa con Münevver Andaç, una bravissima traduttrice in francese e polacco.

Nel 1951, a causa delle costanti pressioni, è costretto a ritornare a Mosca, ma la moglie e il figlio non possono seguirlo ed egli trascorre il suo esilio in tutta Europa, perdendo la cittadinanza turca per diventare poi polacco.
Nel 1960 si innamora della giovane Vera Tuljakova e la sposa.

Ma muore il 3 giugno 1963 a causa di una crisi cardiaca mentre si trova in esilio a Mosca.



Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI



Libri di Nazim Hikmet

  Cantastorie della rivoluzione. Nâzim Hikmet, Joyce Lussu, Velso Mucci
D'Angelo Giacomo, 2008, Solfanelli
  Poesie d'amore. Con audiolibro. CD Audio
Hikmet Nazim, 2007, Mondadori
  Vita del poeta Nazim Hikmet
Lussu Joyce, 2008, Cattedrale
  Poesie d'amore
Hikmet Nazim, Doisneau Robert, 2006, Mondadori
  La conga con Fidel
Hikmet Nazim, 2005, Fahrenheit 451
  Poesie
Hikmet Nazim, 1980, Newton Compton
  Il nuvolo innamorato e altre fiabe
Hikmet Nazim, 2003, Mondadori
  Poesie d'amore
Hikmet Nazim, 1980, Mondadori