Giotto Vita di Gioacchino (1304)




Biografia e vita di Giotto (1267-1337)

DIPINTO di Giotto Statua di Giotto Abbiamo poche notizie storiche sulla vita di Giotto Ambrogio di Bondone ed oltre gli aneddoti che ci hanno raccontato a scuola (Cimabue che trova Giotto che dipinge le pecore su un sasso, la famosa "O" di Giotto, la mosca dipinta da Giotto su un dipinto del maestro) possiamo fare solo supposizioni.

Probabilmente Giotto nasce nel 1267, a Colle di Vespignano, presso Vicchio di Mugello da una famiglia contadina.

Certamente frequenta la bottega del maestro Cenni di Pepo, detto Cimabue, dal quale apprende i rudimenti della pittura, lo stile del maestro, che è di derivazione prettamente bizantina, pur maturando un proprio stile rivoluzionario per l'epoca.

E' documentato che nel 1287 Giotto si sposò con Ciuta di Lapo del Pela, dalla quale ebbe cinque figli: quattro femmine e un maschio.

Opera di Giotto Nel 1288 il giovane Giotto accompagna il Maestro per eseguire lavori a Roma.

La pittura di Giotto si stacca progressivamente dai canoni del suo maestro, Cimabue, pur mantenendo l'intensità drammatica, il senso della grandezza, i panneggi stirati ed i volti seri, i suoi personaggi, sono più umani, più legata alla realtà terrena.

Ad Assisi Giotto si occupa della decorazione della Chiesa Superiore di San Francesco ed in questi affreschi, soprattutto in quelli del ciclo del Nuovo Testamento, si notano ancora alcuni tratti stilistici che accomunano Giotto e Cimabue.

A Roma, Giotto lavora nella Basilica di San Giovanni in Laterano e ad altri affreschi eseguiti in occasione del Giubileo del 1300, indetto da Papa Bonifacio VIII.

In questo periodo la pittura di Giotto raggiunge il suo massimo splendore ed anche la sua fama.

Persino Dante parla di lui nella Divina Commedia e del fatto che l'allievo abbia superato il maestro:"...credette Cimabue nella pittura tener lo campo"....ora Giotto ha il grido". Pittura di Giotto

Giotto possiede una bottega ormai famosa dove lavorano parecchi discepoli che sono in grado di completare, con il suo stile, le opere da lui impostate.

Nei primi mesi del 1306, a Padova, Giotto termina il suo capolavoro: La Cappella degli Scrovegni, considerata il capolavoro della pittura del Trecento italiano ed europeo, che contiene il ciclo più completo di affreschi realizzato da Giotto nella sua maturità.

Con questi affreschi Giotto racconta, in modo poetico ed umanissimo, le storie della Madonna e di Cristo.

Sotto a questi 13 affreschi, Giotto ha dipinto una serie di riquadri che illustrano le allegorie dei Vizi e delle Virtù.
Dopo Padova, Giotto, conteso dai signori delle ricche città, si mosse fra Ravenna, Bologna, Verona e Rimini, per tornare periodicamente a Roma

Nel frattempo, i Frati Francescani, avevano finito di costruire le cappelle, lungo la navata e dietro il transetto della Basilica di San Francesco e Giotto tornò a più riprese per completare gli affreschi che ancora oggi sono l'orgoglio di Assisi.
Affresco di Giotto
Dal 1311 in poi Giotto vive prevalentemente nella sua Firenze dove amministra le sue ricchezze.

In questo periodo Giotto lavora alle Cappelle delle famiglie facoltose di Firenze poste nella chiesa di Santa Croce, delle quali solo due sono sicuramente attribuibili a Giotto: le cappelle dei Peruzzi e dei Bardi.

In queste cappelle, affrescate fra il 1320 ed il 1325 si trova tutta la maturità del pittore che ha rivoluzionato la pittura dell'epoca.

La straordinaria spazialità, resa in particolare dalla disposizione delle figure rende drammatica la narrazione della storia e dolorosamente umane e realistiche le espressioni dei personaggi.

Spesso nel mondo dell'arte si ripropone il problema dell'attribuzione, dei dipinti del Maestro, perché spesso Giotto, quale Maestro di una bottega rinomata, curava solo il disegno delle opere, lasciando il resto ai discepoli.

Quadro di GiottoGiotto oltre che alla pittura, ai colori ed al disegno, si interessava di Medicina, dato che verso i sessant'anni, nel 1327 s'iscrive all'Arte dei Medici e degli Speziali.

Tra il 1328 e il 1333 Giotto lavora a Napoli alla Corte dei D'Angiò, nominato "famigliare" da l Re, ma dei suoi affreschi nulla è arrivato fino a noi.

Nel 1334 Giotto, nominato Capomaestro dell'Opera del Duomo di Firenze, inizia i lavori per la costruzione del campanile del Duomo, lavoro che non riesce a finire perchè muore l'8 gennaio 1337.

