EBRIETA'

Boris Pasternak - Ebrietà
Sotto il salice avvinto dall'edera,
cerchiamo scampo all'intemperie.

Ci ripara le spalle un mantello,
intorno a te le mie braccia si avvincono.

Ma no. Le piante nel folto
non s'avvolgono d'edera, ma d'ebrietà.
Stendiamo, allora, questo mantello.




DICHIARAZIONE

Boris Basternak  Poesia D'Amore Essere donna è un gran passo,
fare impazzire, eroismo.

E io dinnanzi al miracolo di mani,
schiena, spalle e di un collo di donna
con devozione di servo
la vita tutta riverisco.

Ma per quanto la notte m'incateni
con un anello d'angoscia,
più forte è al mondo l'aspirazione ad evadere
e la passione attira alle rotture.




POESIA D'AMORE

Nessuno sarà a casa
solo la sera. Il solo
giorno invernale nel vano trasparente
delle tende scostate.

Di palle di neve solo, umide, bianche
la rapida sfavillante traccia.

Soltanto tetti e neve e tranne
i tetti e la neve, nessuno.

E di nuovo ricamerà la brina,
e di nuovo mi prenderanno
la tristezza di un anno trascorso
e gli affanni di un altro inverno,
e di nuovo mi tormenteranno
per una colpa non ancora pagata,
e la finestra lungo la crociera
una fame di legno serrerà.

Ma per la tenda d'un tratto
scorrerà il brivido di un'irruzione .
Il silenzio coi passi misurando
tu entrerai, come il futuro.

Apparirai presso la porta,
vestita senza fronzoli, di qualcosa di bianco,
di qualcosa proprio di quei tessuti
di cui ricamano i fiocchi.




ROTTURA

Boris Pasternak - Rottura
Leccherà il pianoforte la sua bava.

Ti svellerà, ti falcerà un delirio.

Dirai: o caro! Io dirò: no. All'oscuro
si uniranno le nostre bocche avide.

Gli accordi come pagine di libro
getteremo nel fuoco anno per anno.

Oh intelligenza magica fa un cenno.

Fallo e stupisci. Ormai tu sei libera.

Io non ti tengo. Ad altri va. Il tuo bene
ad altri reca. Werther fu già scritto.

Oggi odora anche l'etere di lutto.

Se apri una finestra, apri una vena.




IN OGNI COSA

Boris Pasternak - In ogni cosa
In ogni cosa ho voglia di arrivare
sino alla sostanza.

Nel lavoro, cercando la mia strada,
nel tumulto del cuore.

Sino all’essenza dei giorni passati,
sino alla loro ragione,
sino ai motivi, sino alle radici,
sino al midollo.

Eternamente aggrappandomi al filo
dei destini, degli avvenimenti,
sentire, amare, vivere, pensare
effettuare scoperte.





Boris Pasternak biografia

Boris Pasternak biografia e poesie Boris Pasternak nacque a Mosca nel 1890 da una famiglia di intellettuali di origine ebrea, odessiti.

Il padre Leonid era pittore di fama e amico di Tolstoj, la madre Rozalija Kaufman concertista.

Studia composizione al conservatorio e filologia all'università di Mosca.

Nel 1921 i suoi genitori lasciano la Russia e Boris Pasternak segue a Marburgo le lezioni del filosofo neokantiano Cohen.

Si laurea poi all'università di Mosca. Partecipa al clima intellettuale fervido degli anni immediatamente seguenti alla rivoluzione.

Poi vengono gli anni dello stalinismo e della guerra. Pasternak aderisce alla rivoluzione russa, cercando di essere sempre leale con il regime pur senza nascondere le atrocità commesse.

Prende posizione contro le terribili condizioni dei contadini collettivizzati, intercede presso Bucharin per salvare Osip Mandel'stam che aveva scritto un'ode contro Stalin, mantiene contatti con esuli e internati.

Mostrando un coraggio eccezionale negli anni delle purghe staliniste, mentre molti suoi amici subivano il carcere o il suicidio, come l'amata Marina Cvetaeva.

Nel 1958 è costretto dal regime a rinunciare al Nobel che polemicamente e in senso anti-sovietico gli occidentali gli avevano assegnato con questa motivazione: "Per le sue importanti conquiste nella poesia lirica contemporanea e nel campo della tradizione epica della grande Russia.".

«l'abbandono della Russia sarebbe la mia morte», scrisse nel novembre 1958 sulla «Pravda».

Visse gli ultimi anni rigidamente controllato dal regime. Morì a Peredelkino [Mosca] nel 1960.




Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI



Libri di Boris Pasternak

  Il dottor Zivago. Ediz. limitata. Con DVD
Pasternak Boris, 2007, Feltrinelli
  Autobiografia
Pasternak Boris, 2007, Feltrinelli
  Il salvacondotto
Pasternak Boris, 1998, Passigli
  Boris Pasternak
Fleishman Lazar, 1993, Il Mulino
  Borìs Leonidovic Pasternàk: l'idillio e la rivoluzione
Campa Riccardo, 2004, Il Mulino
  il caso Pasternak
D'Angelo Sergio, 2006, Bietti-Società della Critica
  Opere narrative
Pasternak Boris, 1994, Mondadori
  La nascita di un poeta. Boris Pasternak
Silhankova Di Simplicio Dasa, 1990, Liguori
  La russia di Pasternak. Dal futurismo al Dottor Zivago
1999, Feltrinelli
  Il soffio della vita. Corrispondenza con Evgenjia (1921-1931)
Pasternak Boris, 2001, Feltrinelli
  Il tempo della tirannia. Nabokov, Bulgakov, Pasternak, Solzenicyn
Serretti Daniele, 2000, Studium