 Forse fu a causa della morte del pittore, che il Campanile non venne elevato fino a mt. 110, come dal disegno di Giotto, ma solo 85 mt., e che ci vollero altri ventidue anni per completarlo.




Galleria opere d'arte di Giotto

slideshow
slideshow

Giotto Francesco dona il mantello (1297)
Francesco dona il mantello (1297)

Giotto Vita di Gioacchino (1304)
Vita di Gioacchino (1304)

Giotto Ascensione (1304)
Ascensione (1304)

Giotto Natività della Vergine (1304)
Natività della Vergine (1304)

Giotto Angelo Gabriele (1306)
Angelo Gabriele (1306)

Giotto La visitazione (1306)
La visitazione (1306)

Giotto La visitazione (1310)
La visitazione (1310)

giotto Maddalena e cardinal Pontano (1320)
Maddalena e cardinal Pontano (1320)

giotto Il bacio di Giuda
Il bacio di Giuda

giotto Resurrezione di Lazzaro
Resurrezione di Lazzaro

giotto Noli me tangere (particolare)
Noli me tangere (particolare)

giotto Noli me tangere (1320)
Noli me tangere (1320)

giotto Eremita dona mantello alla Maddalena (1320)
Eremita dona mantello alla Maddalena (1320)

giotto Maddalena parla con gli angeli (1320)
Maddalena parla con gli angeli (1320)

giotto Viaggio della Maddalena a Marsiglia (1320)
Viaggio della Maddalena a Marsiglia (1320)

giotto Cappella Scrovegni
Cappella Scrovegni

giotto Pentecoste
Pentecoste


Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI



Libri e DVD su Giotto

  I volti segreti di Giotto. Le rivelazioni della Cappella degli Scrovegni
Pisani Giuliano, 2008, Rizzoli
  Giotto
Cavazzini Laura, 1996, Giunti Editore
  La croce di Giotto. Il restauro
1995, Federico Motta Editore
  Giotto 1267-1337. La rinascita della pittura in Italia
Tomei Alessandro, 2009, Skira
  I grandi maestri della pittura. Giotto: la radice della pittura moderna
Cinehollywood
  L'Italia di Giotto. Itinerari giotteschi
2009, Gangemi
  I tesori dell'arte. Giotto: la cappella degli Scrovegni
Cinehollywood, 2009
  Frammenti di memoria. Giotto, Roma e Bonifacio VIII
2009, Ist. Storico per il Medio Evo
  Giotto. La legende franciscaine dans la basilique d'Assise
Dozzini Bruno, 2007, Minerva
  L'affare migliore di Enrico. Giotto e la cappella Scrovegni
Frugoni Chiara, 2008, Einaudi
  L'eredità di Giotto. Arte a Firenze 1340-1375
2008, Giunti Editore
  Dagli eredi di Giotto al primo Cinquecento. Ediz. italiana e inglese
Moretti Fabrizio, 2007, Polistampa
  Dante, Petrarca, Giotto, Simone. Il cammino obliquo: la svolta del moderno
Capasa Valerio; Triggiani Emanuele, 2007, Edizioni di Pagina
  Nel segno di Giotto. Cinque percorsi artistici
2008, APM
  Giotto
Tartuferi Angelo, 2007, Giunti Editore
  La cronaca del Trecento italiano. Vol. 1: Giorno per giorno l'Italia di Giotto e Dante.
Ciucciovino Carlo, 2007, Universitalia
  Giotto a Napoli
Leone De Castris Pierluigi, 2007, Electa Napoli
  Giotto a Padova
2008, Skira
  Giotto com'era. Il colore perduto delle storie di S. Francesco nella Basilica superiore di Assisi
Seccaroni Claudio, 2007, De Luca Editori d'Arte
  Il tocco di Giotto
Pears Iain, 2008, Longanesi
  Giotto. Ediz. italiana
Wolf Norbert, 2007, Taschen
  La O di Giotto
Romano Serena, 2008, Mondadori Electa
  Inferni e paradisi. L'Italia di Dante e Giotto
Crouzet Pavan Elisabeth, 2007, Fazi
  Il lavoro e l'ideale. Il ciclo delle formelle del campanile di Giotto
Carlotti Mariella, 2008, Società Editrice Fiorentina
  Il mestiere dell'artista. Da Giotto a Leonardo
Strinati Claudio, 2007, Sellerio Editore Palermo
  Mugello culla del Rinascimento. Giotto, Beato Angelico, Donatello e i Medici. Ediz. italiana e inglese
2008, Polistampa
  Rinascimento in Valdarno. Una mostra per cinque maestri. Giotto, Masaccio, Beato Angelico, Andrea Della Robbia, Domenico Ghirlandaio. Ediz. italiana e inglese
2007, Polistampa
  Giotto
Fry Roger, 2008, Abscondita